Migrantes. I numeri del silenzio

I Tg di mercoledì 9 dicembre – La strage silenziosa sulla tratta del Mare Egeo, con le sei vittime di ieri e le 11 di oggi, riaffiora nei Tg di serata guadagnando titoli su tutte le testate e l’apertura su Tg1 e Tg3. A spiccare nei servizi i dati odierni della Fondazione Migrantes , che denunciano come i morti nelle traversate del Mediterraneo siano raddoppiati dal 2014: 3.200 annegati, tra i quali 700 bambini; una “strage degli innocenti” (Tg4) capace almeno oggi di imporsi anche su testate che, nelle settimane precedenti, avevano completamente ignorato le notizie sul fronte degli sbarchi. Le avvisaglie di una possibile procedura contro l’Italia avviata dall’UE per il mancato rispetto delle procedure di registrazione viene affrontata con più accuratezza dal Tg1, che riprende la risposta irata (e scontenta) del ministro Alfano.

Rimanendo in tema, segnaliamo il titolo dedicato da Tg La7 (servizio per Tg5) allo sconcertante sondaggio che attesterebbe come gli slogan del candidato repubblicano Donald Trump – “Chiudiamo le porte agli islamici. Internet va chiusa” – abbiano incontrato il consenso della maggioranza assoluta degli intervistati, tra lo sconcerto dei suoi stessi colleghi di partito.

Ad un giorno dall’aperture del Giubileo della Misericordia, i Tg Rai titolano sulle dichiarazioni odierne di Papa Francesco (servizio per il Tg5), che ribadisce che la Chiesa ha “bisogno” di misurarsi e riflettere sul tema della “misericordia”: un bisogno condivisibile per credenti e laici, ma anche espressione della solitudine del Papa . Di rilievo il commento di Massimo Cacciari, ospite al Tg3, che riflette come l’apparentemente “banale” invito del Pontefice sia rivolto tanto verso un’Europa che si mostra tuttora incapace, o forse indifferente, verso i bisognosi (leggi l’odierna tragedia del mare) ma anche prevenuta verso il mondo islamico moderato che rifiuta l’estremismo radicale e il terrorismo stragista.

Granze spazio tra le scalette di stasera alle polemiche sulle misure attuate dal governo per venire incontro agli oltre 130.000 risparmiatori lesi a seguito del salvataggio delle 4 banche operato con un intervento del governo: apertura per Tg4 e Tg La7, titoli per Tg1 e Tg3. Tra le analisi e le testimonianze di correntisti invitati (o indotti) a sottoscrivere obbligazioni “pericolose” e che hanno perso i propri risparmi, i servizi di La7 sono i soli ad inquadrare le similitudini tra la vicenda presente e lo scandalo Parmalat, osservando come “La storia ha – evidentemente – insegnato poco”. Da segnalare la copertura del Tg4, incentrata su di un risparmiatore 70enne suicida che si sarebbe tolto la vita perché “beffato dal salva-banche”. Le opposizioni di Bruxelles alle misure proposte dal ministro Padoan per venire incontro ai correntisti figurano sui Tg Rai mentre rimangono sotto traccia su quelli Mediaset.

“La realtà è che siamo in guerra”: le dichiarazioni dal capo del Pentagono Ash Carter ed i commenti “sfuggiti” al Presidente Putin che nel corso di un colloquio ha ricordato che i missili con cui le forze russe stanno bombardano le basi Isis a Raqqa potrebbero, potenzialmente, venir armati anche con testate nucleari, ottengono ampie coperture e l’apertura per Tg2 e Tg5.

Tra i tanti temi di una giornata amica di notizie fa di nuovo capolino anche la politica interna. Tutte le testate documentano la possibile ripartenza di un improbabile cantiere del centrosinistra, dove prevalgono però gli scontri pre-primarie e, quindi, gli inviti dei sindaci di Milano, Cagliari e Genova per una sinistra unita contro la destra estremista e i populismi sembrano cadere nel vuoto. Le posizioni di un Salvini “al comando” che rivendica la guida del centrodestra figurano sui Tg Rai e La7, mentre non casualmente latitano sulle testate di Cologno Monzese.

Gli appelli del Presidente della Repubblica Mattarella durante la Giornata Mondiale Onu contro la corruzione figurano nell’informazione di serata esclusivamente a fine edizione nelle testate Rai.

Riportiamo in chiusura come, stasera, molti telegiornali abbiamo dedicato titoli e servizi sull’emergenza smog che si prefigura nel milanese. Per convesso, gli sviluppi del vertice di Parigi che si concluderà questo venerdì sono oggetto d’approfondimento solo su Tg2, che vi dedica due ampli servizi.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali