Osservatorio TG

Papa Francesco – Zoòn politikòn

I Tg di giovedì 18 febbraio – La consueta conferenza stampa di Papa Francesco durante il volo di ritorno dal Messico occupa l’apertura di molte testate (Tg2, Tg3, Tg5), mettendo in secondo piano anche l’atteso vertice del Consiglio d’Europa (apertura per Tg1 e Tg La7), dove le trattative per scongiurare Brexit paiono ancora in alto mare. Gli interventi del Pontefice, i duri giudizi sul candidato americano Donald Trump, definito per la sua politica “di muri e non di ponti”, senza mezze parole, “un non cristiano” e la violentissima risposta di questo losco figuro, sono enfatizzati soprattutto da Tg La7. Francesco, accusato “di far politica” da Trump, risponde per le rime dicendosi soddisfatto di essere un “animale politico”. I Tg Rai privilegiano l’intenzione del Papa di non volersi immischiare nel dibattito tutto italiano sulle unioni civili. I Tg Mediaset e Tg2 riprendono anche l’apertura del Pontefice sull’uso del contraccettivo per contrastare la diffusione del virus zika.

Tornando sul vertice europeo, i Tg delle 20 fanno in tempo a diffondere i primi rumors sulle posizioni di Cameron, che rivendica la massima autonomia del suo paese rispetto alle regole dell’Unione. Per Tg La7 domani sarà la giornata decisiva: “o la va o la spacca”. Sul fronte dell’immigrazione, la risposta dell’Austria, che rifiuta i rilievi europei sulla quota giornaliera “auto-fissata” di 80 ingressi di richiedenti asilo, viene affiancata in molti servizi ad un’immagine simbolica: lo scatto vincitrice del premio “foto dell’anno 2015” che riprende un profugo intento, in una notte dello scorso agosto al chiaro di luna, a oltrepassare col suo figlio neonato il muro di filo spinato sul confine serbo ungherese.

Il pantano in cui sembra essere sprofondata la discussione sulle unioni civili, con le nuove accuse dell’ideatrice Cirinnà rivolte, stavolta, alle “porcate di certi renziani” (Studio Aperto) continua ad ottenere titoli e servizi, soprattutto in casa Mediaset. Discorso opposto vale per gli odierni contrasti tra i leader di destra sulla candidatura alle comunali di Roma di Bertolaso. Se sui Tg Rai e La7 il passo indietro di Salvini e la reazione adirata della Meloni sono oggetto di analisi e riflessione, sulle testate minori Mediaset a trionfare è l’odierno endorsement di Berlusconi al “candidato del centro destra unito”.

Lo scandalo tangenti della sanità lombarda resta alto su tutte le testate. Ci ha incuriosito un servizio del Tg4 che, in chiave “amarcord”, ha riepilogato i nascondigli più estrosi delle mazzette durante gli anni di tangentopoli, tra reggiseni e freezer.

Alla “doccia fredda” delle stime a ribasso dell’Ocse sulla crescita italiana nel 2016 (che passa dall’1,4 all’ 1%) si affianca stasera l’intervento del Presidente della Corte dei Conti che ha parlato del “parziale insuccesso” della spending review, con conseguente “fallimento” delle precedenti politiche dell’austerity che oltretutto hanno provocato diminuzioni nei servizi ai cittadini (apertura per Tg4, titolo per Tg3 ed i Tg delle 20).

Registriamo come, almeno per oggi, la guerra in Siria sia passata in secondo piano, fatta eccezione per Tg3, che ritorna sulla pericolosa escalation militare tra Turchia e Russia. Le dure dichiarazioni del governo di Ankara, che parla senza mezzi termini di “guerra ai curdi” in rappresaglia agli attentati di ieri e oggi, sono presenti nei servizi di Tg1, Tg5, e Tg La7.

Segnaliamo in chiusura diversi buoni servizi: l’approfondimento del Tg2 sulla nuova guerra di camorra che viene combattuta per le strade di Napoli con ospite in studio il Procuratore Capo Antimafia Roberti; Tg3 ci presenta la prima Nazionale di calcio a 5 per malati mentali, mentre Tg La7 dà molto spazio (titolo e servizio) all’inchiesta de L’Espresso sui profughi minorenni non accompagnati che risultato scomparsi, ma che da mesi vivono nelle fognature della Stazione Termini, inevitabilmente dediti a furti e prostituzione.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa