L'opinione

Un vertice di ricatti e veleni

78

I Tg di venerdì 19 febbraio – Al tesissimo vertice europeo vanno le aperture di Tg1, Tg4, Tg5 e Tg La7. Con le trattative per scongiurare la Brexit ancora in corso mentre scriviamo, le cronache della giornata non possono che riportare gli strappi ed i botta e risposta di un incontro che vede “tutti contro tutti” (Tg4) con scarse possibilità di soluzioni condivise. Studio Aperto parla di “dialogo tra sordi”, mentre per TgLa7 queste sono ore di ricatti e veleni. L’immagine di una “Europa in pezzi” viene proposta sui molti servizi, che si riempiono degli scontri della mattinata (Renzi vs paesi dell’Europa dell’est su contributi europei e quote di immigrati) e del pomeriggio (Tsipras che minaccia di porre il veto sulla Brexit contro la Germania) senza azzardarsi in giudizi o previsioni. “Vedremo cosa succederà in nottata” conclude Mentana. Tg La7 ipotizza che in queste ore caotiche stia crescendo la leadership italiana, all’interno di una nuova alleanza con la Merkel e la Gran Bretagna. Sempre La7 è l’unica testata a dedicare un servizio all’altro imminente e teso incontro di giornata: la seduta straordinaria dell’Onu richiesta dalla Russia per questa notte per denunciare la minaccia turca di un’invasione della Siria. Tg2 dà spazio alle parole di Hollande che paventa un conflitto diretto tra le due potenze.

Sempre in tema di guerra, i bombardamenti condotti in territorio libico dall’aviazione statunitense contro obbiettivi del Daesh compaiono sui titoli dei Tg Rai, Tg5 e Tg La7. Maggior spazio e le aperture di Tg2 e Tg3 va comunque all’odierno naufragio vicino le coste di Agrigento dove la guardia costiera ha salvato 30 migranti. Buone le coperture del Tg5 su entrambe le notizie. Più spazio sulle reti minori Mediaset alle ennesime atrocità condotte dal sedicente stato islamico nei territori occupati in Iraq.

Passando alle miserie della politica interna, grande spazio stasera al Berlusconi pensiero con la lunga intervista all’ex cavaliere sul Tg5 rimandata in onda quasi in integrale sulle altre testate Mediaset . Il forte endorsement del leader di FI in favore del “candidato delle destre unite” Guido Bertolaso, confligge con le reticenze di Salvini, a mala pena segnalate in un servizio di ieri del Tg5. Sulle frizioni tra i tre leader della destra sul candidato per la capitale tornano invece i Tg Rai e La7, con Giorgia Meloni che, intervistata dal Tg3, lamenta come i “dietrofront” di Salvini siano lesivi alla credibilità dell’alleanza. Berlusconi riceve spazio stasera anche sui Tg1, ma nei panni di manager sportivo in una lunga intervista sugli ultimi 30 anni di storia del Milan.

I dati Istat che fotografano un Paese in forte decrescita demografica, e da cui oltre 100.000 tra giovani ed anziani “emigrano” all’estero, campeggiano su tutte le testate suscitando amare riflessioni. I contributi più salienti giungono da Tg5, che intervista una sociologa sui processi d’integrazione degli stranieri nel nostro Paese (oramai l’8% della popolazione) e Tg2 che dedica il suo approfondimento al fenomeno della “fuga dei cervelli”.

La politica USA piace ai Tg, e così molte testate tornano fin dai titoli allo scontro a distanza tra l’uomo mediaticamente più seguito al mondo ed il candidato repubblicano Donald Trump, definito ieri dal Papa un “non cristiano”. Se le testate Rai presentano il candidato della destra americana costretto ad adottare toni più pacati dopo le offese al Pontefice, Tg5 in qualche modo lo nobilita, dedicando la ad un Donald Trump capace, “dopo ogni attacco, di tirare fuori nuove energie”.

Segnaliamo in chiusura l’intensificarsi sulle testate minori Mediaset di tendenze già note, ma che nelle scorse giornate hanno riacquistato vigore: la presenza di servizi con tinte securitarie, cui oggi da man forte anche il giornalista Del Debbio, e la tendenza ad abusare di “promo di rete”, con Tg4 che ne colleziona ben 3 nella stessa edizioni.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli