Osservatorio TG

Piove sul bagnato

I Tg di giovedì 24 novembre – Scontate quanto doverose le aperture per tutti sul maltempo che flagella il nord-ovest. Come ogni novembre i Tg di serata sono costretti a mandare in onda immagini nuove, ma sostanzialmente identiche, di strade sprofondate, piazze e case allagate, ponti portati via dalla furia delle acque. I luoghi sono spesso gli stessi: le valli piemontesi, il Tanaro, il Po ingrossato, il Levante e il Ponente Ligure. Noi che osserviamo da 8 anni i Tg di serata, a nostra volta dobbiamo scrivere le stesse cose, recensire servizi analoghi quasi che si trattasse di tormentoni quali “le città deserte per ferragosto” o “le tendenze degli acquisti di Natale”. La differenza sta nei drammi sottostanti a queste immagini che si ripropongono, e, temiamo, nel bilancio delle vittime che speriamo in questa e nelle prossime occasioni di non dover contare.

La politica ripropone stancamente il dichiarazionismo di giornata sul referendum, con qualche “chicca” esterofila quale l’articolo dell’Economist con l’endorsment per il no. Titolo per Tg1 e ampio spazio su TgLa7, che segnala come la Fiat-Chrysler (che con la famiglia Agnelli è primo azionista dell’Economist) nelle stesse ore abbia invece con Marchionne ribadito l’apprezzamento per la riforma. La moderazione di Berlusconi che preconizza un Renzi ancora a Palazzo Chigi anche in caso di sconfitta del sì: nei titoli per Tg5 e nei servizi per quasi tutti. Curiosa la dichiarazione dlla Sindaca Raggi che promette di non accettare il seggio senatoriale in caso di vittoria di Renzi. Il premier, infine, invita se stesso e gli altri alla moderazione dei toni, ma l’impressione è che i buoi siano abbondantemente fuori della stalla. I guai di Cinque Stelle per le firme a Palermo e a Bologna non segnalano novità di giornata, tantomeno i passi indietro richiesti da Grillo. Infine segnaliamo lo spazio dato da Mentana allo “svelamento” dell’identità della blogger dell’area grillina Beatrice Di Maio i cui post sono stati oggetto di una denuncia da parte del Sottosegretario Lotti: si tratta della moglie di Brunetta, che si è comunque detto “felice si trovarsi un agit-pro pentastellato in casa.

Forte l’attenzione su tutte le testate all’ennesimo femminicidio in Brianza (titoli per Mediaset).

Per gli esteri attenzione diffusa all’abbandono da parte del tedesco Schulz della Presidenza di Strasburgo, in vista (forse) di una candidatura alle elezioni politiche tedesche del prossimo anno. Titoli e servizi su Rai e La7. Tg5 sceglie invece nei titoli il “Trump dal volto umano” di queste ultime ore: due donne, di cui una “moderata” nella squadra e forse – udite, udite! – un repubblicano di colore. Chi si accontenta gode.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia