L'opinione

Politica e cabaret

38
politica

I Tg di mercoledì 20 maggio – I Tg segnalano con nonchalance che i deputati della Lega hanno consegnato un esposto ai Carabinieri contro il governo perché “non protegge i cittadini dal terrorismo”. In Aula va in onda la consueta baraonda a base di minacce verbali seguita da espulsioni. Nei corridoi di Montecitorio gli avversari “si incontrano al bagno” per darsele, memori forse di quello che facevano a scuola, e un imbarazzata Boldrini chiede lumi, ricevendo da un onorevole Pd la versione dei Cinque Stelle “maneschi”. TgLa7 rifiuta di considerare “normale” tutto ciò, e lo sottolinea con lo sguardo accigliato di Mentana.
L’alibi odierno per i politici abituati a virare verso il cabaret è la vicenda, in realtà assai seria, dell’arresto vicino Milano del marocchino ventiduenne su mandato di cattura internazionale della magistratura tunisino che lo accusa di aver organizzato, prendendovi parte, l’assalto al Museo del Bardo. Per la destra e i Tg Mediaset il fatto che il presunto terrorista sia giunto in Italia a febbraio su un barcone rappresenta la conferma dell’abbinamento profugo-terrorista e l’ennesima occasione per chiedere le dimissioni di Alfano. Le dichiarazioni delle autorità italiane sono però “caute”, e Mentana lo segnala fin dai titoli; anche gli altri mandano in onda le dichiarazioni della madre, da anni regolarmente residente in Italia, che assicura che suo figlio non è mai stato in Tunisia e che nei giorni dell’attacco a Tunisi era a scuola (come al momento sembrerebbe confermato).
La Buona Scuola licenziata da Montecitorio compatta le opposizioni più distanti tra loro e anche quella della minoranza Pd, che non partecipa al voto e “spera” in qualche modifica al Senato. Vendola manifesta in piazza, e nella sua “narrazione” entra anche il “sadismo” del governo contro il mondo della scuola; i Tg riprendono, ma non colgono la provocazione linguistica che si rifà al “masochismo” di cui Renzi accredita i suoi contestatori di sinistra. Per Tg4 la valutazione-aspirazione è che la scuola sarà “il Vietnam di Renzi” (titolo).
Il rapporto annuale dell’Istat conferma che un pezzo d’Italia – il centro-nord – sta rialzando la testa, mentre al sud i segnali sono solo negativi. Tg2 approfondisce le modifiche intervenuto nelle modalità e nei luoghi del consumo dei generi di prima necessità: ambulanti su, negozi e grande distribuzione giù, aumento delle attività commerciali gestite da stranieri.
Per gli esteri l’attenzione al medio oriente e alle convulsioni greche è accettabile su Tg2 e Tgla7, scarsa sugli altri.
E’ raro che lo stesso “piatto della casa” compaia su Mediaset e su La7. Questa sera le intemperanze, verbali e non solo, di Formigoni all’aeroporto di Linate (parolacce, scatti d’ira, maleducazione, ecc.) da dove non è riuscito a partire per un ritardo all’imbarco, sono proposte anche da Mentana, con tanto di titolo.

Dati auditel dei Tg di martedì 19 maggio 2015

Schermata 2015-05-21 alle 01.00.05

Fonte:www.tvblog.it

 

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione