Postumi di campagna elettorale

I Tg di venerdì 12 giugno – Domenica (e in Sicilia anche lunedì) si vota per i ballottaggi in alcune importanti città, soprattutto al nord. Solo Tg2 sembra ricordarsene, proponendo un mini confronto a distanza tra i 2 candidati sindaci di Venezia. Anche l’impegno dei politici sembra a prima vista relativo, ma in realtà nei toni utilizzati sull’immigrazione e contro Marino c’è forse un segno dell’attenzione alle sfide comunali. Maroni che richiede l’intervento dell’esercito e invita la polizia a sparare (se necessario), dimentica di essere stato ministro dell’interno ma è’ presente su tutti per questa affermazione da vero statista occidentale, a commento dell’assalto a colpi di machete contro 2 ferrovieri in un treno milanese. Vanno segnalate le differenti impaginazioni soprattutto per ciò che riguarda Mediaset. In apertura su Studio Aperto e “piatto di serata” su Tg4 ( con i toni consueti che non serve ribadire), è interessante segnalare il “collegamento inevitabile” che il conduttore di Tg4 – parole sue – realizza tra i giovani delinquenti della banda di latinos (con ogni probabilità immigrati di seconda generazione) e i profughi che vagolano nei piazzali delle stazioni delle maggiori città. L’allarme sanitario per il “primo caso di malaria” è funzionale più alle forzature politiche che all’informazione sanitaria, visto che la malaria non è contagiosa. Per soprammercato si avverte una voglia di ola alle dichiarazioni di Zaia, che chiede di preservare le aree turistiche del Veneto dall’imbarazzante presenza dei profughi. Su Tg5, invece, il ferimento dei 2 ferrovieri e l’uscita di Maroni sono affrontati nella seconda parte dell’edizione, quasi ad “arginare” l’egemonia leghista sul tema sicurezza. Sempre per il Tg diretto da Mimun Mafia Capitale risulta quasi un alibi per attaccare il Pd e Marino: una linea editoriale più “comprensibile” di quella filo leghista dei Tg cugini.
Tornando alla questione immigrazione, tutte le testate riprendono quella che ieri abbiamo chiamato “l’emergenza nell’emergenza”: le stazioni divenute dormitori, il collo d’imbuto a Ventimiglia, i toni esacerbati della politica che l’intervento di Grasso (ripreso dai Tg Rai) addebita al clim della campagna elettorale. Mentana nei titoli torna sull’insipienza europea tinta di egoismo. Le affermazioni di Renzi ( riprese da tutti) che invitano alla concretezza contro le sparate propagandistiche, sono sicuramente condivisibili, ma sulla concretezza da parte del governo nell’emergenza di queste settimane è legittimo nutrire più di un dubbio. Il politically correct va bene, ma vorremo sapere se c’è un piano italiano sull’immigrazione. Passando al destino di Marino, i Tg Rai – molto istituzionali – sgonfiano la polemica del giorno sul commissariamento di Roma Capitale sul Giubileo che, al momento, sarebbe solo un’ipotesi comunque (a parole) ben accolta dal Sindaco nell’intervista al Tg1. Per Mentana si tratterebbe effettivamente di una sorta di cordone sanitario tessuto da Renzi. Su Tg5 parla Zingaretti che assicura sulla voglia di aria pulita che circola in Regione a al Campidoglio, ma invita anche il Pd a chiedere scusa per ciò che emerge dalle indagini.
La Grecia è in apertura su Tg5 con l’ulteriore repentino cambio di scenario sulla conclusione della trattativa con Bruxelles e l’Fmi. Sempre su Tg5 in onda un approfondimento sulla ludopatia.
Tg3 propone un ampio servizio sulle lotte dei lavoratori della Whirpool, mentre Tg2 torna sul tema del caporalato femminile. Questa volta l’ambientazione è la provincia di Ragusa, dove allo sfruttamento economico si aggiunge quello sessuale, prassi quasi consueta nei confronti delle braccianti romene da parte dei padroni delle terre. Anche per questo Ragusa presenta il drammatico record italiano degli aborti, in maggioranza su ragazze e donne romene.

Dati auditel dei Tg di giovedì 11 giugno 2015

Schermata 2015-06-13 alle 00.24.36

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang