Postumi di campagna elettorale

I Tg di venerdì 12 giugno – Domenica (e in Sicilia anche lunedì) si vota per i ballottaggi in alcune importanti città, soprattutto al nord. Solo Tg2 sembra ricordarsene, proponendo un mini confronto a distanza tra i 2 candidati sindaci di Venezia. Anche l’impegno dei politici sembra a prima vista relativo, ma in realtà nei toni utilizzati sull’immigrazione e contro Marino c’è forse un segno dell’attenzione alle sfide comunali. Maroni che richiede l’intervento dell’esercito e invita la polizia a sparare (se necessario), dimentica di essere stato ministro dell’interno ma è’ presente su tutti per questa affermazione da vero statista occidentale, a commento dell’assalto a colpi di machete contro 2 ferrovieri in un treno milanese. Vanno segnalate le differenti impaginazioni soprattutto per ciò che riguarda Mediaset. In apertura su Studio Aperto e “piatto di serata” su Tg4 ( con i toni consueti che non serve ribadire), è interessante segnalare il “collegamento inevitabile” che il conduttore di Tg4 – parole sue – realizza tra i giovani delinquenti della banda di latinos (con ogni probabilità immigrati di seconda generazione) e i profughi che vagolano nei piazzali delle stazioni delle maggiori città. L’allarme sanitario per il “primo caso di malaria” è funzionale più alle forzature politiche che all’informazione sanitaria, visto che la malaria non è contagiosa. Per soprammercato si avverte una voglia di ola alle dichiarazioni di Zaia, che chiede di preservare le aree turistiche del Veneto dall’imbarazzante presenza dei profughi. Su Tg5, invece, il ferimento dei 2 ferrovieri e l’uscita di Maroni sono affrontati nella seconda parte dell’edizione, quasi ad “arginare” l’egemonia leghista sul tema sicurezza. Sempre per il Tg diretto da Mimun Mafia Capitale risulta quasi un alibi per attaccare il Pd e Marino: una linea editoriale più “comprensibile” di quella filo leghista dei Tg cugini.
Tornando alla questione immigrazione, tutte le testate riprendono quella che ieri abbiamo chiamato “l’emergenza nell’emergenza”: le stazioni divenute dormitori, il collo d’imbuto a Ventimiglia, i toni esacerbati della politica che l’intervento di Grasso (ripreso dai Tg Rai) addebita al clim della campagna elettorale. Mentana nei titoli torna sull’insipienza europea tinta di egoismo. Le affermazioni di Renzi ( riprese da tutti) che invitano alla concretezza contro le sparate propagandistiche, sono sicuramente condivisibili, ma sulla concretezza da parte del governo nell’emergenza di queste settimane è legittimo nutrire più di un dubbio. Il politically correct va bene, ma vorremo sapere se c’è un piano italiano sull’immigrazione. Passando al destino di Marino, i Tg Rai – molto istituzionali – sgonfiano la polemica del giorno sul commissariamento di Roma Capitale sul Giubileo che, al momento, sarebbe solo un’ipotesi comunque (a parole) ben accolta dal Sindaco nell’intervista al Tg1. Per Mentana si tratterebbe effettivamente di una sorta di cordone sanitario tessuto da Renzi. Su Tg5 parla Zingaretti che assicura sulla voglia di aria pulita che circola in Regione a al Campidoglio, ma invita anche il Pd a chiedere scusa per ciò che emerge dalle indagini.
La Grecia è in apertura su Tg5 con l’ulteriore repentino cambio di scenario sulla conclusione della trattativa con Bruxelles e l’Fmi. Sempre su Tg5 in onda un approfondimento sulla ludopatia.
Tg3 propone un ampio servizio sulle lotte dei lavoratori della Whirpool, mentre Tg2 torna sul tema del caporalato femminile. Questa volta l’ambientazione è la provincia di Ragusa, dove allo sfruttamento economico si aggiunge quello sessuale, prassi quasi consueta nei confronti delle braccianti romene da parte dei padroni delle terre. Anche per questo Ragusa presenta il drammatico record italiano degli aborti, in maggioranza su ragazze e donne romene.

Dati auditel dei Tg di giovedì 11 giugno 2015

Schermata 2015-06-13 alle 00.24.36

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali