Poveri e faraoni

I Tg di venerdì 6 novembre – Le odierne dichiarazioni del Papa sono lanciate alte dai Tg Mediaset e presenti su tutti. Tg5 interpella nuovamente lo scrittore Nuzzi che ritorna sulle malefatte dello Ior. Tg2 propone invece un’intervista al Cardinal Bagnasco che assicura che il Papa non è lasciato solo e privo di sostegno. Il cristiano che vive come un faraone non è un buon cristiano. Una cosa pare certa: le rivelazioni di Nuzzi e Fittipaldi non sembrano disturbare Francesco.

Apertura per i Tg Rai sulla tragedia aerea in Sinai, con Mosca che avvalora dopo giorni di incertezza l’ipotesi dell’attentato e blocca i voli delle compagnie russe sopra ai cieli egiziani. Grande spazio ed attenzione alle decine di migliaia di stranieri tuttora bloccati nell’aeroporto di Sharm. Tg4 titola su di “un mondo in ostaggio del terrorismo”, parlando di “turisti nel mirino” e riepilogando i tanti luoghi vacanzieri (le spiagge di Tunisi, il museo del Bardo) “violati” dalla mano dell’Isis e di Al Qaeda. La7 riflette in un servizio sui tre gravi disastri aerei dell’ultimo anno.

Il varo del decreto Salva Regioni, che sembra mettere una pietra sopra alle polemiche con il governo degli scorsi giorni, viene registrato dai Tg di serata senza eccessivi clamori; Tg La7 offre il miglior riepilogo della vicenda; polemico Tg4, che se fino all’altro ieri si era fatto alfiere delle esigenze delle regioni del nord, stasera attacca il privilegio di poter spalmare in 30 anni il loro debito, di cui i cittadini privati “non potrebbero mai godere”. Sempre riguardo alla legge di stabilità, Tg5 ci assicura che le proposte avanzate nei giorni scorsi dal presidente Inps Boeri non piacciono a nessuno, ed azzarda una sua prossima rimozione dall’incarico. La trasferta asiatica del presidente della Repubblica Mattarella trova titoli e servizi solamente sui Tg Rai.

La nuova emergenza idrica per la città di Messina, la terza in 10 giorni, guadagna l’apertura di Tg La7 mentre rimane a mezza edizione per gli altri. Mentana parla dalla conduzione di “un vero scandalo”, rimarcando come l’annuncio dello stato d’emergenza, giunto solo oggi, suoni alquanto tardivo. Sempre il direttore/conduttore affianca alla gravissima situazione del capoluogo siciliano le odierne dichiarazioni del premier Renzi sul Ponte sullo Stretto, riprese brevemente dagli altri Tg. Per Mentana (primo titolo) parlare in questi giorni del Ponte “stride assai”, avvalorando le posizioni di chi accusa Renzi di un “berlusconismo galoppante”.

Segnaliamo la copertina di Tg5, dedicata alla morte di Ermes Mattielli, 62enne vicentino 
condannato per aver sparato 14 colpi e gravemente ferito 2 nomadi che stavano rubando nel suo deposito rottami. Condannato a più di 5 anni, era diventato un’icona della destra (politica e nell’informazione) e una bandiera di Salvini. La notizia è tragica ed è stata presente anche ieri sui Tg Mediaset, che da giorni inquadravano il caso, elevato a simbolo di una ingiusta persecuzione. “I giudici lo hanno fatto morire”, “giustizia malata”: questo il messaggio rilanciato stasera in apertura dall’Ammiraglia Mediaset, che sembra così “accompagnare” il processo che ha portato Berlusconi a decidere l’abbraccio con la Lega di domenica a Bologna. L’abdicazione dell’ex leader del centro destra a vantaggio di Salvini è ben illuminata dai Tg Rai, e ovviamente assente per Cologno Monzese.

La sconfitta della disoccupazione negli USA , con il tasso che scende al 5%, è titolo solo per Tg La7 e servizio per Tg2.

Segnaliamo stasera un buon approfondimento del Tg1 da Taormina, luogo di storia, sogno e cultura minacciato da processi di erosione, il cui sindaco ha chiesto l’aiuto dello Stato perché con i suoi poteri e le sue risorse non può fare nulla per scongiurare queste emergenze sul nascere.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili