Poveri e faraoni

I Tg di venerdì 6 novembre – Le odierne dichiarazioni del Papa sono lanciate alte dai Tg Mediaset e presenti su tutti. Tg5 interpella nuovamente lo scrittore Nuzzi che ritorna sulle malefatte dello Ior. Tg2 propone invece un’intervista al Cardinal Bagnasco che assicura che il Papa non è lasciato solo e privo di sostegno. Il cristiano che vive come un faraone non è un buon cristiano. Una cosa pare certa: le rivelazioni di Nuzzi e Fittipaldi non sembrano disturbare Francesco.

Apertura per i Tg Rai sulla tragedia aerea in Sinai, con Mosca che avvalora dopo giorni di incertezza l’ipotesi dell’attentato e blocca i voli delle compagnie russe sopra ai cieli egiziani. Grande spazio ed attenzione alle decine di migliaia di stranieri tuttora bloccati nell’aeroporto di Sharm. Tg4 titola su di “un mondo in ostaggio del terrorismo”, parlando di “turisti nel mirino” e riepilogando i tanti luoghi vacanzieri (le spiagge di Tunisi, il museo del Bardo) “violati” dalla mano dell’Isis e di Al Qaeda. La7 riflette in un servizio sui tre gravi disastri aerei dell’ultimo anno.

Il varo del decreto Salva Regioni, che sembra mettere una pietra sopra alle polemiche con il governo degli scorsi giorni, viene registrato dai Tg di serata senza eccessivi clamori; Tg La7 offre il miglior riepilogo della vicenda; polemico Tg4, che se fino all’altro ieri si era fatto alfiere delle esigenze delle regioni del nord, stasera attacca il privilegio di poter spalmare in 30 anni il loro debito, di cui i cittadini privati “non potrebbero mai godere”. Sempre riguardo alla legge di stabilità, Tg5 ci assicura che le proposte avanzate nei giorni scorsi dal presidente Inps Boeri non piacciono a nessuno, ed azzarda una sua prossima rimozione dall’incarico. La trasferta asiatica del presidente della Repubblica Mattarella trova titoli e servizi solamente sui Tg Rai.

La nuova emergenza idrica per la città di Messina, la terza in 10 giorni, guadagna l’apertura di Tg La7 mentre rimane a mezza edizione per gli altri. Mentana parla dalla conduzione di “un vero scandalo”, rimarcando come l’annuncio dello stato d’emergenza, giunto solo oggi, suoni alquanto tardivo. Sempre il direttore/conduttore affianca alla gravissima situazione del capoluogo siciliano le odierne dichiarazioni del premier Renzi sul Ponte sullo Stretto, riprese brevemente dagli altri Tg. Per Mentana (primo titolo) parlare in questi giorni del Ponte “stride assai”, avvalorando le posizioni di chi accusa Renzi di un “berlusconismo galoppante”.

Segnaliamo la copertina di Tg5, dedicata alla morte di Ermes Mattielli, 62enne vicentino 
condannato per aver sparato 14 colpi e gravemente ferito 2 nomadi che stavano rubando nel suo deposito rottami. Condannato a più di 5 anni, era diventato un’icona della destra (politica e nell’informazione) e una bandiera di Salvini. La notizia è tragica ed è stata presente anche ieri sui Tg Mediaset, che da giorni inquadravano il caso, elevato a simbolo di una ingiusta persecuzione. “I giudici lo hanno fatto morire”, “giustizia malata”: questo il messaggio rilanciato stasera in apertura dall’Ammiraglia Mediaset, che sembra così “accompagnare” il processo che ha portato Berlusconi a decidere l’abbraccio con la Lega di domenica a Bologna. L’abdicazione dell’ex leader del centro destra a vantaggio di Salvini è ben illuminata dai Tg Rai, e ovviamente assente per Cologno Monzese.

La sconfitta della disoccupazione negli USA , con il tasso che scende al 5%, è titolo solo per Tg La7 e servizio per Tg2.

Segnaliamo stasera un buon approfondimento del Tg1 da Taormina, luogo di storia, sogno e cultura minacciato da processi di erosione, il cui sindaco ha chiesto l’aiuto dello Stato perché con i suoi poteri e le sue risorse non può fare nulla per scongiurare queste emergenze sul nascere.

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day