Osservatorio TG

Presentabili e impresentabili

impresentabili

I Tg di martedì 12 maggio
Renzi riconquista il proscenio con quasi tutte le testate che riprendono stralci della sua intervista a Repubblica Tv. La “sinistra masochista” che rischia di far vincere Toti in Liguria si difende e contrattacca con Bersani, intervistato su Tg1, e Cuperlo, presente su Tg5 e TgLa7. Surreale il passaggio sui candidati impresentabili nelle liste civiche che appoggiano De Luca in Campania. Sulla sentenza della Corte sulle pensioni Renzi e Padoan assicurano che si interverrà velocemente, anche se i termini non sono ancora definiti. Mediaset prosegue nella campagna del “pagare tutto e subito”.
Sul fronte destra e centrodestra inutile cercare notizie su Tg5, Studio Aperto e Tg4, se si escludono le contestazioni a Salvini nelle sue spedizioni al sud. Per Rai e La7 l’abbraccio tra il leader leghista e Casa Pound è meritevole di notizia e di riflessione, a proposito di impresentabili. La crisi di Forza Italia, con l’annunciata uscita dei fittiani, per Mentana fa il paio con le posizioni divergenti di Maroni e Salvini sul reddito di cittadinanza che il primo vuole sperimentare in Lombardia, mentre il secondo lo ritiene “assistenzialismo”. Una cosa è certa: la campagna dei Cinque Stelle oggetto nel weekend della marcia Perugia-Assisi sta acquistando centralità, a destra come a sinistra.
La contrapposizione governo-sindacati sulla scuola è molto alta per tutti, anche perché interessa grandi numeri di lavoratori , di studenti e di familiari. Il boicottaggio dei test invalsi e la minaccia del blocco degli scrutini preoccupano alquanto il governo; da qui la disponibilità a mediare, nella contesa che più di altre, compresa quella sull’articolo 18, rischia di minare il consenso a Renzi.
I Tg Mediaset “gridano” il rischio di infiltrazioni terroristiche tra i profughi dei barconi, sulla base delle dichiarazioni di un ministro del governo libico di Tobruk. Mentana “spiega” che queste dichiarazioni sono con ogni probabilità strumentali per accreditarsi nelle ore calde delle decisioni Onu e Ue sulle azioni nel Mediterraneo.
Grande e consueto spolvero di cronaca nera sulle testate Mediaset; anche sulla Rai, e in particolare su Tg1, la presenza si rafforza; personalmente la tendenza non ci esalta, ma va dato atto che i teleutenti del servizio pubblico stanno premiando fortemente il Tg della prima rete. In questi giorni il delitto di Orune e la violenza di cui è stata vittima una tassista romana sono trasversalmente e ampiamente trattati
La nuova forte scossa in Nepal riaccende su tutte le testate le luci che si stavano spegnando, a 15 giorni dal sisma che ha provocato più di 8.000 vittime.
Tg2 propone 3 servizi dedicati alla memoria: una ricostruzione dei 30 anni di devastazioni causate dalle scorribande dei black-bloc; le polemiche sul casolare dove fu ucciso 37 anni fa Peppino Impastato che non si riesce a rendere un luogo pubblico e simbolico della lotta alla mafia; la commemorazione della morte della studentessa Giorgiana Masi in pieno centro di Roma nel 1977, omicidio rimasto impunito. In una Paese che manca di memoria, questi sforzi ci paiono encomiabili.

Dati auditel dei Tg di lunedì 11 maggio 2015

Schermata 2015-05-12 alle 23.56.36

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa