L'opinione

Presentabili e impresentabili

84
impresentabili

I Tg di martedì 12 maggio
Renzi riconquista il proscenio con quasi tutte le testate che riprendono stralci della sua intervista a Repubblica Tv. La “sinistra masochista” che rischia di far vincere Toti in Liguria si difende e contrattacca con Bersani, intervistato su Tg1, e Cuperlo, presente su Tg5 e TgLa7. Surreale il passaggio sui candidati impresentabili nelle liste civiche che appoggiano De Luca in Campania. Sulla sentenza della Corte sulle pensioni Renzi e Padoan assicurano che si interverrà velocemente, anche se i termini non sono ancora definiti. Mediaset prosegue nella campagna del “pagare tutto e subito”.
Sul fronte destra e centrodestra inutile cercare notizie su Tg5, Studio Aperto e Tg4, se si escludono le contestazioni a Salvini nelle sue spedizioni al sud. Per Rai e La7 l’abbraccio tra il leader leghista e Casa Pound è meritevole di notizia e di riflessione, a proposito di impresentabili. La crisi di Forza Italia, con l’annunciata uscita dei fittiani, per Mentana fa il paio con le posizioni divergenti di Maroni e Salvini sul reddito di cittadinanza che il primo vuole sperimentare in Lombardia, mentre il secondo lo ritiene “assistenzialismo”. Una cosa è certa: la campagna dei Cinque Stelle oggetto nel weekend della marcia Perugia-Assisi sta acquistando centralità, a destra come a sinistra.
La contrapposizione governo-sindacati sulla scuola è molto alta per tutti, anche perché interessa grandi numeri di lavoratori , di studenti e di familiari. Il boicottaggio dei test invalsi e la minaccia del blocco degli scrutini preoccupano alquanto il governo; da qui la disponibilità a mediare, nella contesa che più di altre, compresa quella sull’articolo 18, rischia di minare il consenso a Renzi.
I Tg Mediaset “gridano” il rischio di infiltrazioni terroristiche tra i profughi dei barconi, sulla base delle dichiarazioni di un ministro del governo libico di Tobruk. Mentana “spiega” che queste dichiarazioni sono con ogni probabilità strumentali per accreditarsi nelle ore calde delle decisioni Onu e Ue sulle azioni nel Mediterraneo.
Grande e consueto spolvero di cronaca nera sulle testate Mediaset; anche sulla Rai, e in particolare su Tg1, la presenza si rafforza; personalmente la tendenza non ci esalta, ma va dato atto che i teleutenti del servizio pubblico stanno premiando fortemente il Tg della prima rete. In questi giorni il delitto di Orune e la violenza di cui è stata vittima una tassista romana sono trasversalmente e ampiamente trattati
La nuova forte scossa in Nepal riaccende su tutte le testate le luci che si stavano spegnando, a 15 giorni dal sisma che ha provocato più di 8.000 vittime.
Tg2 propone 3 servizi dedicati alla memoria: una ricostruzione dei 30 anni di devastazioni causate dalle scorribande dei black-bloc; le polemiche sul casolare dove fu ucciso 37 anni fa Peppino Impastato che non si riesce a rendere un luogo pubblico e simbolico della lotta alla mafia; la commemorazione della morte della studentessa Giorgiana Masi in pieno centro di Roma nel 1977, omicidio rimasto impunito. In una Paese che manca di memoria, questi sforzi ci paiono encomiabili.

Dati auditel dei Tg di lunedì 11 maggio 2015

Schermata 2015-05-12 alle 23.56.36

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli