Presentabili e impresentabili

impresentabili

I Tg di martedì 12 maggio
Renzi riconquista il proscenio con quasi tutte le testate che riprendono stralci della sua intervista a Repubblica Tv. La “sinistra masochista” che rischia di far vincere Toti in Liguria si difende e contrattacca con Bersani, intervistato su Tg1, e Cuperlo, presente su Tg5 e TgLa7. Surreale il passaggio sui candidati impresentabili nelle liste civiche che appoggiano De Luca in Campania. Sulla sentenza della Corte sulle pensioni Renzi e Padoan assicurano che si interverrà velocemente, anche se i termini non sono ancora definiti. Mediaset prosegue nella campagna del “pagare tutto e subito”.
Sul fronte destra e centrodestra inutile cercare notizie su Tg5, Studio Aperto e Tg4, se si escludono le contestazioni a Salvini nelle sue spedizioni al sud. Per Rai e La7 l’abbraccio tra il leader leghista e Casa Pound è meritevole di notizia e di riflessione, a proposito di impresentabili. La crisi di Forza Italia, con l’annunciata uscita dei fittiani, per Mentana fa il paio con le posizioni divergenti di Maroni e Salvini sul reddito di cittadinanza che il primo vuole sperimentare in Lombardia, mentre il secondo lo ritiene “assistenzialismo”. Una cosa è certa: la campagna dei Cinque Stelle oggetto nel weekend della marcia Perugia-Assisi sta acquistando centralità, a destra come a sinistra.
La contrapposizione governo-sindacati sulla scuola è molto alta per tutti, anche perché interessa grandi numeri di lavoratori , di studenti e di familiari. Il boicottaggio dei test invalsi e la minaccia del blocco degli scrutini preoccupano alquanto il governo; da qui la disponibilità a mediare, nella contesa che più di altre, compresa quella sull’articolo 18, rischia di minare il consenso a Renzi.
I Tg Mediaset “gridano” il rischio di infiltrazioni terroristiche tra i profughi dei barconi, sulla base delle dichiarazioni di un ministro del governo libico di Tobruk. Mentana “spiega” che queste dichiarazioni sono con ogni probabilità strumentali per accreditarsi nelle ore calde delle decisioni Onu e Ue sulle azioni nel Mediterraneo.
Grande e consueto spolvero di cronaca nera sulle testate Mediaset; anche sulla Rai, e in particolare su Tg1, la presenza si rafforza; personalmente la tendenza non ci esalta, ma va dato atto che i teleutenti del servizio pubblico stanno premiando fortemente il Tg della prima rete. In questi giorni il delitto di Orune e la violenza di cui è stata vittima una tassista romana sono trasversalmente e ampiamente trattati
La nuova forte scossa in Nepal riaccende su tutte le testate le luci che si stavano spegnando, a 15 giorni dal sisma che ha provocato più di 8.000 vittime.
Tg2 propone 3 servizi dedicati alla memoria: una ricostruzione dei 30 anni di devastazioni causate dalle scorribande dei black-bloc; le polemiche sul casolare dove fu ucciso 37 anni fa Peppino Impastato che non si riesce a rendere un luogo pubblico e simbolico della lotta alla mafia; la commemorazione della morte della studentessa Giorgiana Masi in pieno centro di Roma nel 1977, omicidio rimasto impunito. In una Paese che manca di memoria, questi sforzi ci paiono encomiabili.

Dati auditel dei Tg di lunedì 11 maggio 2015

Schermata 2015-05-12 alle 23.56.36

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili