Quando i controlli funzionano…

I Tg di venerdì 23 dicembre – Tutte le testate rilanciano le lodi della stampa e della politica tedesca – Merkel in primis – all’Italia, con servizi su Tg2 e Tg5 che riprendono le reazioni nelle vie di Berlino all’uccisione del terrorista nella notte nel milanese. Tutti riprendono il suo ultimo video diffuso dall’Isis con cui si dice pronto al martirio. I controlli di routine di una pattuglia della Polizia di Stato hanno ottenuto ciò che le intelligence di mezza Europa disperavano di ottenere.
Il sospiro di sollievo che il Continente tira per l’eliminazione del killer di Berlino non risolve i dubbi e le domande che tutti i Tg ripropongono, prima fa tutti come abbia il giovane tunisino abbia potuto circolare anche nelle ultime ore tra Germani, Francia e Italia. E poi: perché tornare da noi? Qualcuno a Sesto San Giovanni era pronto ad aiutarlo? I Tg Rai interpellano la folta comunità islamica del comune a pochi chilometri da Milano, che si mostra disorientata dagli attacchi terroristici come la maggioranza degli italiani. Tg4, invece, dedica la seconda parte dell’edizione ad esplorare, con la consueta componente ansiogena, le comunità islamiche del nord Italia.
Da parte del governo c’è stata senza dubbio, – è il caso soprattutto del neo Ministro dell’Interno Minniti – una sovraesposizione dei poliziotti che hanno affrontato nella notte il terrorista, uno dei quali è rimasto ferita per fortuna non gravemente. I Tg registrano le critiche e le polemiche . Lo stesso avviene da più parti all’ultima posizione espressa per il M5S direttamente da Grillo, che chiede di espellere tutti gli irregolari “subito”, “oggi stesso”, ed è irriso persino da Meloni e Salvini, o da Forza Italia che lo accusa di scavalcare a destra la Lega. Intanto domani torna in Italia la salma della nostra Fabrizia Di Lorenzo.
Il dirottamento del volo dalla Libia a Malta, che si è risolto con il rilascio di tutti gli ostaggi e l’arresto dei due dirottatori, scende nelle scalette perché sopravanzato dalla cronaca e dai commenta di ciò che è avvenuto nottetempo a Sesto.
L’epilogo della vicenda Mps con l’ingresso nel suo capitale del Ministero del Tesoro (in pratica accettato da Bruxelles) e l’assicurazione massima ai piccoli risparmiatori, compare nei titoli per quasi tutte le testate. Una decisione forse inevitabile, ma certamente tardiva che ora che viene presa contribuisce ad allentare le tensioni sul sistema bancario italiano.
Per l’inchiesta sulla Consip titoli su Tg La7 e Tg3; è soprattutto il servizio de La7 che illumina meglio il quadro in cui si inserisce, anche se ad oggi è difficile identificare i ruoli dei “big” chiamati in campo dalla Procura di Napoli ( e ora di Roma), ovvero il capo dei Carabinieri Del Sette e il renzianissmo Ministro Lotti ( che chiede di essere ascoltato immediatamente).
Nei titoli di Tg5 e TgLa7 i primi moduli abitativi provvisori consegnati a Norcia. Tg2 è il solo a celebrare il cambio della guardia alla direzione dei Musei Vaticani, che per la prima volta in 500 anni vede una donna a guidarli.
TgLa7 riesce ad accennare a fine edizione lo storico voto del Consiglio di Sicurezza dell’Onu che ha censurato la politica israeliana dei coloni in Palestina, senza che gli Stati Uniti ponessero come sempre (l’ultima volta nel 2009) il loro veto. Obama, dunque, lascia a Trump un ‘eredità in politica internazionale che il nuovo Presidente ha già detto di rifiutare, ma che rimarrà impressa nelle deliberazioni delle Nazioni Unite.
L’osservatorio Tg si prende qualche giorno di riposo. Auguri sinceri e arrivederci dopo l’Epifania.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang