L'opinione

Regeni: Roma, Il Cairo e New York

68

I Tg di venerdì 15 aprile – Nell’ultimo giorno della campagna sul cosiddetto “referendum anti-trivelle” (apertura solo per il Tg1) ad avere il sopravvento nelle scalette dei Tg sono i dati sugli oltre 6.000 profughi sbarcati in Italia negli ultimi 5 giorni e il caso Regeni che conquista un palcoscenico internazionale con l’odierno articolo del New York Times. Su questo caso, i Tg registrano (apertura per Tg5, titoli per tutti) l’ulteriore intervento del Presidente Mattarella che dichiara “non possiamo né vogliamo dimenticare” la fine di questo giovane. La solidarietà del New York Times al governo italiano, il suo invito ad una mobilitazione coesa delle democrazie occidentali e la critica durissima alla Francia per il suo “totale disimpegno”, sono ripresi abbondantemente da tutte le testate (copertina per Tg5). L’accusa esplicita a Hollande è di privilegiare i contratti miliardari tra Parigi ed Il Cairo (vendita di armamenti) rispetto alla solidarietà con l’Italia. Sempre in tema di “relazioni pericolose”, il cedimento di frau Merkel ad Erdogan con l’autorizzazione a processare in terra tedesca il comico “responsabile” di offese nei confronti del leader turco, è ampiamente presente sui Tg4 (Tg4) e nei servizi di Tg3 e dei Tg delle 20.

Ai dati sui profughi i Tg affiancano il duro intervento di Renzi contro l’Austria per la costruzione della barriera del Brennero. Tg La7 apre sulla proposta italiana per un piano che gestisca gli arrivi a livello europeo e intervenga sui paesi d’origine. Mentana commenta che trattasi di “Un tentativo di isolare l’Austria” in una fase in cui Vienna è già sotto l’attacco di Bruxelles. Spazio sulle testate Rai all’imminente partenza del Papa per Lesbo, tre anni dopo la sua prima visita ad un’altra isola della disperazione: Lampedusa. Tornando ai dati degli sbarchi in Italia, fa impressione, come fa notare Tg La7, la crescita esponenziale dei minori non accompagnati fatti salire sui barconi. Buone le coperture di Tg4 e l’approfondimento del Tg2 sulle molte barriere, non solo europee, che i profughi si trovano a dover affrontare.

Le ultime ore di campagna referendaria trovano doveroso spazio sia per i sì, che per i no e per l’astensione su tutte le testate, che riprendono anche la fantasiosa minaccia di M5S di “denunciare Renzi e Napolitano per l’invito a disertare le urne”.

Presenti anche stasera su diverse testate gli interrogativi sulla futura leadership di M5S. Tg1 ha in studio Di Maio che respinge le candidatura che, da più parti, lo investono, ma si dice pronto ad accettare quella eventuale che, nelle forme tradizionali del movimento, venissero avanzate. Servizio anche per Tg la7.

L’esordio del 730 pre-compilato trova Tg4 dubbioso ma non ostile. Lo stesso si può dire per l’imminente scadenza del canone Rai in bolletta dopo la parziale bocciatura del Consiglio di Stato.

L’Ammiraglio De Giorgio, che a Potenza ha rigettato le accuse anonime all’interno dell’inchiesta “trivellopoli”, parlando di “corvi e diffamatori”, è ripreso ampiamente da tutte le testate.

Su Studio Aperto torna stasera l’apoteosi della cronaca nera (primo, secondo e terzo titolo), mentre la sentenza al processo Uva è presente su tutte le altre testate. Solo su Tg La7 (titolo) e Tg1 (servizio) troviamo la richiesta del Pm al processo Maugeri di 9 anni per l’ex Governatore della Lombardia Formigoni.

Altre opinioni dell'Autore
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli