Regeni: Roma, Il Cairo e New York

I Tg di venerdì 15 aprile – Nell’ultimo giorno della campagna sul cosiddetto “referendum anti-trivelle” (apertura solo per il Tg1) ad avere il sopravvento nelle scalette dei Tg sono i dati sugli oltre 6.000 profughi sbarcati in Italia negli ultimi 5 giorni e il caso Regeni che conquista un palcoscenico internazionale con l’odierno articolo del New York Times. Su questo caso, i Tg registrano (apertura per Tg5, titoli per tutti) l’ulteriore intervento del Presidente Mattarella che dichiara “non possiamo né vogliamo dimenticare” la fine di questo giovane. La solidarietà del New York Times al governo italiano, il suo invito ad una mobilitazione coesa delle democrazie occidentali e la critica durissima alla Francia per il suo “totale disimpegno”, sono ripresi abbondantemente da tutte le testate (copertina per Tg5). L’accusa esplicita a Hollande è di privilegiare i contratti miliardari tra Parigi ed Il Cairo (vendita di armamenti) rispetto alla solidarietà con l’Italia. Sempre in tema di “relazioni pericolose”, il cedimento di frau Merkel ad Erdogan con l’autorizzazione a processare in terra tedesca il comico “responsabile” di offese nei confronti del leader turco, è ampiamente presente sui Tg4 (Tg4) e nei servizi di Tg3 e dei Tg delle 20.

Ai dati sui profughi i Tg affiancano il duro intervento di Renzi contro l’Austria per la costruzione della barriera del Brennero. Tg La7 apre sulla proposta italiana per un piano che gestisca gli arrivi a livello europeo e intervenga sui paesi d’origine. Mentana commenta che trattasi di “Un tentativo di isolare l’Austria” in una fase in cui Vienna è già sotto l’attacco di Bruxelles. Spazio sulle testate Rai all’imminente partenza del Papa per Lesbo, tre anni dopo la sua prima visita ad un’altra isola della disperazione: Lampedusa. Tornando ai dati degli sbarchi in Italia, fa impressione, come fa notare Tg La7, la crescita esponenziale dei minori non accompagnati fatti salire sui barconi. Buone le coperture di Tg4 e l’approfondimento del Tg2 sulle molte barriere, non solo europee, che i profughi si trovano a dover affrontare.

Le ultime ore di campagna referendaria trovano doveroso spazio sia per i sì, che per i no e per l’astensione su tutte le testate, che riprendono anche la fantasiosa minaccia di M5S di “denunciare Renzi e Napolitano per l’invito a disertare le urne”.

Presenti anche stasera su diverse testate gli interrogativi sulla futura leadership di M5S. Tg1 ha in studio Di Maio che respinge le candidatura che, da più parti, lo investono, ma si dice pronto ad accettare quella eventuale che, nelle forme tradizionali del movimento, venissero avanzate. Servizio anche per Tg la7.

L’esordio del 730 pre-compilato trova Tg4 dubbioso ma non ostile. Lo stesso si può dire per l’imminente scadenza del canone Rai in bolletta dopo la parziale bocciatura del Consiglio di Stato.

L’Ammiraglio De Giorgio, che a Potenza ha rigettato le accuse anonime all’interno dell’inchiesta “trivellopoli”, parlando di “corvi e diffamatori”, è ripreso ampiamente da tutte le testate.

Su Studio Aperto torna stasera l’apoteosi della cronaca nera (primo, secondo e terzo titolo), mentre la sentenza al processo Uva è presente su tutte le altre testate. Solo su Tg La7 (titolo) e Tg1 (servizio) troviamo la richiesta del Pm al processo Maugeri di 9 anni per l’ex Governatore della Lombardia Formigoni.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento