Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Renzi contro tutti

renzi

I Tg di mercoledì 15 aprile – Tutte le testate, se si escludono Tg4 eTg La7, aprono sui funerali delle 3 vittime del Palazzo di Giustizia di Milano. Tg4 sceglie invece la contestazione a Draghi durante la conferenza stampa di Francoforte. Anche gli altri se ne occupano, alcuni nei titoli, ma solo il Tg di Rete 4 “sfrutta” le immagini per fortuna ex post solo esilaranti, montando un servizio che sembra, appunto, divertito e nel quale si commenta addirittura la mise della giovane contestatrice armata di coriandoli.

TgLa7 dedica l’apertura – come era immaginabile – alla politica, nella serata in cui i deputati del Pd si riuniscono con Renzi per il redde rationem tra maggioranza e le varie minoranze interne sull’Italicum. Sulla riforma elettorale si scaricano tutte le tensioni nei vari schieramenti e quelle sul piano istituzionale. In giornata le opposizioni hanno fatto appello a Mattarella perché scongiuri la fiducia, con l’eccezione dei Cinque Stelle che segnalano il paradosso di una Forza Italia che al Senato ha votato il testo, e che anzi ha contribuito a scriverlo e che ora lo vuole affossare: per questo il Movimento, contrarissimo all’Italicum, non si vuole mischiarsi con gli altri. Mentre scriviamo la riunione Pd è ancora in corso, ma si profila la conferma della rottura sancita dalla dimissioni di Speranza da capogruppo. Renzi, però, non molla, e mai come in queste ore rischia di rendere Palazzo Chigi un fortino, magari impenetrabile, ma, isolato e senza retrovie.

L’altro piatto di serata sono i dati impressionanti dei profughi dei barconi, che hanno raggiunto quota 10 mila negli ultimi 5 giorni. Su Mediaset compaiono interessanti interviste da cui risulterebbe che alcuni naufraghi salvati dalle unità italiane sarebbero stati costretti a salire a bordo sotto la minaccia delle armi da non meglio identificate milizie libiche. Le polemiche delle regioni “leghiste” che negano l’accoglienza richiesta dal Viminale, compaiono con sfumature diverse su La7 e su Mediaset. Ancora una volta Tg4 assomma all’emergenza “clandestini” quella rom.
Per il resto, tanta carne al fuoco. La presentazione del 730 precompilato, ma anche un poco rompicapo, è presente su tutti, così come le notizie sugli ulteriori, per fortuna piccoli, crolli di giornata negli edifici scolastici di diverse regioni. La cronaca nera la fa da padrona su Studio Aperto e Tg4, ma il duplice delitto (moglie e figlia) del cittadino marocchino a Pordenone e l’altro doppio femminicidio ad opera di un poliziotto in pensione di Alessandria compaiono anche sulle maggiori testate.

Quello che La repubblica ha oggi definito “il fascismo spontaneo dell’agente della Diaz”, autore nei giorni scorsi di affermazioni invereconde sul web, oggi “ha ritrattato”, come riportano diverse interviste audio presenti nei Tg, soprattutto Rai, ma la toppa è stata poco credibile quasi peggiore del buco.

L’ affair Vaticano-Turchia si ingrossa e si arricchisce del voto del Parlamento Europeo che esprime solidarietà al Papa e ribadisce la verità storica del massacro degli armeni del 1915, anche se non lo chiama genocidio. Tg3 segnala che anche Obama dovrebbe intervenire nei prossimi giorni, per schierare gli Usa sulle posizioni da tempo assunte dai maggiori paesi occidentali, a differenza di quanto avvenuto fino ad oggi.

Grande attenzione su Rai e La7 (titolo) alle accuse formalizzate dall’antitrust europeo contro Google per posizione dominante, con la minaccia di una multa di più di 6 miliardi di euro. Un’inchiesta durata 5 anni che potrebbe rappresentare uno stop alla straripante espansione dei big del web.

Dati auditel dei Tg di martedì 14 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.750.000, 23,57% ore 20:00 6.026.000, 25,35%.
Tg2 – ore 13:00 2.485.000, 17,07% ore 20:30 2.219.000, 8,35%.
Tg3 – ore 14:30 1.548.000, 10,42% ore 19:00 1.638.000, 10,56%.
Tg5 – ore 13:00 3.039.000, 20,58% ore 20:00 4.441.000, 18,35%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.666.000, 14,26% ore 18:30 879.000, 3,70%.
Tg4 – ore 11.30 422.000, 7,06% ore 18:55 691.000, 4,68%.
Tg La7 – ore 13:30 590.000, 3,71% ore 20:00 1.274.000, 5,30%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu