L'opinione

Salute, diritti e il valzer della politica

105

I Tg di giovedì 20 aprile – Aperture differenziate che inquadrano comunque alcuni dei maggiori temi del giorno. Tg3 sceglie la mobilitazione per Gabriele Del Grande, seguita dappresso dal passaggio alla Camera del testo sul biotestamento. Anche su Studio Aperto l’apertura è sulla mobilitazione (anche europea) per il giovane regista italiano fermato da 11 giorni dalla polizia di Erdogan, che su Tg1 è in seconda posizione, subito dopo l’attesa per l’incontro di Gentiloni con Trump, in apertura anche su Tg2. Lo stesso vale per TgLa7, che però esordisce con la bufera del giorno, quella del depotenziamento del ruolo dell’Anac nel nuovo Codice degli appalti, bufera che sembra rientrata con le “scuse” di Gentiloni giunte da Washington. Su Tg4 e Tg5, con un certo ritardo rispetto a ieri, si recupera il tema vaccini in apertura con riferimento alle critiche che vengono dall’Europa sull’aumento dei numeri del morbillo e alle avvertenze delle autorità americane sui rischi di contrarre malattie passando per la Penisola.

Il cortocircuito tra scienza (vaccini), informazione e politica continua a creare, come documenta Mentana, scintille tra Cinque Stelle e Pd, mentre su di un altro piano la giornata regala una rarissima corrispondenza di quasi amorosi sensi tra i 2 maggiori partiti italiani sul tema del biotestamento. Tutto ciò alla Camera: Il passaggio di un testo accettabilmente avanzato a Montecitorio che sana almeno in parte lo storico gap tra il Paese e i partner occidentali nell’area dei diritti e della libertà, non è detto che al Senato “tenga”. Sarebbe una manifestazione di responsabilità che in altre occasioni Cinque Stelle non ha dato.

La sentenza di Ivrea che per la prima volta (al mondo) riconosce un danno alla salute provocato dall’abuso della telefonia cellulare, è trasversalmente presente su tutti e nei titoli per Tg1 e Tg2.

Lo sblocco da parte del Tar del Lazio dei lavori della Tap tra gli ulivi del Salento è ampiamente ripreso, mentre la prima giornata di votazioni dei dipendenti Alitalia nel referendum “secco” (sì o no) all’ulteriore piano di sopravvivenza della ex compagnia di bandiera, occupa spazio soprattutto sulle testate Rai.

Per gli esteri da segnalare diversi servizi, sia su Mediaset che in Rai, sulle imminenti elezioni francesi, mentre Tg La7 dedica un titolo ( come già nelle serate scorse) alla drammatica situazione in Venezuela dove l’opposizione al governo Maduro prefigura una vera e propria guerra civile.

Ieri sera Mediaset aveva legittimamente celebrato la sentenza Agcom che obbliga Vivendi a “scendere”nelle quote di partecipazione dell’azienda del Biscione o in Telecom. Questa sera uguale ampia attenzione ai dati del bilancio di esercizio presentati da Piersilvio Berlusconi, che ne addebita le responsabilità alle forzature di Vivendi, assicurando che per l’anno in corso torneranno gli utili.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli