Osservatorio TG

Salute, diritti e il valzer della politica

I Tg di giovedì 20 aprile – Aperture differenziate che inquadrano comunque alcuni dei maggiori temi del giorno. Tg3 sceglie la mobilitazione per Gabriele Del Grande, seguita dappresso dal passaggio alla Camera del testo sul biotestamento. Anche su Studio Aperto l’apertura è sulla mobilitazione (anche europea) per il giovane regista italiano fermato da 11 giorni dalla polizia di Erdogan, che su Tg1 è in seconda posizione, subito dopo l’attesa per l’incontro di Gentiloni con Trump, in apertura anche su Tg2. Lo stesso vale per TgLa7, che però esordisce con la bufera del giorno, quella del depotenziamento del ruolo dell’Anac nel nuovo Codice degli appalti, bufera che sembra rientrata con le “scuse” di Gentiloni giunte da Washington. Su Tg4 e Tg5, con un certo ritardo rispetto a ieri, si recupera il tema vaccini in apertura con riferimento alle critiche che vengono dall’Europa sull’aumento dei numeri del morbillo e alle avvertenze delle autorità americane sui rischi di contrarre malattie passando per la Penisola.

Il cortocircuito tra scienza (vaccini), informazione e politica continua a creare, come documenta Mentana, scintille tra Cinque Stelle e Pd, mentre su di un altro piano la giornata regala una rarissima corrispondenza di quasi amorosi sensi tra i 2 maggiori partiti italiani sul tema del biotestamento. Tutto ciò alla Camera: Il passaggio di un testo accettabilmente avanzato a Montecitorio che sana almeno in parte lo storico gap tra il Paese e i partner occidentali nell’area dei diritti e della libertà, non è detto che al Senato “tenga”. Sarebbe una manifestazione di responsabilità che in altre occasioni Cinque Stelle non ha dato.

La sentenza di Ivrea che per la prima volta (al mondo) riconosce un danno alla salute provocato dall’abuso della telefonia cellulare, è trasversalmente presente su tutti e nei titoli per Tg1 e Tg2.

Lo sblocco da parte del Tar del Lazio dei lavori della Tap tra gli ulivi del Salento è ampiamente ripreso, mentre la prima giornata di votazioni dei dipendenti Alitalia nel referendum “secco” (sì o no) all’ulteriore piano di sopravvivenza della ex compagnia di bandiera, occupa spazio soprattutto sulle testate Rai.

Per gli esteri da segnalare diversi servizi, sia su Mediaset che in Rai, sulle imminenti elezioni francesi, mentre Tg La7 dedica un titolo ( come già nelle serate scorse) alla drammatica situazione in Venezuela dove l’opposizione al governo Maduro prefigura una vera e propria guerra civile.

Ieri sera Mediaset aveva legittimamente celebrato la sentenza Agcom che obbliga Vivendi a “scendere”nelle quote di partecipazione dell’azienda del Biscione o in Telecom. Questa sera uguale ampia attenzione ai dati del bilancio di esercizio presentati da Piersilvio Berlusconi, che ne addebita le responsabilità alle forzature di Vivendi, assicurando che per l’anno in corso torneranno gli utili.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità