L'opinione

Salute, diritti e il valzer della politica

127

I Tg di giovedì 20 aprile – Aperture differenziate che inquadrano comunque alcuni dei maggiori temi del giorno. Tg3 sceglie la mobilitazione per Gabriele Del Grande, seguita dappresso dal passaggio alla Camera del testo sul biotestamento. Anche su Studio Aperto l’apertura è sulla mobilitazione (anche europea) per il giovane regista italiano fermato da 11 giorni dalla polizia di Erdogan, che su Tg1 è in seconda posizione, subito dopo l’attesa per l’incontro di Gentiloni con Trump, in apertura anche su Tg2. Lo stesso vale per TgLa7, che però esordisce con la bufera del giorno, quella del depotenziamento del ruolo dell’Anac nel nuovo Codice degli appalti, bufera che sembra rientrata con le “scuse” di Gentiloni giunte da Washington. Su Tg4 e Tg5, con un certo ritardo rispetto a ieri, si recupera il tema vaccini in apertura con riferimento alle critiche che vengono dall’Europa sull’aumento dei numeri del morbillo e alle avvertenze delle autorità americane sui rischi di contrarre malattie passando per la Penisola.

Il cortocircuito tra scienza (vaccini), informazione e politica continua a creare, come documenta Mentana, scintille tra Cinque Stelle e Pd, mentre su di un altro piano la giornata regala una rarissima corrispondenza di quasi amorosi sensi tra i 2 maggiori partiti italiani sul tema del biotestamento. Tutto ciò alla Camera: Il passaggio di un testo accettabilmente avanzato a Montecitorio che sana almeno in parte lo storico gap tra il Paese e i partner occidentali nell’area dei diritti e della libertà, non è detto che al Senato “tenga”. Sarebbe una manifestazione di responsabilità che in altre occasioni Cinque Stelle non ha dato.

La sentenza di Ivrea che per la prima volta (al mondo) riconosce un danno alla salute provocato dall’abuso della telefonia cellulare, è trasversalmente presente su tutti e nei titoli per Tg1 e Tg2.

Lo sblocco da parte del Tar del Lazio dei lavori della Tap tra gli ulivi del Salento è ampiamente ripreso, mentre la prima giornata di votazioni dei dipendenti Alitalia nel referendum “secco” (sì o no) all’ulteriore piano di sopravvivenza della ex compagnia di bandiera, occupa spazio soprattutto sulle testate Rai.

Per gli esteri da segnalare diversi servizi, sia su Mediaset che in Rai, sulle imminenti elezioni francesi, mentre Tg La7 dedica un titolo ( come già nelle serate scorse) alla drammatica situazione in Venezuela dove l’opposizione al governo Maduro prefigura una vera e propria guerra civile.

Ieri sera Mediaset aveva legittimamente celebrato la sentenza Agcom che obbliga Vivendi a “scendere”nelle quote di partecipazione dell’azienda del Biscione o in Telecom. Questa sera uguale ampia attenzione ai dati del bilancio di esercizio presentati da Piersilvio Berlusconi, che ne addebita le responsabilità alle forzature di Vivendi, assicurando che per l’anno in corso torneranno gli utili.

Altre opinioni dell'Autore
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario