Scuola: dalle slide alla lavagna

scuola

I Tg di mercoledì 13 maggio – Che la scuola rappresenti il fronte in cui il governo rischia se non una Caporetto, quanto meno un forte sbandamento, è confermato dall’impegno diretto che Renzi mette nella vicenda. Abbandonate le slide, il premier fa produrre un video in cui la protagonista è la vecchia lavagna; da un punto di vista comunicativo, un vero colpo di genio. Tutti i Tg riprendono la “lezione” di Renzi a colpi di gessetto e cancellino. Ma al di là del coup de téatre la disponibilità al confronto sembra reale, come testimonia una lunga intervista su Tg5 in cui Renzi dice esplicitamente che la scuola non è l’Italicum, e che nessuno ha in mente di porre la fiducia. Una considerazione più generale: comunque la si pensi sulla scuola il dissenso della società civile e degli operatori preoccupa il governo perché “punge” molto più di qualsiasi manovra dell’opposizione o della minoranza interna al Pd.

I Tg riportano con evidenza, ma a nostro giudizio non con l’enfasi dovuta, il grande risultato ottenuto a Bruxelles dal Paese sul tema dell’immigrazione e dei profughi. Non siamo, certo, alla soluzione di un problema epocale, ma visto che le polemiche degli ultimi mesi erano concentrate sull’Italia che gridava alla luna e l’Europa che non rispondeva, valeva forse la pena se non di festeggiare, quanto meno di manifestare una certa soddisfazione. I Tg Rai risultano i più presenti.

I dati del Pil che aumenta dello 0,3% tra gennaio e marzo 2015, dopo 13 trimestri con segno meno, sono apertura per Tg5 e TgLa7. L’Ammiraglia di Mediaset “festeggia” la ripresa che quanto meno si intravede molto più dell’evoluzione sul fronte immigrazione; ma, come vedremo più avanti, immigrazione e rom sono più ancora che l’economia i temi si cui una politica miserabile gioca le sue carte nella campagna elettorale delle regionali.

Immigrazione e rom, dicevamo. Noi dell’Osservatorio abbiamo più volte sottolineato che le parole d’ordine di Salvini trovano tra i Tg diversi partner e sostenitori “abili e più che arruolabili”. Tg4 quasi ogni giorno “se la prende” con i rom e ancora ieri sera tutta Mediaset esaltava i rischi di terrorismo che “sarebbero” collegati ai profughi dei barconi. Ma oggi è stato rivelato da Striscia la notizia un fatto che grida vendetta: un poveraccio reclutato come attore e pagato per fare il “rom delinquente” e l’ “islamico filo-terrorista” da un giornalista di Mediaset che produce servizi per i talk di Del Debbio, ampiamente anticipati e ritrasmessi dai Tg “di casa”. Un “super truffatore” rom che si impadronisce di autovetture di ignari venditori gabbati, che poi si trasforma in un islamista felice per le decapitazioni di cristiani da parte dell’Isis. Mediaset lo ha licenziato parlando di buona fede abusata, e il fatto che a sbugiardarlo sia stato il telegiornale satirico di Ricci almeno in parte suona come una riparazione. Ma che un giornalista abbia truffato i teleutenti di fatto incitando all’odio razziale, e trovato spazio ampio su talk e Tg di reti generaliste, è indice della barbarie in cui il circolo dell’informazione e la professione giornalistica si crogiolano. Tra i Tg di serata solo Mentana ha ritenuto opportuno occuparsene, lanciando con un titolo un lungo servizio. Ci aspettiamo che domani stesso l’Ordine dei Giornalisti prenda provvedimenti “esemplari”.

Dati auditel dai Tg di martedì 12 maggio 2015

Schermata 2015-05-14 alle 00.23.17

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità