Osservatorio TG

Scuola: dalle slide alla lavagna

scuola

I Tg di mercoledì 13 maggio – Che la scuola rappresenti il fronte in cui il governo rischia se non una Caporetto, quanto meno un forte sbandamento, è confermato dall’impegno diretto che Renzi mette nella vicenda. Abbandonate le slide, il premier fa produrre un video in cui la protagonista è la vecchia lavagna; da un punto di vista comunicativo, un vero colpo di genio. Tutti i Tg riprendono la “lezione” di Renzi a colpi di gessetto e cancellino. Ma al di là del coup de téatre la disponibilità al confronto sembra reale, come testimonia una lunga intervista su Tg5 in cui Renzi dice esplicitamente che la scuola non è l’Italicum, e che nessuno ha in mente di porre la fiducia. Una considerazione più generale: comunque la si pensi sulla scuola il dissenso della società civile e degli operatori preoccupa il governo perché “punge” molto più di qualsiasi manovra dell’opposizione o della minoranza interna al Pd.

I Tg riportano con evidenza, ma a nostro giudizio non con l’enfasi dovuta, il grande risultato ottenuto a Bruxelles dal Paese sul tema dell’immigrazione e dei profughi. Non siamo, certo, alla soluzione di un problema epocale, ma visto che le polemiche degli ultimi mesi erano concentrate sull’Italia che gridava alla luna e l’Europa che non rispondeva, valeva forse la pena se non di festeggiare, quanto meno di manifestare una certa soddisfazione. I Tg Rai risultano i più presenti.

I dati del Pil che aumenta dello 0,3% tra gennaio e marzo 2015, dopo 13 trimestri con segno meno, sono apertura per Tg5 e TgLa7. L’Ammiraglia di Mediaset “festeggia” la ripresa che quanto meno si intravede molto più dell’evoluzione sul fronte immigrazione; ma, come vedremo più avanti, immigrazione e rom sono più ancora che l’economia i temi si cui una politica miserabile gioca le sue carte nella campagna elettorale delle regionali.

Immigrazione e rom, dicevamo. Noi dell’Osservatorio abbiamo più volte sottolineato che le parole d’ordine di Salvini trovano tra i Tg diversi partner e sostenitori “abili e più che arruolabili”. Tg4 quasi ogni giorno “se la prende” con i rom e ancora ieri sera tutta Mediaset esaltava i rischi di terrorismo che “sarebbero” collegati ai profughi dei barconi. Ma oggi è stato rivelato da Striscia la notizia un fatto che grida vendetta: un poveraccio reclutato come attore e pagato per fare il “rom delinquente” e l’ “islamico filo-terrorista” da un giornalista di Mediaset che produce servizi per i talk di Del Debbio, ampiamente anticipati e ritrasmessi dai Tg “di casa”. Un “super truffatore” rom che si impadronisce di autovetture di ignari venditori gabbati, che poi si trasforma in un islamista felice per le decapitazioni di cristiani da parte dell’Isis. Mediaset lo ha licenziato parlando di buona fede abusata, e il fatto che a sbugiardarlo sia stato il telegiornale satirico di Ricci almeno in parte suona come una riparazione. Ma che un giornalista abbia truffato i teleutenti di fatto incitando all’odio razziale, e trovato spazio ampio su talk e Tg di reti generaliste, è indice della barbarie in cui il circolo dell’informazione e la professione giornalistica si crogiolano. Tra i Tg di serata solo Mentana ha ritenuto opportuno occuparsene, lanciando con un titolo un lungo servizio. Ci aspettiamo che domani stesso l’Ordine dei Giornalisti prenda provvedimenti “esemplari”.

Dati auditel dai Tg di martedì 12 maggio 2015

Schermata 2015-05-14 alle 00.23.17

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa