L'opinione

Scuola: dalle slide alla lavagna

102
scuola

I Tg di mercoledì 13 maggio – Che la scuola rappresenti il fronte in cui il governo rischia se non una Caporetto, quanto meno un forte sbandamento, è confermato dall’impegno diretto che Renzi mette nella vicenda. Abbandonate le slide, il premier fa produrre un video in cui la protagonista è la vecchia lavagna; da un punto di vista comunicativo, un vero colpo di genio. Tutti i Tg riprendono la “lezione” di Renzi a colpi di gessetto e cancellino. Ma al di là del coup de téatre la disponibilità al confronto sembra reale, come testimonia una lunga intervista su Tg5 in cui Renzi dice esplicitamente che la scuola non è l’Italicum, e che nessuno ha in mente di porre la fiducia. Una considerazione più generale: comunque la si pensi sulla scuola il dissenso della società civile e degli operatori preoccupa il governo perché “punge” molto più di qualsiasi manovra dell’opposizione o della minoranza interna al Pd.

I Tg riportano con evidenza, ma a nostro giudizio non con l’enfasi dovuta, il grande risultato ottenuto a Bruxelles dal Paese sul tema dell’immigrazione e dei profughi. Non siamo, certo, alla soluzione di un problema epocale, ma visto che le polemiche degli ultimi mesi erano concentrate sull’Italia che gridava alla luna e l’Europa che non rispondeva, valeva forse la pena se non di festeggiare, quanto meno di manifestare una certa soddisfazione. I Tg Rai risultano i più presenti.

I dati del Pil che aumenta dello 0,3% tra gennaio e marzo 2015, dopo 13 trimestri con segno meno, sono apertura per Tg5 e TgLa7. L’Ammiraglia di Mediaset “festeggia” la ripresa che quanto meno si intravede molto più dell’evoluzione sul fronte immigrazione; ma, come vedremo più avanti, immigrazione e rom sono più ancora che l’economia i temi si cui una politica miserabile gioca le sue carte nella campagna elettorale delle regionali.

Immigrazione e rom, dicevamo. Noi dell’Osservatorio abbiamo più volte sottolineato che le parole d’ordine di Salvini trovano tra i Tg diversi partner e sostenitori “abili e più che arruolabili”. Tg4 quasi ogni giorno “se la prende” con i rom e ancora ieri sera tutta Mediaset esaltava i rischi di terrorismo che “sarebbero” collegati ai profughi dei barconi. Ma oggi è stato rivelato da Striscia la notizia un fatto che grida vendetta: un poveraccio reclutato come attore e pagato per fare il “rom delinquente” e l’ “islamico filo-terrorista” da un giornalista di Mediaset che produce servizi per i talk di Del Debbio, ampiamente anticipati e ritrasmessi dai Tg “di casa”. Un “super truffatore” rom che si impadronisce di autovetture di ignari venditori gabbati, che poi si trasforma in un islamista felice per le decapitazioni di cristiani da parte dell’Isis. Mediaset lo ha licenziato parlando di buona fede abusata, e il fatto che a sbugiardarlo sia stato il telegiornale satirico di Ricci almeno in parte suona come una riparazione. Ma che un giornalista abbia truffato i teleutenti di fatto incitando all’odio razziale, e trovato spazio ampio su talk e Tg di reti generaliste, è indice della barbarie in cui il circolo dell’informazione e la professione giornalistica si crogiolano. Tra i Tg di serata solo Mentana ha ritenuto opportuno occuparsene, lanciando con un titolo un lungo servizio. Ci aspettiamo che domani stesso l’Ordine dei Giornalisti prenda provvedimenti “esemplari”.

Dati auditel dai Tg di martedì 12 maggio 2015

Schermata 2015-05-14 alle 00.23.17

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli