Sicurezza

Fondi comunitari: la Guardia di Finanza sentinella dell’agroalimentare

L’attività dello SCICO della Guardia di Finanza. Per l’espletamento della mission istituzionale e per le investigazioni ad elevato tasso di specializzazione in determinate materie, la Guardia di Finanza si avvale di una serie di Nuclei Speciali e del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata.

Il Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie, in particolare, ha sviluppato un nuovo sistema investigativo e di analisi che, partendo proprio dalle possibili disfunzioni dell’apparato nazionale e locale, ha puntato l’attenzione sui meccanismi che di fatto hanno potuto consentire la perpetrazione degli illeciti da parte dei singoli beneficiari finali dei contributi comunitari. Attraverso tali procedure di interscambio info-operativo, il Nucleo, in collaborazione con l’Agea ed i collegati Organismi pagatori regionali, ha potuto individuare e contestare, nell’ultimo biennio, circa 5 milioni di euro di contributi comunitari indebitamente percepiti sull’intero territorio nazionale da soggetti sottoposti a misure di prevenzione personali e/o patrimoniali antimafia e da soggetti che avevano inserito, nelle domande di accesso ai contributi, terreni confiscati alla criminalità organizzata, senza averne alcun legittimo titolo di possesso. Una specifica attività progettuale sviluppata nell’ultimo biennio ha portato inoltre alla denuncia di più di 5.000 falsi braccianti agricoli che, nell’ultimo triennio, sono risultati aver indebitamente percepito circa 20 milioni di euro di contributi Inps.

L’attività della GdF nel settore agroalimentare. Nel 2013, sono stati sequestrati dalla GdF circa 12,2 milioni di kg di beni, di cui circa il 71,19% del totale, pari a circa 8,7 milioni di kg, riguarda il genere dei “mosti ed uve parzialmente fermentati”; il 21% ha riguardato invece “alimentari, altri prodotti, mentre il 7,34% dei sequestri è riconducibile alla voce “olio di oliva”. Sono stati inoltre sequestrati circa 27,7 milioni di litri di bevande alcoliche ed analcoliche, di cui il 99,9% del totale, pari a circa 27,7 milioni di litri, riguarda il genere “vini e spumanti”. Tra il 2011 e il 2014 sono stati tolti dal mercato nel complesso oltre 27.000 tonnellate di generi solidi e quasi 29 milioni di litri di prodotti liquidi.

Nell’ambito delle frodi comunitarie relative agli aiuti in agricoltura, gli importi indebitamente percepiti, riscontrati dalla GdF, sono stati pari a 211 milioni di euro l’84% dei quali riferibili alla Lombardia.

La lotta alla criminalità organizzata. Le operazioni svolte hanno evidenziato alcune particolari tendenze. Cosa Nostra sembrerebbe particolarmente interessata all’acquisizione e alla costituzione di aziende agricole e più in generale, a tutte quelle attività d’impresa connesse alla produzione e alla commercializzazione di prodotti agricoli e derivanti dall’allevamento. La mafia siciliana sembra anche attratta dall’acquisizione e dalla gestione di esercizi ristorativi attraverso i quali “ripulire” i proventi delle proprie attività illecite; ha mostrato interesse verso il settore della grande distribuzione alimentare, con ingenti investimenti di denaro, frutto di illecite attività, impiegati per acquisire centri commerciali e supermercati. La Camorra manifesta segnali di interesse nel settore della ristorazione. L’acquisizione di aziende operanti in questo comparto rappresenta un valido veicolo per reimpiegare proventi illeciti, e nello stesso tempo una solida fonte di guadagno. La ’Ndrangheta risulta, in particolare, capace di concretizzare i propri interessi illeciti nel settore attraverso una rete di connivenze con esponenti della Pubblica amministrazione.

Considerando solo alcuni dei più importanti risultati ottenuti negli ultimi due anni nel corso delle operazioni condotte dalla Guardia di Finanza, si ha un’idea, anche se solo parziale, della portata del crimine nell’agroalimentare: oltre 760 milioni di euro di beni sequestrati tra società immobiliari, di ristorazione, di pulizia, di servizi alle imprese, di gestione di locali notturni, ecc; unità immobiliari; auto e motoveicoli; cavalli da corsa; noti marchi di ristorazione; centri commerciali; aziende agricole; attività commerciali di varie tipologie; terreni, ville; quote e partecipazioni societarie, rapporti bancari, postali, assicurativi e azioni; macchine agricole, mezzi agricoli, capi di bestiame, sementi e mangimi, ecc.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa