L'opinione

Scusate il ritardo …

109

I Tg di lunedì 28 settembre 2015 – L’OsservatorioTg riparte quest’anno in ritardo, a fine settembre, non per volontà nostra, ma per l’intervento di alcuni simpatici hacker che per ben due volte nell’ultimo mese hanno pasteggiato voracemente con il nostro sito. Non condividiamo il vecchio adagio “molti nemici, molto onore” ma è certo che non risultiamo simpatici proprio a tutti.

A luglio avevamo lasciato i Tg praticamente ingorgati da immigrazione, profughi, polemiche europee, e chi più ne ha più ne metta. Deve essere accaduto qualcosa. Gli sbarchi ed i salvataggi continuano; la rotta balcanica sembra l’autostrada del sole intorno a ferragosto; le afasie di Bruxelles rimangono tali. Ma i Tg italiani , almeno stasera, sostanzialmente non se ne occupano. Fa eccezione Tg4, che ci presenta un’anteprima da Quinta Colonna sugli arrivi dei profughi dalla Slovenia: grande apprensione, almeno così dà a intendere Rete 4. Sui Tg “più seri” solo qualche riferimento indiretto ai muri che Papa Francesco ribadisce essere deleteri. Come spiegare questo cambio di marcia? Forse la vicenda profughi è stata sfruttata così tanto (e male) che la libido dell’informazione nostrana è scemata, con l’encomiabile eccezione delle testate filo-Salvini.

L’incontro-scontro tra Obama e Putin sulla Siria al Palazzo di Vetro è apertura per i Tg Rai ed alto su tutte le testate. Buono il servizio di Tg1 che riepiloga la complessa situazione siriana e l’impasse internazionale denunciato da Ban Ki Moon. Sempre per gli esteri la parziale vittoria degli indipendentisti in Catalogna è riportata un po’ da tutti, ma in taglio basso.

La risposta piccata del premier Renzi agli inviti di Bruxelles a modulare la politica fiscale privilegiando il lavoro e non la casa di proprietà, è presente su tutti; su Tg5 manca solo la ola per il Premier.

Protagonista dell’informazione di serata è stata “l’insensata polemica” – così la chiama Mentana – attorno alle parole di Papa Francesco che, di ritorno in aereo dall’impegnativo viaggio a Cuba e negli USA, ha affermato di “non aver invitato” il sindaco Ignazio Marino. Buona parte della politica e le testate Mediaset ci vanno a nozze, dipingendo un primo cittadino “imbucato” che, tra l’altro non sta mai a Roma quando serve. Il servizio migliore lo troviamo su La7, che si chiede come mai il Papa attacchi il sindaco della “sua” città a due mesi dall’inizio del Giubileo. La risposta, inevitabilmente, manca.
I dati Istat sulla forte ripresa della fiducia dei consumatori, tornata ai livelli del 2002, sono oggetto d’analisi su Tg3 e Tg La7, mentre sugli altri tg passano in sordina.

Spazio inevitabilmente fisso un po’ su tutti al diesel-gate della Volkswagen; a proposito di motori, questa volta d’aereo, la condanna per bancarotta dei vertici Alitalia che hanno regalato al Paese alcuni miliardi di perdite, in altri tempi sarebbe stata in apertura. A diversi anni di distanza è impaginata in basso, quasi che gli italiani avessero dimenticato lo scandalo imprenditoriale e politico della compagnia di bandiera.
Tg2 dedica il suo quotidiano approfondimento al fenomeno dei femminidici, fornendo dati drammatici ma meno esplosivi che negli scorsi anni.

La morte del centenario Pietro Ingrao è ripresa dalle maggiori testate, con quelle Rai – soprattutto Tg3 – che vi dedicano lunghi servizi.

La notizia della scoperta di tracce d’acqua salata su Marte scatena la fantasia di Tg4, che si lancia nei consueti servizi conditi di alieni, dischi volanti e cerchi nel grado. Ma anche gli altri Tg sono “conquistati” dalla possibilità di trasmette immagini comunque di grande effetto e in grado di stimolare emozioni e fantasia.

Alberto Baldazzi




Dati auditel dei Tg di domenica 27 giugno 2015



TG 1 ore 13:30 4.444.000, 25,07%; ore 20:00 5.153.000, 22,98%.
TG2 ore 13:00 2.403.000, 14,47%;
TG 3 ore 14:30 1.155.000, 6,38%; ore 19:00 1.465.000, 8,46%.
TG 5 ore 13:00 2.689.000, 16,14%; ore 20:00 3.721.000, 16,47%.
Studio Aperto ore 12:25 1.379.000, 9,88%; ore 18:30 780.000, 5,20%.
TG 4 ore 11.30 427.000, 4,50%; ore 18:55 796.000, 4,65%.
LA 7 ore 13:30 385.000, 2,17%; ore 20:00 839.000, 3,70%.

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
Eventi

Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell'era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo
di Diego Sambucini
International

Sanzioni Usa all’Iran. Corte dell’Aja: sentenza del “pareggio”. L’analisi

Sanzioni Usa all'Iran. Lo scorso 3 ottobre la Corte internazionale di giustizia de L’Aja ha reso la sua sentenza "del pareggio". L'avvocato Paolo Busco, dell'Osservatorio Sicurezza dell'Eurispes, analizza i diversi aspetti della decisione
di Paolo Busco
Lavoro

Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone. Nelle regioni del Mezzogiorno il record negativo.
di Alfonso Lo Sardo
Sicurezza

Il tesoro nascosto dei big data. Ecco quanto vale ciascuno di noi

I big data sono la nuova, vera, ricchezza dell’economia globale. Perché le informazioni sono denaro. Ma quanto valgono davvero questi dati? E...
di Giovambattista Palumbo
Sicurezza

Immigrazione, dall’epoca dell’emigrazione al decreto Salvini. La ricostruzione

Migranti e immigrazione: intervento del Generale Tullio Del Sette, Presidente Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes al convegno “Dialogo permanente sulle immigrazioni”.
di Tullio Del Sette
Fisco

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso
di Giovambattista Palumbo
Innovazione

Il Dna segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google. “The Four”

Amazon, Apple, Facebook e Google, i “quattro cavalieri” del Potere, alla base della profonda rivoluzione della digital transformation. Qual è la loro missione e dove stiamo andando? Scott Galloway ne parla nel suo libro The Four I Padroni
di Alberto Mattiacci
Politica

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I vigili del fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato dal governo, non ha toccato questi due gravi problemi, e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre forze dell’ordine continua.
di Corrado Giustiniani
Innovazione

La città del futuro? Facciamo pagare le tasse ai robot

Città “sensibili” e non solo “smart”, tecnologicamente intelligenti ma a misura di cittadino. L'intervista a Carlo Ratti, architetto e urbanista, autore del saggio “Città di domani”
di Massimiliano Cannata
Fisco

Def, politica e debito pubblico: partiamo dal fisco

Bufera sul Def. In 23 punti elenchiamo quelli che potrebbero essere i cardini di una rivoluzione fiscale
di Giovambattista Palumbo