Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Tar – Il gioco dell’Oca

I Tg di giovedì 25 maggio – Se Manchester e Bruxelles incombono sulle aperture dei Tg, la notizia del giorno è senz’altro la nuova sentenza problematica del Tar del Lazio, che stavolta ha bocciano la nomina di 5 tra i direttori dei principali complessi museali italiani, a 2 anni dalla loro assunzione. Una vicenda dalla “correttezza disarmante”, e che riaccende lo scontro politica contro la magistratura, come rimarcato nei servizi Mediaset, mentre espone il Paese al ridicolo per come le nostre normative non consentano a direttori stranieri di dirigere questi decisivi centri culturali. Tutte le testate riprendono fin dai titoli le dichiarazioni di Franceschini, che parla senza mezzi termini di “figuraccia”. I più duri nei giudizi sono Tg2 e Tg La7, con quest’ultimo che parla di una “bruttissima vicenda” nata per “i motivi più bizantini”, con la sentenza del Tar che, nonostante la sua correttezza, fa fare all’Italia, come al gioco dell’oca, “diversi passi indietro”.

L’attentato di Manchester, e l’odierno contrasto tra l’UK e degli States, si mantiene primo o secondo titolo per tutte le edizioni. Tg2 apre sull’ira della premier May per la fuga di notizie riservate pubblicate in America sulla strage in Gran Bretagna, mentre i Mediaset minori si concentrano sui mancati controlli attorno alla figura di Abedì, e sugli arresti di suoi familiari e spalleggiatori. A due giorni dalla strage, non c’è piaciuta la copertina del Tg5 che, trattando delle vittime dell’Arena di Manchester, incornicia l’immagine della piccola Saffie Rose con toni più melodrammatici che giornalistici. Presente nei servizi di tutti, e senza eccessivi fronzoli, la visita a sorpresa dell’anziana Regina Elisabetta in un nosocomio dove sono ricoverati alcuni giovani feriti dell’attentato.

Al primo vertice Nato, cui prende parte il neopresidente Trump che richiede una maggiore partecipazione (economica) dell’Alleanza alla lotta all’Isis, vanno le aperture di Tg1 e Tg3, secondo titolo Tg2, terzo per Tg5 e La7. I Tg Rai riflettono sull’accoglienza tutto sommato cordiale riservata dall’assemblea del Patto Nord Atlantico a quello stesso leader che, in campagna elettorale, ne aveva dileggiato il ruolo. Sempre Tg1 e Tg2 dedicano un titolo al prossimo G7 di Taormina che apre domani, e son diverse le testate che propongono nei servizi sia le misure di sicurezza, sia l’apprensione diffusa della cittadinanza.

Tornando alla politica, la legge elettorale resta bassa ma comunque presente nei Tg delle 20. Mentana ha l’occhio lungo, e fin dai titoli annuncia l’ipotesi di un voto in autunno sempre più probabile, e con un sistema proporzionale alla tedesca.

Per gli esteri, gli scontri in Brasile scoppiati a seguito di un’inchiesta che proverebbe la corruzione dell’attuale Presidente Temer, figurano nei servizi di tutti e spiccano sul Tg5, che li propone in apertura affiancandoli alle proteste contro Maduro che infiammano ormai da 2 mesi il Venezuela. Titolo anche per il Tg3, mentre Tg1, Tg2 e Tg La7 riportano l’esplosione di un pacco bomba contro l’ex premier greco Papademos, rimasto ferito assieme alla sua scorta.

Passando al naufragio di ieri, con il bilancio delle vittime salito a 35, diverse testate rilanciano i dati dell’Unicef sui morti nel Mediterraneo.

Per la cronaca, utilizzando le rivelazioni dell’intelligence che parlano di potenzialmente 100 jihadisti attivi in Italia, Tg4 rilancia la campagna di sicurezza offrendo fin dai titoli la testimonianza di una 20enne stuprata e segregata per ore da un immigrato tunisino ospite di amici; una testimonianza indubbiamente forte ma proposta senza alcuna mediazione giornalistica. Attenzione alta per tutti alla nuova aggressione nel milanese di un uomo che si è scagliato contro la sua compagna e ha tentato il suicidio: entrambi in fin di vita. A fine edizione tutte le testate riprendono le condizioni della nota stilista Laura Biagiotti, ricoverata in un ospedale romano in condizioni gravissime.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare