Tar – Il gioco dell’Oca

I Tg di giovedì 25 maggio – Se Manchester e Bruxelles incombono sulle aperture dei Tg, la notizia del giorno è senz’altro la nuova sentenza problematica del Tar del Lazio, che stavolta ha bocciano la nomina di 5 tra i direttori dei principali complessi museali italiani, a 2 anni dalla loro assunzione. Una vicenda dalla “correttezza disarmante”, e che riaccende lo scontro politica contro la magistratura, come rimarcato nei servizi Mediaset, mentre espone il Paese al ridicolo per come le nostre normative non consentano a direttori stranieri di dirigere questi decisivi centri culturali. Tutte le testate riprendono fin dai titoli le dichiarazioni di Franceschini, che parla senza mezzi termini di “figuraccia”. I più duri nei giudizi sono Tg2 e Tg La7, con quest’ultimo che parla di una “bruttissima vicenda” nata per “i motivi più bizantini”, con la sentenza del Tar che, nonostante la sua correttezza, fa fare all’Italia, come al gioco dell’oca, “diversi passi indietro”.

L’attentato di Manchester, e l’odierno contrasto tra l’UK e degli States, si mantiene primo o secondo titolo per tutte le edizioni. Tg2 apre sull’ira della premier May per la fuga di notizie riservate pubblicate in America sulla strage in Gran Bretagna, mentre i Mediaset minori si concentrano sui mancati controlli attorno alla figura di Abedì, e sugli arresti di suoi familiari e spalleggiatori. A due giorni dalla strage, non c’è piaciuta la copertina del Tg5 che, trattando delle vittime dell’Arena di Manchester, incornicia l’immagine della piccola Saffie Rose con toni più melodrammatici che giornalistici. Presente nei servizi di tutti, e senza eccessivi fronzoli, la visita a sorpresa dell’anziana Regina Elisabetta in un nosocomio dove sono ricoverati alcuni giovani feriti dell’attentato.

Al primo vertice Nato, cui prende parte il neopresidente Trump che richiede una maggiore partecipazione (economica) dell’Alleanza alla lotta all’Isis, vanno le aperture di Tg1 e Tg3, secondo titolo Tg2, terzo per Tg5 e La7. I Tg Rai riflettono sull’accoglienza tutto sommato cordiale riservata dall’assemblea del Patto Nord Atlantico a quello stesso leader che, in campagna elettorale, ne aveva dileggiato il ruolo. Sempre Tg1 e Tg2 dedicano un titolo al prossimo G7 di Taormina che apre domani, e son diverse le testate che propongono nei servizi sia le misure di sicurezza, sia l’apprensione diffusa della cittadinanza.

Tornando alla politica, la legge elettorale resta bassa ma comunque presente nei Tg delle 20. Mentana ha l’occhio lungo, e fin dai titoli annuncia l’ipotesi di un voto in autunno sempre più probabile, e con un sistema proporzionale alla tedesca.

Per gli esteri, gli scontri in Brasile scoppiati a seguito di un’inchiesta che proverebbe la corruzione dell’attuale Presidente Temer, figurano nei servizi di tutti e spiccano sul Tg5, che li propone in apertura affiancandoli alle proteste contro Maduro che infiammano ormai da 2 mesi il Venezuela. Titolo anche per il Tg3, mentre Tg1, Tg2 e Tg La7 riportano l’esplosione di un pacco bomba contro l’ex premier greco Papademos, rimasto ferito assieme alla sua scorta.

Passando al naufragio di ieri, con il bilancio delle vittime salito a 35, diverse testate rilanciano i dati dell’Unicef sui morti nel Mediterraneo.

Per la cronaca, utilizzando le rivelazioni dell’intelligence che parlano di potenzialmente 100 jihadisti attivi in Italia, Tg4 rilancia la campagna di sicurezza offrendo fin dai titoli la testimonianza di una 20enne stuprata e segregata per ore da un immigrato tunisino ospite di amici; una testimonianza indubbiamente forte ma proposta senza alcuna mediazione giornalistica. Attenzione alta per tutti alla nuova aggressione nel milanese di un uomo che si è scagliato contro la sua compagna e ha tentato il suicidio: entrambi in fin di vita. A fine edizione tutte le testate riprendono le condizioni della nota stilista Laura Biagiotti, ricoverata in un ospedale romano in condizioni gravissime.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità