Taormina – Splendida location, deludenti i risultati

I Tg di venerdì 26 maggio 2017 – La cronaca del G7 nel meraviglioso scenario di Taormina reclama l’apertura di tutte le testate, impegnando anche almeno un terzo delle edizioni sui Tg Rai. I giudizi sono “aperturisti” per la Rai, più scettici per La7. Alla “dichiarazione di Taormina”, la risoluzione sul contrasto al terrorismo che verrà realizzato con maggior forza anche sulla rete (Tg2), seguono le “parole poco chiare” (Tg La7) sulle misure di contrasto alla tratta degli esseri umani, mentre sul fronte dell’ambiente il tavolo di lavoro vede gli USA “contro tutti”. A giudizio di Mentana, si tratta di un vertice dagli scarsi esiti e dalle risoluzioni scontate. Molto alte sul Tg1 le dichiarazioni del “padrone di casa” Gentiloni, che si dimostra fiducioso su eventuali ripensamenti degli americani sui temi ambientali. Sempre Tg1 riflette su quanto pesi in questo momento su Trump e familiari il caso Russiagate. I contrasti tra USA e Germania sul tema delle esportazioni delle auto sono più evidenti nei servizi di Tg2, Tg3 e Tg La7, mentre per Tg4 a far più notizia sono le escursioni delle first ladies (presenti anche su Tg2).

Per la politica, la legge elettorale ritorna sui Tg Mediaset (titoli Tg4 e Studio Aperto) con Berlusconi che, attorniato da animali d compagnia, rilancia le sue direttive in vista di un tavolo di lavoro a cui anche M5S avrebbe deciso di partecipare. Maggiore interesse per TgLa7 (titolo) e le testate Rai alle polemiche sulla reintroduzione dei voucher, lamentata dalle forze di sinistra e dai sindacati.

Le dimissioni dell’DG Rai Campo Dall’Orto, che ha rimesso in giornata il mandato al ministro Padoan a seguito della bocciatura della sua riforma delle news, ottengono attenzione diffusa sia sui Tg Rai che Mediaset, ma è solo Tg La7 che nei servizi prova ad entrare nel merito. Le testate Rai dimostrano stasera un maggior interesse per un’altra azienda storica del Paese, l’Ilva di Taranto, con Tg3 che fin dai titoli presenta la cordata che dovrebbe acquistare l’azienda per circa 2 miliardi di euro (servizio lungo e dettagliato anche per Tg1 e Tg La7)

L’orrenda strage in Egitto di 35 cristiani copti, per la maggio parte bambini, che mentre viaggiavano su di un autobus sono stati assaltati e crivellati da un commando islamista, spicca nei titoli sui Tg Rai e La7. Mentana, in un editoriale a braccio, afferma che benché questo attacco risulti “lontano dai nostri cuori”, per gravità non è diverso dai fatti drammatici di Manchester (ancora presenti per tutte le testate), ed egualmente finalizzato a cambiare il nostro modo di vivere.

Per la cronaca, all’omicidio-suicidio di ieri nel milanese si affianca nei servizi (presente nei titoli per Tg4 e Studio Aperto) l’intervista ad uno dei sopravvissuti dell’introvabile “Igor”. Spazio sempre sui Mediaset minori al caso di un bambino in fin di vita a causa di un’otite perché i genitori hanno preferito agli antibiotici la medicina omeopatica.

Passando alle varie ed eventuali, Tg4 ci ricorda fin dai titoli che l’estate è arrivata presto quest’anno, mentre Tg1 propone un aggiornamento dal Giro d’Italia. Tg La7 dedica stasera l’ultimo titolo ad un promo di rete, presentando un documento speciale in onda dopo 8 e mezzo sull’attività criminale di Carminati.

La giornata dell’informazione è stata orfana del Tg5 per il primo sciopero contro l’azienda in 25 anni, motivato dall’ipotesi di spostamento degli studi e della redazione da Roma a Milano.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili