Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Tutti in fila sotto il palazzo

I Tg di venerdì 10 aprile – Solo TgLa7 rifiuta il must dell’apertura dedicata da tutti gli altri al Palazzo di Giustizia milanese, il giorno dopo la strage compiuta dall’imprenditore folle che ha fatto 3 vittime con la pistola “tranquillamente” introdotta nel Tribunale più importante d’Italia. A differenza di tanti altri “casi” di cronaca criminale che stimolano l’attenzione morbosa dei teleutenti, la strage di Milano non ha retroscena pruriginosi e aree insondate. Si sa già tutto; intendiamoci: il fatto è gravissimo e va “coperto”, ma c’è molto di “cerimoniale” sia nell’atteggiamento dell’informazione che nelle prese di posizioni ufficiali. 15, 20, 25 minuti dedicati dalle varie testate a indagare nella lucida follia dell’omicida risultano inevitabilmente stanchi e quasi compassati. Non stiamo parlando della commemorazione ufficiale e delle parole dei familiari delle vittime (che comunque abbondano sui Tg Mediaset) ma, ad esempio, delle dichiarazione dei vertici della Magistratura che coniugano l’attacco di ieri, a nostro giudizio aspecifico e non riferibile ad un “contesto di delegittimazione” di giudici e pm, a quelli più reali e profondi che da anni vengono rivolti all’ordine giudiziario. Una volta tanto (ed è rarissimo!) siamo d’accordo con Maurizio Belpietro (Studio Aperto) e Sallusti (Tg4) che criticano il “vittimismo ingiustificato” dell’Anm. Le polemiche sulla sicurezza in vista dell’Expo appaiono su tutti, ma sia chi le anima, sia chi le riferisce risulta alquanto scontato. In proposito da segnalare un utile servizio del Tg1 che “guarda avanti” e segnala le numerose misure di sicurezza previste per l’Expo e illustrate dal Commissario Sala: stando ai “numeri” e alle tecnologie che saranno impiegati, si potrebbe stare relativamente tranquilli. E sempre per restare ai “numeri”, sono importanti anche quelli degli ascolti. Abbiamo recentemente parlato di una certa riottosità dei teleutenti a correre davanti al video nei casi di drammi italiani (cfr. le vittime del Museo del Bardo). Anche ieri, giorno della strage, l’Auditel dei Tg non si è mossa.
Dicevamo all’inizio che TgLa7 “sceglie” un’altra apertura: si tratta del Def e della notiziola del giorno, quella del tesoretto di 1,6 miliardi che il governo dovrà decidere come spendere. Notizia presente e indagata da tutti, con tanto di reazioni preventive delle diverse opposizioni. Sempre Mentana propone una mini storia dei “tesoretti”, risorse uscite dai cilindri di quasi tutti i più recenti governi. La Cassazione che ribadisce la correttezza dell’impianto dell’indagine della procura Romana sulla corruzione, laddove si parla di contesto propriamente mafioso, è nei titoli solo Tgla7. Tg3 e Tg1 tornano sul passaggio alla Camera delle legge che introduce nell’ordinamento il reato di Tortura, quello che Salvini ha definito “un regalo ai delinquenti”. Il tormentone all’interno di Forza Italia sembra essersi risolto con la rottura definitiva tra fitto e Berlusconi. Questo, almeno, ci dicono i Tg Rai e Tg La7. Mediaset, ovviamente, non ne parla. Gli arresti in “Casa Pound” per il pestaggio di qualche tempo fa davanti al centro sociale di Cremona, compaiono su Tg1 e TgLa7.
Per gli esteri un po’ tutti si occupano dei guai in casa le Pen, visti i coltelli che volano tra padre e figlia, ma anche l’indagine su quest’ultima per illecito finanziamento del suo partito. Buona l’intuizione di Tg5 che dedica la copertina allo storico, imminente incontro tra Obama e Raul Castro a Panama, ampiamente trattato anche da Tg3, Tg1 e TgLa7.

Dati auditel dei Tg di giovedì 9 marzo 2015
Tg1 – ore 13:30 4.293.000, 25.74% ore 20:00 6.263.000, 25.55%.
Tg2 – ore 13:00 2.815.000, 18.20% ore 20:30 2.554.000, 9.48%.
Tg3 – ore 14:30 1.833.000, 11.80% ore 19:00 1.812.000, 10.91%.
Tg5 – ore 13:00 3.404.000, 21.76% ore 20:00 4.871.000, 19.54%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.933.000, 15.73% ore 18:30 901.000, 6.95%.
Tg4 – ore 11.30 573.000, 7.81% ore 18:55 857.000, 5.45%.
Tg La7 – ore 13:30 612.000, 3.66% ore 20:00 1.191.000, 4.81%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica