L'opinione

Topi, immondizia, clandestini; e razzismo

109

I Tg di mercoledì 17 giugno – Nel giorno dell’incontro italiano tra Cameron e Renzi l’apertura per i Tg Rai è tutta sulla diplomazia e gli scambi bilaterali e multilaterali sulla questione dell’immigrazione. Le ultime ore hanno portato più di qualche novità: la (paradossale) lettera firmata dai ministri degli esteri italiano, tedesco e francese e inviata alla Mogherini che invita l’Europa ad esprimere una politica unitaria e organica sulla vicenda profughi; il governo di estrema destra ungherese che annuncia la costruzione di 175 chilometri di muro alto 4 metri sulla frontiera con la Serbia per evitare il passaggio dei profughi; il Papa che invita a pregare per il perdono di individui e istituzioni che mostrano chiusura sul tema accoglienza; Salvini che gli risponde da par suo chiedendo quanti profughi accolga il Vaticano e affermando che non vuole essere “perdonato”; Grillo che nel quotidiano attacco a Marino definisce Roma come una città invasa da topi, immondizia e clandestini, per poi rendersi conte dell’enormità di quanto scritto nel tweet e “riparare” con un altro post più moderato. Come si può vedere l’emergenza immigrazione continua a dettar legge nella comunicazione, con le varie aree culturali, politiche, professionali e umane che vi si rispecchiano. Dicevamo dei Tg Rai che martellano a destra e a manca: sull’Europa, rispetto alla quale lo sforzo del governo se andrà bene non potrà portare che un pareggio in trasferta; su Salvini, che non conosce il buon senso e tantomeno riconosce il valore trasversale dell’appello di Francesco; su Grillo, il cui post viene da Tg1 esplicitamente definito “razzista”. Le testate Mediaset, in una giornata così intensa, non fanno altro che proseguire la consueta campagna securitaria e da ultimo piagnona. Piagnona, sì, perché le drammatiche condizioni dei migranti costretti a rimanere bloccati alle frontiere sono finalmente inquadrate: qualche secondo di pietas (e già è qualcosa) ma subito dopo la consueta aggressività con cui ci si scaglia contro la Francia che sigilla le frontiere e ci si lamenta del governo che non fa nulla. Di fronte poi alla solidarietà espressa da semplici cittadini e dal istituzioni locali e territoriali, ecco poi su Tg4 il lungo servizio sulla cittadina milanese, madre di 6 figli e in gravi difficoltà, che non sentendosi assistita si chiede perché vengano invece assistiti i profughi. Solo Tg5 propone con un certo rilievo le parole del Papa, mentre su Studio Aperto sono solo l’alibi per trasmettere ad ampio spettro la risposta di Salvini.

Su Grillo, il cui Movimento – per fortuna “suo”in quanto a proprietà ma non per le sensibilità di molti attivisti ed elettori – è stato in questi giorni al centro dell’attenzione per le vittorie ai ballottaggi, ci permettiamo di sottolinea la sua particolare trasparenza. Un post come quello che mette insieme topi, immondizia e profughi, non può essere frutto di un errore o di una svista. Al contrario è una conferma di quello che l’ex comico pensa veramente e che in altre occasioni ha già manifestato. Anche se molti affermano che non esiste più discrimine tra destra e sinistra, ci chiediamo se la fine delle ideologie e delle identità possa portare allo sdoganamento dello xenofobia, del razzismo e della pura aggressività politica, sia che l’autore ne sia Grillo o Salvini, E, aggiungiamo, a prescindere dai voti che certe posizioni riescono ad a ottenere nelle urne.

TgLa7 come è consuetudine predilige la politica e nell’apertura si occupa di scuola titolando sulla “battaglia sulla riforma”. Anche i Tg Rai seguono da vicino l’odierna manifestazione romana dei sindacati e degli insegnanti. Sempre La7 “coglie” più degli altri la probabile nuova occasione di scontro tra sindacati e governo per gli articoli del jobs act che riguardano il controllo delle aziende sul proprio personale attraverso il monitoraggio dei pc, telefoni e tablet in loro dotazione.

Mafia Capitale è presente su tutti, ed in particolare su Tg5 , con un servizio sulla “terza ondata” di carte della Procura che dovrebbero riguardare il malaffare in Regione Lazio. Sempre su Roma Tgla7 propone una riflessione “ a due” tra i giornalisti Rizzo e Stella che elencano le tante cose che non vanno nella Capitale, a partire dalle arcinote buche e dai sampietrini sconnessi.

Rimanendo al tema “ruberie, annessi e connessi”, sia su Rai che su La7 ampio spazio all’indagine su 44 tra dirigenti e funzionari Rai, La7 e Mediaset, oltre che imprenditori e alcuni collaboratori di Berlusconi, che avrebbero dato vita ad un giro di mazzette e regalie intorno agli appalti per i servizi in esterna dei 3 gruppi televisivi.

All’Expo è arrivata Michelle Obama, e tutti i Tg, inevitabilmente, se ne accorgono riprendendo ampiamente la giornata milanese della First lady Usa.

Dati auditel dei Tg di martedì 16 giugno 2015

Schermata 2015-06-17 alle 23.57.15

 

Fonte:www.tvblog.it

 

Altre opinioni dell'Autore
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario
Video

Zavoli, il socialista di Dio

      Non ho ricordi personali di Sergio Zavoli, se non la sua firma sotto la mia lettera di assunzione in Rai, 36 anni...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Un piano straordinario di investimenti pubblici

«Quello che serve è un piano straordinario di investimenti pubblici, finalizzato al riassetto del Paese. Un piano che acquisti evidenza per ampie...
di Gian Maria Fara
Il punto a Mezzogiorno

Mezzogiorno: tre strade per ribaltare un destino già segnato

Secondo Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Grecia, sono tre i passaggi obbligati per riuscire a riempire di contenuti e progettualità una “partenza nuova” alla quale in qualche modo ci obbliga il Recovery Fund per il Mezzogiorno.
di Nino Foti
scuola

Scuola, rischio abbandono con l’emergenza Covid. Le misure di sicurezza rischiano di favorirlo

Scuola, la chiusura forzata ha modificato profondamente le abitudini degli studenti e il lockdown potrebbe avere come effetto negativo l’aumento repentino degli abbandoni scolastici.
di Ilaria Tirelli
Ambiente

Bonus bici, impennata delle vendite. Ma l’Italia è un Paese bike friendly?

Il “bonus mobilità” – dedicato all’acquisto delle due ruote, ma anche monopattini elettrici, stabilito dal Governo nel decreto Rilancio –, ha fatto impennare le vendite che si stima, da maggio, siano state tra le 500 e le 600mila.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Commercio elettronico: un fenomeno in crescita continua

Con la complicità del Coronavirus, il commercio elettronico prosegue nella sua marcia trionfale, alla conquista di nuovi consumatori. La sua crescita era già una tendenza consolidata, ma le trasformazioni registrate alla luce del virus, con il lockdown che ne è derivato, con le relative limitazioni e restrizioni, hanno causato una accelerazione.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Arte, l’opera dell’art director Lorenzo Marini in mostra a Venezia

Negli spazi della Fondazione Bevilacqua La Masa, a piazza San Marco a Venezia. “Dal silenzio alla parola”, un’antologica di trenta opere che, oltre a un itinerario estetico, si configura come un percorso dello spirito che racconta i quarant’anni di carriera artistica di Lorenzo Marini.
di Massimiliano Cannata
Video

Uno sguardo dal ponte

        Come nel film di Sidney Lumet – tratto da un dramma di Arthur Miller – vogliamo anche noi scattare una foto cruda...
di Emilio Albertario
Sicurezza

Sicurezza, nel periodo del lockdown diminuiscono gli omicidi ma aumentano i femminicidi

Durante il periodo del lockdown è diminuito il numero totale degli omicidi, ma non degli omicidi con vittime di sesso femminile. È uno dei dati più significativi che emerge dal Report elaborato dalla Direzione Centrale della Polizia criminale - Servizio Analisi Criminale, diretta dal Prefetto Vittorio Rizzi. I numeri.
di redazione