Rapporto Italia

La spesa per i pet si ammortizza con il “fai da te”

75

Prendersi cura di un animale, si sa, comporta diverse spese inerenti  l’alimentazione, l’igiene, le cure veterinarie… Quanto spendono gli italiani ogni mese per non far mancare nulla al proprio pet? La stragrande maggioranza, l’81,9%, non oltrepassa la soglia dei 50 euro mensili.

A seguire troviamo il 13,7% di persone disposte a sostenere una spesa compresa tra 51 e 100 euro, il 3,2% tra 101 e 200 euro e soltanto lo 0,9% e lo 0,3% che spendono rispettivamente da 201 a 300 euro e oltre 300 euro al mese per il proprio animale domestico.

Mettendo a confronto tra loro i dati relativi agli ultimi tre anni di indagini circa le abitudini di spesa degli italiani per il sostentamento dei propri animali adottivi ci rendiamo conto che, se tra il 2013 e il 2014 la percentuale di coloro che spendevano mediamente 30 euro al mese era aumentata del 5,4% (passando dal 46,7% del 2013 al 52,1% del 2014), dall’anno scorso ad oggi essa è diminuita del 6,2%, percentuale che è andata ad infoltire le fila di quanti si attestano sul livello di spesa immediatamente superiore, ovvero compreso tra i 30 e i 50 euro mensili: erano in totale il 32,7% nel 2013 e il 32,8% nel 2014, passati adesso al 36%.

Chi oggi spende dai 51 ai 100 euro è il 13,7%, dato in linea con il 13,6% del 2013 ma in aumento del 2,8% rispetto all’anno scorso, quando si attestava a quota 10,9%.

In diminuzione dell’1,7% rispetto al 2013 ma in aumento dell’1,1% rispetto al 2014 è la quota di italiani disposta a spendere dai 101 ai 200 euro al mese, valore che quest’anno troviamo al 3,2%.

In calo infine la quota di quanti sono disposti ad affrontare una spesa mensile che oltrepassi la soglia dei 200 euro: sono infatti passati dal 2,1% del 2013 all’1,6% del 2014 per arrivare oggi all’1,2%.

Per le cure veterinarie e i medicinali il 70,3% riesce a spendere, nell’arco di un anno, meno di 100 euro, seguito dal 19,5% di chi spende una cifra compresa tra 101 e 200 euro. Una minoranza, invece, il 6,7% e il 3,5% spende rispettivamente dai 200 ai 300 euro e oltre i 300 euro mediamente in un anno per prendersi cura della salute dei propri animali.

In tempi di crisi si risparmia su tutto, anche sulla salute quando non si ha a che fare con problemi seri, ed è questa la motivazione che sta alla base della disponibilità minore degli italiani a destinare quote di spesa per visite mediche e farmaci. Sulla base delle esperienze pregresse, delle conoscenze acquisite stando a contatto con gli animali, delle indicazioni ricevute in passato dai veterinari, gli italiani ricorrono sempre meno spesso alle strutture destinate alla cura dei pet optando per rimedi “fai da te”, che consentono di dare una mano ai loro amici animali senza per questo dover mettere mano al portafogli.

pet survey(4)

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani