Rapporto Italia

La spesa per i pet si ammortizza con il “fai da te”

113

Prendersi cura di un animale, si sa, comporta diverse spese inerenti  l’alimentazione, l’igiene, le cure veterinarie… Quanto spendono gli italiani ogni mese per non far mancare nulla al proprio pet? La stragrande maggioranza, l’81,9%, non oltrepassa la soglia dei 50 euro mensili.

A seguire troviamo il 13,7% di persone disposte a sostenere una spesa compresa tra 51 e 100 euro, il 3,2% tra 101 e 200 euro e soltanto lo 0,9% e lo 0,3% che spendono rispettivamente da 201 a 300 euro e oltre 300 euro al mese per il proprio animale domestico.

Mettendo a confronto tra loro i dati relativi agli ultimi tre anni di indagini circa le abitudini di spesa degli italiani per il sostentamento dei propri animali adottivi ci rendiamo conto che, se tra il 2013 e il 2014 la percentuale di coloro che spendevano mediamente 30 euro al mese era aumentata del 5,4% (passando dal 46,7% del 2013 al 52,1% del 2014), dall’anno scorso ad oggi essa è diminuita del 6,2%, percentuale che è andata ad infoltire le fila di quanti si attestano sul livello di spesa immediatamente superiore, ovvero compreso tra i 30 e i 50 euro mensili: erano in totale il 32,7% nel 2013 e il 32,8% nel 2014, passati adesso al 36%.

Chi oggi spende dai 51 ai 100 euro è il 13,7%, dato in linea con il 13,6% del 2013 ma in aumento del 2,8% rispetto all’anno scorso, quando si attestava a quota 10,9%.

In diminuzione dell’1,7% rispetto al 2013 ma in aumento dell’1,1% rispetto al 2014 è la quota di italiani disposta a spendere dai 101 ai 200 euro al mese, valore che quest’anno troviamo al 3,2%.

In calo infine la quota di quanti sono disposti ad affrontare una spesa mensile che oltrepassi la soglia dei 200 euro: sono infatti passati dal 2,1% del 2013 all’1,6% del 2014 per arrivare oggi all’1,2%.

Per le cure veterinarie e i medicinali il 70,3% riesce a spendere, nell’arco di un anno, meno di 100 euro, seguito dal 19,5% di chi spende una cifra compresa tra 101 e 200 euro. Una minoranza, invece, il 6,7% e il 3,5% spende rispettivamente dai 200 ai 300 euro e oltre i 300 euro mediamente in un anno per prendersi cura della salute dei propri animali.

In tempi di crisi si risparmia su tutto, anche sulla salute quando non si ha a che fare con problemi seri, ed è questa la motivazione che sta alla base della disponibilità minore degli italiani a destinare quote di spesa per visite mediche e farmaci. Sulla base delle esperienze pregresse, delle conoscenze acquisite stando a contatto con gli animali, delle indicazioni ricevute in passato dai veterinari, gli italiani ricorrono sempre meno spesso alle strutture destinate alla cura dei pet optando per rimedi “fai da te”, che consentono di dare una mano ai loro amici animali senza per questo dover mettere mano al portafogli.

pet survey(4)

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli