Osservatorio TG

Un euro a migrante al giorno

migrante

I Tg di venerdì 5 giugno – Le aperture sono quasi tutte per le nuove intercettazioni che mostrano come anche i corrotti e corruttori hanno i loro problemi. Odevaine, ad esempio, è alle prese del grosso problema di come versare in banca circa 30.000 euro in contanti consegnati (se abbiamo capito bene) da chi ha vinto l’appalto truccato per il Cara di Mineo, senza essere segnalato all’antiriciclaggio. E, poi, come fare per imboscare i sudati guadagni in Venezuela? Le intercettazioni (ambientali e telefoniche) che sono rese possibili “solo” perché l’inchiesta romana di Pignatone è per reati anche di mafia, sconcertano gli italiani e appassionano tutti i Tg, anche quelli che in un passato non lontano le hanno mal sopportate. Il tiro al sindaco ( di Roma) è trasversale e concentrato, e su Tg5 diventa oggetto della copertina che ne chiede “ufficialmente” le immediate dimissioni. Il coinvolgimento nell’inchiesta del sottosegretario Ncd Castiglione (ex presidente della provincia di Catania) ad opera della Procura di Catania contribuisce a far scatenare tutti contro Alfano, anche quelli che fino ad un paio di anni fa facevano da balia al delfino di Berlusconi. Cantone compare su Rai e La7 ribadendo che di aver più volte segnalato al Viminale le irregolarità dell’appalto per Mineo. In questa inchiesta e nella copertura mediatica che ovviamente riceve c’è da segnalare un “grande assente”: il profugo, che così diventa esclusivamente l’occasione di guadagni illeciti per un personale politico amministrativo e imprenditoriale. “Un euro a migrante al giorno”.
TgLa7 sceglie per l’apertura il passo indietro nella trattativa tra Atene e Bruxelles, con conseguente arretramento delle borse per le nubi che si addensano e la prospettiva del Grexit. Mentana questa sera propone una ricca pagina di esteri, con un servizio sulla ripresa della guerra guerreggiata nell’est dell’Ucraina; per Mafia Capitale il suo titolo è esplicito e parla di “schifo”.
Su Rai e La7 titoli e ampi servizi sulla vendita del 48% del Milan a Mister Bee, e che Berlusconi l’abbia fatto per necessità e non ne sia affatto contento si specchia nella pratica assenza della notizia su Mediaset (breve citazione all’interno di un servizio su Forza Italia).
Mattarella che parla all’Expo contro la corruzione e a favore dell’obbligo di utilizzare per gli indigenti le quantità di cibo che si sprecano nella distribuzione, è “alto” solo” su Tg2 che dedica al presidente il secondo titolo.
L’epopea anti rom, rilanciata dall’omicidio stradale nella Capitale, questa sera produce un ennesimo servizio che va in onda su Studio Aperto e Tg4; la scarcerazione del giovane rom non alla guida viene presentata come un’ingiustizia, una “decisione che ha innestato la polemica facendo tornare quel vento razzista, quell’atmosfera da fucili puntati contro le roulotte di cui non si sentiva certo il bisogno”. E, certo, a Tg4 non è mai venuto in mente a nessuno di mettere i rom sotto accusa …
Tg2 torna nell’approfondimento sull’omicidio dell’avvocato Piccolino a Formia, allargando il quadro alle difficoltà e ai rischi che in tante parti d’Italia incontrano gli avvocati che si battono per la legalità.

Dati auditel dei Tg di giovedì 4 giugno 2015

Schermata 2015-06-06 alle 00.05.02

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità