L'opinione

Un euro a migrante al giorno

79
migrante

I Tg di venerdì 5 giugno – Le aperture sono quasi tutte per le nuove intercettazioni che mostrano come anche i corrotti e corruttori hanno i loro problemi. Odevaine, ad esempio, è alle prese del grosso problema di come versare in banca circa 30.000 euro in contanti consegnati (se abbiamo capito bene) da chi ha vinto l’appalto truccato per il Cara di Mineo, senza essere segnalato all’antiriciclaggio. E, poi, come fare per imboscare i sudati guadagni in Venezuela? Le intercettazioni (ambientali e telefoniche) che sono rese possibili “solo” perché l’inchiesta romana di Pignatone è per reati anche di mafia, sconcertano gli italiani e appassionano tutti i Tg, anche quelli che in un passato non lontano le hanno mal sopportate. Il tiro al sindaco ( di Roma) è trasversale e concentrato, e su Tg5 diventa oggetto della copertina che ne chiede “ufficialmente” le immediate dimissioni. Il coinvolgimento nell’inchiesta del sottosegretario Ncd Castiglione (ex presidente della provincia di Catania) ad opera della Procura di Catania contribuisce a far scatenare tutti contro Alfano, anche quelli che fino ad un paio di anni fa facevano da balia al delfino di Berlusconi. Cantone compare su Rai e La7 ribadendo che di aver più volte segnalato al Viminale le irregolarità dell’appalto per Mineo. In questa inchiesta e nella copertura mediatica che ovviamente riceve c’è da segnalare un “grande assente”: il profugo, che così diventa esclusivamente l’occasione di guadagni illeciti per un personale politico amministrativo e imprenditoriale. “Un euro a migrante al giorno”.
TgLa7 sceglie per l’apertura il passo indietro nella trattativa tra Atene e Bruxelles, con conseguente arretramento delle borse per le nubi che si addensano e la prospettiva del Grexit. Mentana questa sera propone una ricca pagina di esteri, con un servizio sulla ripresa della guerra guerreggiata nell’est dell’Ucraina; per Mafia Capitale il suo titolo è esplicito e parla di “schifo”.
Su Rai e La7 titoli e ampi servizi sulla vendita del 48% del Milan a Mister Bee, e che Berlusconi l’abbia fatto per necessità e non ne sia affatto contento si specchia nella pratica assenza della notizia su Mediaset (breve citazione all’interno di un servizio su Forza Italia).
Mattarella che parla all’Expo contro la corruzione e a favore dell’obbligo di utilizzare per gli indigenti le quantità di cibo che si sprecano nella distribuzione, è “alto” solo” su Tg2 che dedica al presidente il secondo titolo.
L’epopea anti rom, rilanciata dall’omicidio stradale nella Capitale, questa sera produce un ennesimo servizio che va in onda su Studio Aperto e Tg4; la scarcerazione del giovane rom non alla guida viene presentata come un’ingiustizia, una “decisione che ha innestato la polemica facendo tornare quel vento razzista, quell’atmosfera da fucili puntati contro le roulotte di cui non si sentiva certo il bisogno”. E, certo, a Tg4 non è mai venuto in mente a nessuno di mettere i rom sotto accusa …
Tg2 torna nell’approfondimento sull’omicidio dell’avvocato Piccolino a Formia, allargando il quadro alle difficoltà e ai rischi che in tante parti d’Italia incontrano gli avvocati che si battono per la legalità.

Dati auditel dei Tg di giovedì 4 giugno 2015

Schermata 2015-06-06 alle 00.05.02

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli