Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Unioni Civili : 372 a 51

I Tg di mercoledì 11 maggio 2016 – Si respira un’evidente aria di festa in alcuni Tg di serata. Festa dichiarata esplicitamente da Tg4, con Cecchi Paone che parla anche “a titolo personale”. Il passaggio delle Unioni Civili è anche per Mentana – che lo sottolinea ripetutamente – una “svolta di civiltà” dopo 28 anni di tentativi andati a vuoto. Sulla Rai primo e secondo titolo per tutte le testate, con ampio spazio dedicato ai festeggiamenti “andati in onda” per tutta la giornata a Piazza Montecitorio, ma anche alle posizioni fortemente contrarie e fortemente diversificate delle opposizioni. Ma, tornando al nostro titolo, è ancora una volta Mentana che dà il senso di questo passaggio: solo 51 i contrari, con i deputati M5S che si astengono, quelli di sinistra italiana che votano a favore e diverse defezioni da FI. Chi scrive vorrebbe veramente che questi numeri rappresentassero fedelmente un Paese che compie un passo importante. Probabilmente è così solo in parte, stando all’annuncio fatto dai “51” della raccolta di firme per un referendum abrogativo, le dichiarazioni di Brunetta che parla di “libertà di coscienza” (ripreso dal Tg1) e gli schiamazzi di Salvini che invita i “suoi” sindaci a boicottare la legge. Gandolfini, portavoce del Family Day, parla esplicitamente di “vendetta contro Renzi” guardando al referendum costituzionale: un capolavoro di lucidità politica! Su tutte le testate è possibile cogliere un qual certo imbarazzo nelle posizioni dei 5 Stelle che motivano l’astensione con l’incompiutezza del testo. La “forzatura” del voto di fiducia è esplicitamente riconosciuta da Tg La7, che però fa prevalere il valore del risultato finalmente ottenuto. 372 a 51, e va benissimo così. Nell’analisi di ieri qualche nostro attento ed affezionato lettore ha colto un coinvolgimento emotivo che travalica il ruolo di chi “osserva” l’informazione di prima serata. Ammettiamo, ma lo rifaremmo: semel in anno celebrare licet.

Passando all’economia, dopo gli accenni presenti ieri si chiarisce questa sera il “quasi sì” dell’Europa all’ulteriore flessibilità richiesta dall’Italia. Solo Tg La7 se ne occupa fin dai titoli, sottolineando che sul fronte del debito Bruxelles chiederà un impegno maggiore. Tg4 ospita a lungo in studio il ministro Poletti, che afferma che le posizione del governo sulla flessibilità pensionistica in uscita sono realistiche e non confuse.

Interessante il servizio di Tg3 che ci aggiorna sul quotidiano braccio di ferro tra Ankara e Bruxelles, con la minaccia turca di riaprire al flusso dei profughi mentre si nega la possibilità di ammorbidire le norme contro i terroristi, spesso in realtà utilizzate nei confronti degli oppositori politici. Il nuovo allarme foreign fighters lanciato dai servizi americani trova spazio soprattutto sulle testate Mediaset. Sul tema profughi e accoglienza, Tg4 visita due centri di raccolta in Puglia e Veneto, denunciano condizioni difficili sia per gli ospiti che per le comunità: vale la pena di sottolineare, ancora una volta, il decisivo cambio di linea editoriale che si è realizzato con la conduzione di Cecchi Paone.

L’allarme per il tritolo trovato a Gioia del Colle, che sarebbe servito per un attentato contro il Procuratore napoletano Colangelo trova spazio nei titoli per quasi tutti i Tg. Analoga visibilità riceve la sentenza di Cassazione che conclude un iter giudiziario durato 3 anni per il tentato omicidio di Lucia Annibali, ospite al Tg1: confermata la condanna a 20 anni per l’ex fidanzato, mandante dei due sicari che l’hanno sfregiata con l’acido.

In conclusione, segnaliamo la copertina del Tg5 che ritorna sui numerosi casi di malasanità diffusa nel nostro Paese, mentre Tg2 dedica l’approfondimento alla difficoltà di curarsi in tempo di crisi, aggravata da tante piccole “dazioni”, da sprechi e corruzione.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra