Osservatorio TG

Veleni nel governo, e non solo

I Tg di giovedì 7 aprile – Cinque Tg su sette (Tg1, Tg3, Tg4, Tg5, TgLa7) aprono sull’audizione dell’ex ministro Guidi davanti ai magistrati della Procura di Potenza. Su tutti in evidenza le intercettazioni tra l’ex ministro ed il compagno che dimostrano il clima di veleni all’interno del governo. Sempre su Tempa Rossa, (presente su tutti i Tg) Tg5 intervista Di Maio. Interessante il servizio del Tg3 sull’avvelenamento da idrocarburi delle falde acquifere di Viggiano che, per inciso, con Tempa Rossa non c’entra niente.

L’intervento di Renzi (lunga intervista in apertura su Tg2), che rilancia l’operato del Governo, ribadendo la priorità di sbloccare le opere pubbliche, e che chi sbaglia (Guidi) paga. L’annuncio dello sblocco della banda larga (che ci vede ultimi in Europa), vede buoni i servizi di Tg3 e Tg4. Sugli scontri di ieri a Bagnoli Tg3 e Tg La7 intervistano il sindaco di Napoli De Magistris che attacca Renzi su Bagnoli, manifestando difficoltà a commentare le violenze di piazza. Mentana lo rimarca, assai criticamente.

Titolo per tutti e apertura per Studio Aperto sul vertice tra la Procura di Roma e le autorità egiziane per fare luce sull’omicidio di Giulio Regeni. Tutti i Tg si mostrano “attendisti” illustrando gli scenari che si prospettano nella speranza che l’Egitto smetta di produrre ricostruzioni insulse ed offensive.

L’allarme lanciato oggi da Mario Draghi sui rischi dell’afflosciarsi della crescita europea, è presente nei titoli per Tg1, Tg3, Tg4, Tg5 e Tg La7. Tg4 omette il duro monito sulla “generazione abbandonata” lanciato dal governatore della BCE, mentre buono è il suo servizio che spiega la differenza tra inflazione e deflazione e i rischi che rispettivamente comportano.

Sul fronte migranti, la minaccia dell’Austria dell’ulteriore blindatura del Brennero in vista degli “oltre 300 mila migranti previsti in arrivo in Italia” viene fortemente criticata un po’ da tutti (titolo per Tg3, Tg1 e Tg5). In particolare Tg3 e Tg La7 ricordano come queste posizioni di chiusura siano molto indicative della crisi della UE, dato che provengono da un paese storicamente attento sul fronte dei diritti. Il reportage del Tg3 propone le interviste ad alcuni profughi siriani sull’isola greca di Kios, disperati perché non vogliono essere riportati in Turchia.

Da segnalare su tutti i nuovi sviluppi, al momento non così eclatanti, sullo scandalo dei Panama Papers. Su Mediaset e Rai il “caso”della nuova “affittopoli casertana”, con decine di case all’interno del complesso della Reggia affittate dalla soprintendenza per poche decine di euro a parenti di dipendenti ed ex. Non male infine, l’approfondimento del Tg4, con Cecchi Paone che lamenta il mancato sfruttamento della risorsa economica nazionale più preziosa: il turismo.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa