Cercando un altro Egitto

I Tg di venerdì 8 aprile – Il governo italiano ha provato, con pazienza mista ad irritazione, a cercare un Egitto che si mostrasse in grado e che volesse confessare l’inconfessabile, ovvero la verità sulla bestiale uccisione di Giulio Regeni. Un Egitto che, però non esiste. Quello di Al Sisi è in grado di torturare e uccidere, ma non di riconoscere le proprie responsabilità verso un paese amico ed alleato. Le aperture di quasi tutti i Tg sono sul fallimento del vertice romano con gli inviati de Il Cairo, e la conseguente e preannunciata decisione del governo di richiamare il nostro ambasciatore. Nelle edizioni delle 20 è lo stesso Renzi a decretare la fine dell’inutile attesa, dopo che nei giorni scorsi Gentiloni aveva avvertito Al Sisi. Difficile prevedere a cosa porterà la nuova fase di questo vero e proprio contenzioso, ma una cosa è certa: una volta tanto la politica e, conseguentemente, l’informazione non producono o riprendono baruffe interne, e l’attesa decisione di assumere una posizione dura è apprezzata da tutti.

Dicevamo delle baruffe, e gli atti con cui i Cinque Stelle accompagnano la campagna per la sfiducia al governo (vedi la lettera a Mattarella con l’invito a non firmare la riforma costituzionale la prossima settimana perché “il governo sta per cadere”), trovano correttamente spazio nei titoli di Tg3 e Tg La7, ma la particolare sintassi costituzionale utilizzata dal Movimento lascia il tempo che trova.

L’arresto dell’ “uomo con il cappello” a Bruxelles è per il Tg4 di Cecchi Paone una “buona notizia”. Tutte le testate danno spazio alla cattura di quello che con ogni probabilità era l’ultimo membro ancora libero della cellula terroristica franco-belga.

Per la politica interna, i dati del def, con l’abbassamento al + 1,2% della previsione del pil nel 2016, sono alti e nei titoli per TgLa7 e Tg3; quelli positivi della borsa sono presenti su tutte vengono enfatizzati da Mediaset per annunciare l’accordo con Vivendi, senza spiegare però che, al di là della generica cornice di alleanza, ciò che al momento concretamente è avvenuto è la cessione di Premium al colosso francese, come spiega correttamente Mentana.

Tg3 propone un servizio sulle squallide manifestazioni anti-profughi ad Atene da parte dei fascisti di Alba Dorata. La liberazione dell’ex missionario italiano sequestrato molti mesi fa da terroristi filippini compare nei titoli di Tg4 (“altra buona notizia”) e nei servizi dei Tg Rai e di Tg5.

La grande apertura del papa sulla comunione ai divorziati dimostra che la paziente opera di Francesco avanzata attraverso il sinodo della Famiglia, sapeva bene dove mirare. Tg1 sente Melloni, che riflette sui grandi cambiamenti nella Chiesa. Tg4 Cecchi Paone si lascia andare e afferma “com’è mondano questo Papa!”

Chiudiamo con il Tg2 che ricostruisce, a 25 anni dalla tragedia, il dramma della Moby Prince.

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse