Innovazione

98 milioni di euro affidati a CISE per progetti su ambiente e sicurezza

95

Circa 98 milioni di euro di finanziamenti per progetti su ambiente e sicurezza nel territorio nazionale, in particolare nelle regioni meridionali: è il primo importante impegno assunto da CISE, la Confederazione Italiano Sviluppo Economico presentata oggi al Palazzo Gruppi. Una presentazione che segue di pochi giorni  l’importante stipula del protocollo d’intesa firmato dal Ministero degli Interni: CISE è stata infatti individuata quale soggetto attuatore nell’attuazione del PON-Legalità (Programma Operativo Nazionale) 2014-2020 delle cinque regioni meridionali Campania, Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia. Con un Mezzogiorno che rimane drammaticamente indietro rispetto alla contenuta ripresa economica con un Pil pro-capite di 17.886 euro a fronte di una media nazionale di 26.946 euro, si tratta, dunque, di un cambio di passo che è proprio una delle mission della CISE, la Confederazione Italia Sviluppo Economico. L’organismo, presieduto da Giuseppe Romano, affiancato dal direttore generale Michele Giannattasio, che vanta una lunga esperienza sui consorzi industriali, mira a creare una virtuosa sinergìa tra le realtà territoriali quali consorzi industriali, imprese private, autorità portuali per realizzare nuove infrastrutture, attraendo anche investimenti esteri sul territorio nazionale e in particolare nel sud Italia. Lo stesso Giuseppe Romano spiega: «Il nostro obiettivo è di porci come interlocutore primario per la condivisione di articolati piani di rilancio del territorio tra gli associati e le imprese allocate nelle aree industriali del paese, attraendo investimenti anche comunitari e determinando le migliori condizioni possibili per il finanziamento delle opere. Ed in breve tempo, grazie al protocollo d’intesa con il ministero degli Interni, ci stiamo già attivando per gestire un primo finanziamento di 10 milioni di euro per un sofisticato sistema di video-sorveglianza per gli agglomerati urbani di Napoli e Caserta.» E tra le opportunità di rilancio, per superare il deficit infrastrutturale legato ad esempio ad una carente rete ferroviaria suburbana di appena 670 chilometri all’evidente congestionamento autostradale che penalizza il trasporto delle merci, una possibile alternativa proviene dal mare e dalla strategica posizione del nostro paese come evidenziato dal presidente di Eurispes Gian Maria Fara c’è la infrastrutturazione portuale:  “Il Mediterraneo  –  ha sottolineato Fara – è uno scenario di potenzialità inespresse, a fronte di una economia  del mare che è comunque una componente fondamentale con oltre 1 milione di addetti ed una incidenza del 14% sul cluster logistico nazionale. Ci vuole dunque una risposta strategica per innovare la  catena logistica che in Italia è ancora frammentata  e che produce perdite per 50 miliardi di euro annui in ‘inefficienza’». Il CISE, sarà anche uno strumento attivo di formazione e attrazione di investimenti, come ha ribadito Danilo Iervolino, presidente di Università Mercatorum: “Oggi viene presentato il progetto Cise per favorire, attraverso il progetto industria 4.0, la nascita di nuove imprese e soprattutto nuove start-up, nel settore della robotica delle nano tecnologie dei big data e della manifattura adattiva. Se lo sforzo del governo c’è stato il Cise sicuramente contribuirà a formare i giovani per il nuovo lavoro e sulle nuove professioni, cercando di dare una guida, anche attraverso una mentorship, ai giovani che vogliono iniziare una nuova impresa o una nuova start up”.

 

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani