Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Immigrazione e “mala accoglienza”: l’inefficacia del sistema nasce fin dal momento della sua gestazione. Solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza.
L’analisi è stata condotta da In Migrazione ed è contenuta nel dossier “Straordinaria accoglienza”: la cooperativa romana ha svolto un’accurata indagine sui bandi di tutte le prefetture italiane, proponendo una riflessione nel merito dello scheletro fondamentale dell’accoglienza italiana. Un’analisi ortopedica, si potrebbe dire, per tentare di comprendere la realtà derivante dai bandi e dai relativi capitolati delle diverse prefetture su questo tema.
Secondo In Migrazione, solo 16, dei bandi di gara indetti dalle Prefetture per l’apertura e la gestione dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS), raggiungerebbero la sufficienza, 64 risulterebbero carenti e 21 molto carenti. Le stesse gare d’appalto, mediamente, sarebbero caratterizzate da forti ritardi burocratici nell’espletamento di tutte le varie procedure; si sono riscontrati più di 5.000 giorni di ritardo tra la data prevista di avvio dei servizi e quella precedente di aggiudicazione della gara stessa, con una media nazionale di ritardo, per Prefettura, di quasi due mesi. Ritardi che pesano sulle casse dello Stato e che rendono spesso necessarie, sempre secondo In Migrazione, proroghe tecniche delle passate aggiudicazioni. Una situazione rilevata sui bandi di gara per l’apertura dei 178.338 posti per ospitare i richiedenti asilo nei CAS di tutta Italia, che rappresentano oltre il 90% della complessiva capacità della “prima accoglienza”.
Non mancano però esempi virtuosi, che dimostrano come la “prima accoglienza” può essere anche efficace e di qualità. Sul podio della ricerca, infatti, ci sono i bandi delle Prefetture di Rieti, Siena e Ravenna, che dovrebbero essere considerati come il punto di partenza per ridisegnare in Italia una “Straordinaria accoglienza”. A Cosenza, Crotone e Firenze, invece, va il primato dei bandi più carenti.
Così spiega Simone Andreotti, presidente di In Migrazione: «La scelta inedita di analizzare il sistema di prima accoglienza partendo dai bandi pubblici, nasce dalla convinzione che nei capitolati e nei disciplinari delle gare ci deve essere l’anima dei CAS. È nei bandi che si trovano le regole del gioco per i gestori privati, che più sono definite e tanto più accrescono l’efficacia dei controlli e, in caso d’inadempienza, la possibilità di applicare penali o rescindere convenzioni».
In tutta Italia sono stati messi a bando dalle Prefetture, quasi 180mila posti nei Centri di Accoglienza Straordinaria. Se, in termini assoluti, ad ospitare più richiedenti asilo nei CAS sono la Lombardia (27.131 posti messi a bando), la Campania (17.500) e il Lazio (16.449), in rapporto ai residenti queste regioni ospitano appena 3 richiedenti ogni 1.000 residenti. «Non assistiamo ad alcuna invasione – spiega Andreotti – il problema non è il numero di persone che sbarcano scappando da guerre e violenze, ma l’incapacità del nostro Paese di rispondere a questo fenomeno mettendo in campo un sistema di accoglienza efficace e di qualità». La “pressione” dell’accoglienza sui cittadini che risiedono in un territorio non è, infatti, determinata dal numero complessivo di individui accolti, quanto dalla loro concentrazione, ovvero dalla dimensione dei centri dove essi vengono indirizzati, i quali troppo spesso si trovano ad ospitare un numero eccessivo di persone, con conseguenze negative sulla qualità dell’accoglienza e sul rapporto stesso con la comunità ospitante.
Una delle principali criticità evidenziate dalla ricerca riguarda proprio le dimensioni delle strutture. Solo in poco più di una gara d’appalto su 4 viene stabilito un limite inferiore ai 60 ospiti per centro di accoglienza. Nel 68% dei casi, invece, viene data la possibilità di aprire centri che possono ospitare tra gli 80 e i 300 utenti (in alcuni casi con cifre persino superiori). Anche sulla quantità e la qualità dei servizi forniti alla persona e quelli per l’integrazione, nei bandi di gara pubblicati dalle Prefetture, si evidenzia un’altra forte carenza: oltre il 60% di essi non raggiunge la sufficienza su molti aspetti fondamentali. Ciò è stato rilevato in particolare per i seguenti servizi: l’orientamento e il supporto legale per la domanda di protezione internazionale (negativa valutazione in 89 bandi su 101), l’insegnamento dell’italiano L2 (83/101) e la mediazione linguistica e culturale (76/101). Carente, anche se sensibilmente migliore, anche la situazione per i servizi connessi al lavoro, al volontariato e alla gestione del tempo (solo il 49% positivo) e i servizi di assistenza psicologica e sociale (57% negativo). Nettamente migliore, invece, è la situazione per quanto concerne l’assistenza sanitaria, considerata positivamente in 85 bandi sui 101 analizzati.

Con il decreto del Ministro dell’Interno con cui è stato approvato lo schema di Capitolato per la gestione dei centri di accoglienza, nonché i criteri per l’aggiudicazione dell’appalto del 2017, si sarebbe, secondo In Migrazione, preso spunto dai capitolati tecnici dei grandi Centri Governativi (CARA in primis). Un passo indietro che mortifica le esperienze positive valorizzando, invece, quelle più negative. Non poteva mancare, infine, una riflessione sui famosi 35 euro, che una diffusa retorica vorrebbe attributi direttamente ai richiedenti asilo. Dei 35 € “pro die, pro capite medio” destinati all’accoglienza straordinaria dei richiedenti asilo, soltanto 2,50 € vanno direttamente alle persone accolte (che comunque vengono spesi sul territorio per soddisfare le proprie necessità). Il restante, ovvero oltre il 92% del finanziamento, viene usato dal privato che gestisce i Centri di Accoglienza Straordinaria.

Un dato evidente se si pensa che l’accoglienza straordinaria porta (o dovrebbe portare, quando ben gestita) a quasi un miliardo di euro in tutta Italia per creare direttamente nuovi posti di lavoro, senza contare un indotto stimabile in un altro miliardo di euro l’anno. Solo le spese per il personale connesso all’accoglienza straordinaria possono creare, escludendo l’indotto, oltre 36.000 posti di lavoro qualificati.
L’Italia ha un estremo bisogno di un sistema di prima accoglienza che sia efficace, razionale e di qualità. È urgente, dunque, avviare un percorso concreto per uniformare, all’insegna del miglioramento della qualità, i Centri di Accoglienza Straordinaria, prendendo atto che di straordinario, ormai, non hanno più nulla. Un sistema di prima accoglienza, che quantitativamente rappresenta il 90% della prima accoglienza nazionale e che esiste da oltre 4 anni, si è trasformato, di fatto, in ordinario.

Ultime notizie
Gioco

Gioco pubblico: il riordino deve riguardare contemporaneamente quello fisco e l’online

Gioco pubblico, un riordino necessario Nella imminente discussione sull’attuazione dell’art. 15 della legge delega sul riordino del gioco pubblico l'auspicio è che il...
di redazione
tempo libero
Sondaggi & Ricerche

Tempo libero, un lusso eroso da lavoro, Social e inflazione

Il tempo libero sta diventando un lusso nelle società contemporanee, tra produttività esasperata e tempo passato sui Social. E non solo: in Italia il 39,2% dei lavoratori lamenta la mancanza di tempo da dedicare a sé stessi, e il 57,2% degli italiani ha ridotto le spese per il tempo libero per risparmiare.
di redazione
tempo libero
pakistan
Mondo

Pakistan tra fughe per la vita di migliaia di persone e repressione militare: una crisi esplosiva

Il Pakistan affronta una grave crisi economica, pur essendo il quinto paese al mondo per popolazione e unica potenza nucleare di un paese governato da musulmani. Il contesto sociale è una polveriera, mentre è al governo un regime caratterizzato da estremismo islamico e intolleranza religiosa.
di Marco Omizzolo*
pakistan
futuro demografico
Futuro

Raccontare la denatalità: cambiare narrazione e aprirsi al cambiamento delle nostre società

La denatalità in Italia getta ombre preoccupanti sul futuro, ma per dare risposte concrete al problema è necessario abbandonare le narrazioni odierne e accettare le soluzioni proposte dalle politiche di accoglienza. Una riflessione del Presidente Gian Maria Fara sul presente e sul futuro demografico italiano.
di Gian Maria Fara*
futuro demografico
Economia

L’eolico in Sardegna: minaccia o premessa di nuovo sviluppo?

Negli ultimi mesi sono state presentate alla Regione Sardegna da parte di soggetti diversi centinaia di domande per l’installazione di nuove torri eoliche. Se venissero tutte accolte, l’isola si trasformerebbe in una piattaforma di totem metallici che ne puntellerebbero l’intero territorio. E non sarebbe risparmiato neanche il mare.
di Giuseppe Pulina
pnc
Italia

Piano Nazionale Complementare, uno strumento di sinergia col Pnrr

Il Pnc, ovvero il Piano Nazionale Complementare, è uno strumento di sinergia col Pnrr, varato nel 2021 per il valore di 31 miliardi di euro. Anche in questo caso si segnalano ritardi nella realizzazione dei progetti e la necessità di maggiore trasparenza sulla destinazione delle risorse impiegate.
di Claudia Bugno*
pnc
denatalità
Società

E se fare figli rendesse più ricchi?

I dati italiani sulla natalità parlano di 393.000 nuovi nati nel 2022, con tendenza al ribasso e un futuro da inverno demografico. Ma un primo passo per contrastare la denatalità in Italia può essere quello di smettere di rappresentare i figli solo come un impoverimento, e rifiutarne una narrazione prettamente economica.
di Alberto Mattiacci*
denatalità
Mar Nero
Mondo

Per una nuova sinergia tra Mar Mediterraneo e Mar Nero

Mar Mediterraneo e Mar Nero, due mari connessi e interdipendenti dal punti di vista ambientale, per i quali è necessaria una sinergia: è quanto emerso dalle indicazioni del 13° Simposio del Centro Studi sul Mar Nero ICBSS. La blue economy rappresenta un obiettivo comune di cooperazione tra le due aree.
di Marco Ricceri*
Mar Nero
longevity society
Società

Da aging society a longevity society: un approccio multigenerazionale

Il concetto di longevity society verte sull’allungamento dell’età anagrafica dei cittadini rispetto a epoche precedenti, con conseguenti impatti sociali, economici, sanitari e culturali. Ma l’approccio giusto per affrontare l’invecchiamento demografico è multigenerazionale e attento alle esigenze di tutte le generazioni.
di Claudia Bugno*
longevity society
Roma ricorda Kennedy
Storia

Roma ricorda Kennedy, un evento ripercorre i giorni di JFK nella Capitale

Roma ricorda Kennedy, l’evento che ripercorre le giornate trascorse nella Capitale dal Presidente statunitense nel luglio del 1963. L’incontro avrà luogo nella Capitale mercoledì 29 novembre dalle ore 10:00 alle 13:30. Il programma prevede la proiezione di immagini della visita a Roma di J.F. Kennedy, avvenuta l’1 e 2 luglio del 1963.
di redazione
Roma ricorda Kennedy