Società

Al servizio di emarginati e poveri in giacca e cravatta: il Gran Priorato della Misericordia

23

C’è un posto sull’Aventino dove il sangue blu di Roma non passa il tempo a scambiarsi consigli per i cerimoniali del tè da servire in tazze di porcellana. La missione del Gran Priorato di Roma dell’Ordine di Malta è quella di sempre e non ammette deleghe: aiutare gli ultimi. I numeri, del resto, parlano chiaro: dai 170.000 pasti caldi serviti alle mense della speranza alle più di 12.000 ore di ‘Vangelo di strada’, con Cavalieri, Dame, Donati e Volontari che hanno portato assistenza ai bisognosi in stazioni, strade e periferie dell’esistenza, donando segni concreti di Misericordia ai fratelli.

Sono 150.000 i poveri e i signori malati assistiti nel 2014 dal Gran Priorato di Roma dell’Ordine di Malta, insieme a centri di assistenza medica che sono ormai punto di riferimento per tutti e a posti letto per i nuovi poveri. Una ’parrocchia’ che abbraccia Lazio, Toscana, Umbria e Marche, vivendo la Chiesta come un “ospedale da campo”, secondo l’indicazione di Papa Francesco. I frati e i volontari della carità ascoltano i bisognosi in modo qualificato, con team specializzati composti da psichiatri e psicoterapeuti. Se ne prendono cura con spirito di solidarietà, dando risposte concrete. Al centro dell’azione dell’Ordine con la Croce a otto punte, simbolo delle Beatitudini evangeliche, c’è la persona e la sua dignità, la valorizzazione spirituale e l’umanizzazione dei luoghi.

Al centro dell’azione dei Volontari guidati dal Gran Priore di Roma, Balì fra Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, ci sono le nuove frontiere del bisogno. L’impegno riguarda infatti gli emarginati, gli immigrati, i perseguitati, i rifugiati, senza distinzione di razza o di religione. E ancora le famiglie colpite dalla crisi, con un’attenzione particolare ai ’nuovi poveri’, quelle persone che siedono alle mense della carità in giacca e cravatta.

È proprio sul territorio che il Gran Priorato di Roma cuce storie di incontri con la Misericordia, come il servizio ai poveri delle stazioni Termini e Tiburtina o i punti di ascolto. Alle mense del Gran Priorato non si fa la fila, si viene serviti. Sulla tavola, un fiore e una parola buona. Questo impegno è anche un racconto di profonda umanità: insieme al pane per i poveri, le cure sanitarie sono assicurate da volontari medici e psicologi, ma ci sono anche servizi di assistenza legale per chi è nel bisogno e progetti importanti come quello dedicato ai papà separati. “Il volontariato – spiega fra Giacomo Dalla Torre – non è fare le cose nel tempo libero ma donare del tempo vero a chi ha bisogno. E vivere insieme il Vangelo che è amore per gli ultimi e i poveri. A chi bussa alla nostre porte non chiediamo da dove venga e quale fede abbia. Per noi sono tutti fratelli e sorelle, perché figli del Dio della Misericordia”.

“Abbiamo migliorato il servizio dei nostri centri di assistenza medica -prosegue il Gran Priore di Roma – e creato altri posti letto per i nuovi poveri. Ma i numeri – sempre importanti – sarebbero fredda statistica se nelle vene di questo impegno non scorresse il desiderio di incontrare l’Altro negli occhi e nelle mani degli ultimi”. La filosofia è semplice, e profonda ad un tempo: le Chiese devono diventare comunità samaritane, sempre in uscita verso le periferie esistenziali. Donare è un atto di creazione. E’ fare Vita.

 

                      

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione