Albanesi, nigeriani e cinesi, nuovi mafiosi d’Italia

Mafie straniere sempre più radicate, tanto da riuscire a conquistare un ruolo di collaborazione stretta e solidale con le mafie autoctone, quelle che da sempre caratterizzano il panorama criminale del nostro Paese.
Mafia, camorra, ‘ndrangheta – oggi la prima “mafia nazionale” con una supremazia indiscussa conquistata sul campo – si sono ormai abituate a gestire le loro attività,  sfruttando le potenzialità e le specifiche caratteristiche delle mafie straniere. Sul podio delle organizzazioni che sono riuscite ad “accalappiare” e, addirittura, a spartirsi, pezzi della nostra Italia, la mafia albanese, quella nigeriana e quella cinese.

Alla presenza delle associazioni mafiose straniere in Italia è stato dedicato un convegno presso la Corte di Cassazione dal titolo “La criminalità organizzata straniera in Italia. Quali scenari futuri?”.  Il momento di incontro e confronto è stato organizzato dal sociologo e criminologo Fabio Iadeluca: “Non c’è Paese al mondo che in tema di mafia può prescindere dal far riferimento agli strumenti messi in campo dall’Italia e alla sua legislazione, tra le più avanzate al mondo su questa tematica. Ma oggi ci sono nuove esigenze, ed è impossibile non tenere conto che la globalizzazione, anche finanziaria, e il fenomeno dell’immigrazione di massa, hanno reso ancor più complesso il panorama criminale. Ciò che accomuna le mafie tradizionali con quelle straniere è la loro capacità di negare il diritto di dignità e di libertà ”, ha spiegato.

In questa direzione è andato anche il sostituto procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo Cesare Sirignano che ha incentrato il suo intervento sul crimine della tratta di esseri umani. Un reato che il nostro sistema processuale affronta in “rarissimi casi”. “Il numero di condanne è risibile rispetto alla diffusione del reato”, ha spiegato il dottor Sirignano. “Le indagini difficilmente decollano perché sono estremamente complicate e il nostro sistema, seppure all’avanguardia, non è in realtà abbastanza efficace. Si pensi solo a quanto è difficile, se non impossibile, risalire all’identificazione dei soggetti coinvolti quando abbiamo a che fare, per esempio, con la mafia nigeriana; alle difficoltà enormi per poter sviluppare le intercettazioni, sia per la complessità della lingua e dei dialetti che per l’insufficienza di interpreti”.

Un problema, quello dell’interpretariato, sottolineato anche dal Consigliere Luigi Giordano, magistrato dell’Ufficio Massimario della Corte di Cassazione, che ha poi illustrato “pregi e difetti” di uno strumento importante di repressione, come il “captatore informatico”; un meccanismo che utilizza microspie all’interno dei cellulari per svolgere intercettazioni ambientali, e manovrabile da remoto. Uno strumento utile ma di non semplice utilizzo e soprattutto molto costoso.

Il Consigliere Paolo Geronimo, magistrato dell’Ufficio Massimario della Corte di Cassazione, ha invece illustrato luci e ombre del nuovo decreto legislativo intervenuto a modificare il tema delle intercettazioni telefoniche, e non ancora entrato in vigore. Una riforma nata con l’intento di rispettare le diverse esigenze ma che è stata osteggiata da più parti; ed in effetti, numerosi sono gli aspetti che potrebbero esporla a dubbi di legittimità costituzionale.

Al presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, il compito di spiegare come si stanno trasformando ed evolvendo le mafie autoctone e in che direzione si stanno muovendo. “Non vi sono  zone “franche”: la malavita organizzata continua ad agire sulle terre d’origine, perché è attraverso il controllo del territorio che si producono ricchezza, alleanze, consenso: specialmente nel Mezzogiorno. Ma poi i capitali accumulati hanno bisogno di sbocchi, devono essere messi a frutto e perciò raggiungono le città   – in Italia e all’estero – dove è più facile renderne anonima la presenza e dove possono confondersi infettando pezzi interi di buona economia”, ha detto il professor Fara.

La storia dei percorsi legislativi che rendono il nostro sistema un punto di riferimento, è stata illustrata da Antonio Scaglione, vicepresidente del Consiglio della Magistratura Militare. “Una legislazione delle emergenze che si è poi trasformata in un sistema stabile e che vede i suoi capisaldi nell’articolo del 416 bis del codice penale, negli uffici e nelle attività delle procure nazionali antimafia e nei sempre più specializzati corpi di polizia”.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale