Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Criminalità e contrasto

Albanesi, nigeriani e cinesi, nuovi mafiosi d’Italia

Mafie straniere sempre più radicate, tanto da riuscire a conquistare un ruolo di collaborazione stretta e solidale con le mafie autoctone, quelle che da sempre caratterizzano il panorama criminale del nostro Paese.
Mafia, camorra, ‘ndrangheta – oggi la prima “mafia nazionale” con una supremazia indiscussa conquistata sul campo – si sono ormai abituate a gestire le loro attività,  sfruttando le potenzialità e le specifiche caratteristiche delle mafie straniere. Sul podio delle organizzazioni che sono riuscite ad “accalappiare” e, addirittura, a spartirsi, pezzi della nostra Italia, la mafia albanese, quella nigeriana e quella cinese.

Alla presenza delle associazioni mafiose straniere in Italia è stato dedicato un convegno presso la Corte di Cassazione dal titolo “La criminalità organizzata straniera in Italia. Quali scenari futuri?”.  Il momento di incontro e confronto è stato organizzato dal sociologo e criminologo Fabio Iadeluca: “Non c’è Paese al mondo che in tema di mafia può prescindere dal far riferimento agli strumenti messi in campo dall’Italia e alla sua legislazione, tra le più avanzate al mondo su questa tematica. Ma oggi ci sono nuove esigenze, ed è impossibile non tenere conto che la globalizzazione, anche finanziaria, e il fenomeno dell’immigrazione di massa, hanno reso ancor più complesso il panorama criminale. Ciò che accomuna le mafie tradizionali con quelle straniere è la loro capacità di negare il diritto di dignità e di libertà ”, ha spiegato.

In questa direzione è andato anche il sostituto procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo Cesare Sirignano che ha incentrato il suo intervento sul crimine della tratta di esseri umani. Un reato che il nostro sistema processuale affronta in “rarissimi casi”. “Il numero di condanne è risibile rispetto alla diffusione del reato”, ha spiegato il dottor Sirignano. “Le indagini difficilmente decollano perché sono estremamente complicate e il nostro sistema, seppure all’avanguardia, non è in realtà abbastanza efficace. Si pensi solo a quanto è difficile, se non impossibile, risalire all’identificazione dei soggetti coinvolti quando abbiamo a che fare, per esempio, con la mafia nigeriana; alle difficoltà enormi per poter sviluppare le intercettazioni, sia per la complessità della lingua e dei dialetti che per l’insufficienza di interpreti”.

Un problema, quello dell’interpretariato, sottolineato anche dal Consigliere Luigi Giordano, magistrato dell’Ufficio Massimario della Corte di Cassazione, che ha poi illustrato “pregi e difetti” di uno strumento importante di repressione, come il “captatore informatico”; un meccanismo che utilizza microspie all’interno dei cellulari per svolgere intercettazioni ambientali, e manovrabile da remoto. Uno strumento utile ma di non semplice utilizzo e soprattutto molto costoso.

Il Consigliere Paolo Geronimo, magistrato dell’Ufficio Massimario della Corte di Cassazione, ha invece illustrato luci e ombre del nuovo decreto legislativo intervenuto a modificare il tema delle intercettazioni telefoniche, e non ancora entrato in vigore. Una riforma nata con l’intento di rispettare le diverse esigenze ma che è stata osteggiata da più parti; ed in effetti, numerosi sono gli aspetti che potrebbero esporla a dubbi di legittimità costituzionale.

Al presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, il compito di spiegare come si stanno trasformando ed evolvendo le mafie autoctone e in che direzione si stanno muovendo. “Non vi sono  zone “franche”: la malavita organizzata continua ad agire sulle terre d’origine, perché è attraverso il controllo del territorio che si producono ricchezza, alleanze, consenso: specialmente nel Mezzogiorno. Ma poi i capitali accumulati hanno bisogno di sbocchi, devono essere messi a frutto e perciò raggiungono le città   – in Italia e all’estero – dove è più facile renderne anonima la presenza e dove possono confondersi infettando pezzi interi di buona economia”, ha detto il professor Fara.

La storia dei percorsi legislativi che rendono il nostro sistema un punto di riferimento, è stata illustrata da Antonio Scaglione, vicepresidente del Consiglio della Magistratura Militare. “Una legislazione delle emergenze che si è poi trasformata in un sistema stabile e che vede i suoi capisaldi nell’articolo del 416 bis del codice penale, negli uffici e nelle attività delle procure nazionali antimafia e nei sempre più specializzati corpi di polizia”.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare