Lavoro

Il tempo è denaro: non soldi ma ferie, all’Unicem intesa pilota

136

Tu fai un giorno di volontariato fuori azienda, io te ne concedo altri due di ferie. Il premio di produttività pagato non in denaro ma in tempo libero. E, per giunta, con il nobile intento di aiutare anche le attività benefiche a sostegno dei più deboli. E’ questo il singolare accordo raggiunto dai sindacati con la  Buzzi Unicem, seconda azienda del Paese del cemento, con circa 10 mila addetti e una quota del 16 per cento della produzione nazionale. L’azienda, che oltre alla sede centrale di Casale Monferrato (Alessandria) ha attività dislocate in vari altre nazioni, ha trovato più utile concedere ferie in più invece che soldi, coinvolgendo anche associazioni di volontariato impegnate nel welfare.
La condizione necessaria affinché scattino i due giorni in più di ferie, oltre a quella del volontariato, è che il dipendente smaltisca almeno il 75 per cento delle ferie dell’anno. I sindacati – coordinamento Rsu, Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil – hanno salutato con favore l’accordo, giudicandolo “innovativo e al passo con i tempi”. Da parte sua, il gruppo Buzzi Unicem ha fatto di necessità virtù dal momento che la produzione è sostenuta oggi più dalle altre sedi sparse all’estero, considerata la crisi europea del cemento. Risorse finanziarie da destinare ai dipendenti sotto forma di premio di produttività e altri incentivi non ve ne sono e allora perché non donare tempo?
Sergio Salvi, direttore del personale del gruppo, ha commentato propprio così l’accordo: “A fronte della crisi del comparto, si è pensato di premiare i dipendenti in modo innovativo, con un occhio alla solidarietà sociale e alla qualità della vita. Mancava il denaro per dare premi e allora abbiamo proposto di dare tempo”.
Per la verità, quello della Unicem non è il primo caso. Un esperimento del genere era già stato anticipato  da Luxottica, l’azienda con sede a Pederobba (Treviso) che già nel 2016 decise di regalare tempo libero agli operai: nel contratto integrativo, infatti, si prevedeva anche il premio di produzione che può essere trasformato in banca ore. Che sia questa la nuova frontiera delle contrattazioni sindacali con le aziende sul tema delle retribuzioni e dei premi di produttività?

Ultime notizie
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot
Informazione

Italia Paese pigro e disimpegnato. Pagnoncelli: “La realtà fa a pugni con la percezione”

Qual è il nostro livello di conoscenza della realtà, quale consapevolezza abbiamo del mondo che ci sta attorno, dei fenomeni che si verificano, delle conseguenze che generano? Il libro di Pagnoncelli, La penisola che non c’è, è una guida utile nella comprensione del momento attuale e delle sue dinamiche.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura & Turismo

Turismo, Federalberghi: “Sgravi fiscali per gli operatori e lotta all’abusivismo”

Le opportunità, ma anche i pericoli, delle piattaforme digitali di condivisione che hanno introdotto modi nuovi di viaggiare; la necessità di tornare a governare questa industria con un Ministero dedicato. Ne parliamo con il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
di Susanna Fara