Osservatorio TG

Batracomiomachia

I Tg di martedì 7 giugno – La “guerra dei numeri” tra Pd e Cinque Stelle è in apertura per i Tg Rai e La7. La “guerra” a chi scrive non piace mai, e i grammatici che nell’operetta attribuita a Omero rosicchiavano i distici elegiaci dei poeti, ancora di meno. Il giornalismo delle ultime 48 ore ripropone baruffe tra rane e topi, dimostrando che i numeri del primo turno delle amministrative profusi ad ampie mani sono spesso una scusa e un alibi per coprire l’assenza di analisi politica e di corretta informazione. Per chi questa sera non ha “consumato” Tg, un’assicurazione: non si è perso niente, a meno che non appartenga a quella sparuta minoranza che si nutre di dichiarazioni di politici, gli uni contro gli altri armati. In una stagione che vede all’angolo il partito e l’area politica dell’Editore, i Tg Mediaset dedicano relativamente poco spazio e nessuna apertura all’esito delle amministrative. Il ricovero di Berlusconi a Milano per scompensi cardiaci è presente su tutte le testate.

“Glissando” sulla politica, i Tg Mediaset aprono sulle atrocità e le minacce dell’Isis. Le donne curde bruciate vive a Mosul perché rifiutavano il ruolo di schiave sessuali, sono presenti su tutte le testate. Spazio sulle testate Mediaset anche alla jihadista bolognese arrestata oggi, con Tg4 che dedica un ampio speciale sulla condizione della donna nei regimi jihadisti, sempre “oggetto”, che sia di violenze o di plagio, mentre il nuovo video che minaccia la conquista islamista di Roma ottiene forse troppo spazio. I 10.000 profughi che dal 2014 sono morti attraversando il Mediterraneo sono titolo per Studio Aperto, mentre la presentazione del piano di controllo europeo sui migranti ottiene spazio sulla Rai e Tg5. L’attentato a Istanbul che ha fatto 12 morti e una quarantina di feriti, e presente in molti titoli e nei servizi per tutti.

La nomination di Hillary Clinton, prima donna a concorrere alle Presidenziali Usa, è data per certa e ripresa da tutte le testate.

Chiudiamo segnalando l’approfondimento di Tg2 su evasione scolastica e analfabetismo di ritorno. Il 40% degli italiani “non è in grado” di capire quello che legge, mentre 500.000 concittadini non sanno proprio leggere e scrivere. Non è consolante, ma il Servizio Pubblico fa bene a occuparsene. Ascoltare un “grande” come Tullio De Mauro all’interno di un servizio di Tg, è cosa rara e preziosa.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale