Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Botte da Orban

I Tg di venerdì 28 ottobre – Terremoto in apertura per tutti salvo Studio Aperto, Tg La7 e Tg2. Da Tg1, in totale controtendenza, la segnalazione di qualche disfunzione nell’assistenza agli sfollati di un piccolo comune. Intanto le scosse continuano, avvalorando una lettura che vedrebbe aumentare l’attività delle faglie dell’Appennino.

Renzi e Orban apprezzano, ma anche i Tg fanno propria la logica del confronto duro sul tema profughi. Lo scontro tra Roma e Budapest è secondo titolo per molti, dato che oramai da tre giorni il botta e risposta si ripropone a scansione oraria. Tg La7 approfondisce le questioni di politica interna ungherese che, dopo il mancato quorum al referendum, vede il governo impegnato comunque a blindare la chiusura ai profughi.

A Bratislava l’altro confronto, quello tra Padoan e Moscovici sui numeri della legge di stabilità, mostra invece toni moderati e in qualche misura accomodanti. Apertura per Tg La7, molto alto per Tg5 che riprende i contenuti della risposta di Padoan alla lettera della Commissione.

Ma il tema immigrazione è presente anche in ambito europeo, con l’attenzione reiterata di Tg4 alle malversazioni che talvolta, o spesso, si coniugano con il business dell’accoglienza. Chi ci legge sa bene che l’Osservatorio è tutt’altro che morbido proprio con il Tg4, molto spesso attraversato da istinti xenofobi. Vi assicuriamo che continueremo ad esserlo, ma in questi giorni dobbiamo segnalare che quando il Tg vira dalle tonalità più di chiusura ed arroccamento verso gli stranieri a un’attenzione alle tante speculazioni che, una volta salvati nel Mediterraneo, affliggono i profughi nel “mercato dell’accoglienza”, fa cosa “buona e giusta” che potrebbe essere proposta anche dalle altre testate. Apprezzabile, dunque, questa sera lo spazio dedicato agli arresti ed alle tanti immagini di degrado che si accompagnano con quella che, in molti casi, è una “pelosissima” assistenza. Mentana, nel “dopo gorino”, da spazio alle azioni aggressive contro extracommunitari e profughi: un pestaggio a Napoli da parte di vigilanti, di cui vengono mandate in onda le squallide immagini, e l’identificazione degli incendiari – quasi tutti italiani incensurati – di uno stabile adibito a ricovero dei profughi.

Per la politica e sul referendum Mentana segnala l’aria difficile che si respirerebbe anche nel comitato Pd sulla riforma dell’Italicum, con il risultato della mancata partecipazione di Cuperlo al “sì day” di domani a Roma (menzionata anche dal Tg2). Sempre su Tg La7 spazio all’esito della consultazione online di M5S sul regolamento interno. Confermata la logica delle espulsioni senza se e senza ma, che però non diventa “norma inappellabile” per il mancato raggiungimento del quorum.

Per la cronaca, in apertura su Studio Aperto e presente nei titoli per tutta Mediaset il crollo del cavalcavia a Lecco che ha provocato diversi feriti ed una vittima. Titolo anche per Tg1, mentre Tg La7 stigmatizza il rimpallo di responsabilità tra Anas e Provincia.

Gli ultimi giorni di campagna presidenziale USA inquadrano l’abbinata Michelle-Hillary che, come segnala Tg1, caratterizzerà il tentativo di passaggio del testimone tra la presidenza Obama e quella Clinton. Tg2 da nell’ultima parte dell’edizione l’annuncio della riapertura da parte dell’FBI delle indagini sulle mail cancellate dalla candidata democratica.

Su Tg1 e Tg3 rimbalzano le apprensioni dell’antitrust che ha avviato 2 procedimenti nei confronti di Watts app perché venga arginata la diffusione di dati sensibili.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare