Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Bugiardi ed incoscienti

I Tg di giovedì 8 giugno – Il titolo di una celebre canzone di Mina (seppure declinato al plurale) s’addice ai protagonisti dell’informazione di serata. Da una parte Trump, accusato dall’ex direttore dell’FBI Comey, nell’udienza al Senato, di essere un “bugiardo” e di averlo estromesso per le sue indagini sul Russiagate (presente nei titoli dei Tg Rai e di quelli delle 20), con l’ipotesi dell’impeachment che, secondo Mentana, si fa più concreta.

Ma bugiardi e incoscienti si mostrano oggi in generale i deputati, ed in particolare i tanti franchi tiratori che su un emendamento minore, ma non indifferente, hanno affossato l’alleanza a quattro sulla nuova legge elettorale (apertura per tutte le testate). Nonostante un errore tecnico abbia svelato le “appartenenze” di questo plotone, nessun servizio indaga più di tanto sull’identità dei franchi tiratori, lasciando spazio ai tanti botta e risposta tra esponenti Pd ed M5S che dichiarano impossibile qualsiasi futuro accordo. Unica voce fuori dal coro quella di Berlusconi (ripreso fin dai titoli dai Mediaset e Tg1) che invita a mantenere la calma e ritentare l’accordo. Tra tanta confusione di giornata, un elemento pare chiaro: l’assenza di una nuova legge elettorale allontana il voto e fa gioire le borse, come segnala già nei titoli Tg La7.

Schiacciato dallo scontro parlamentare, l’attacco del deputato M5S Sibilia alla ministra Lorenzin sul decreto vaccini, che riporta in auge la tradizione opposizione dei Cinque Stelle a quello che la scienza ci dice, viene relegato in basso da tutti (titolo solo per Tg1).

Per il resto, occhi puntati sulle elezioni nel Regno Unito che nelle ultime settimane hanno visto un sorprendente recupero dei laburisti nei confronti del partito conservatore della May. I Tories godrebbe tuttavia dei numeri per una vittoria certa, anche se non “oceanica”. Rimanendo al Regno Unito, resta alta l’attenzione verso le indagini sugli attentatori della City, con Tg4 e Tg La7 che vi dedicano un titolo. Sempre per gli esteri, l’ennesima provocazione della Corea del Nord, che nella notte ha lanciato una salva di missili in una zona di mare pattugliata dalla flotta americana, è solo citata nei nei servizi, mentre sul Qatar e sulla strage di Teheran non troviamo notizia da nessuna parte.

Le parole di Draghi che annuncia una ripresa più forte nell’Eurozona vengono rilanciate, ma senza particolare rilievo, dai Tg delle 20.

Per la giudiziaria, Tg La7 è il solo a titolare sugli sviluppi del caso Consip, mentre le testate Mediaset minori entrano in pieno regime “estivo” con diversi titoli sul meteo.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo stasera il Tg3 che visita l’hotspot di Lampedusa e parla con i migranti costretti a soggiornarvi, mentre Tg1 riporta i dati della lotta agli scafisti. Tg5 ci segnala la prima condanna per “bullismo” in conseguenza della nuova legge approvata nelle scorse settimane, mentre Tg2 propone un interessante servizio su un corpo forestale composto di sole donne che combatte il bracconaggio nel Serengheti.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica