Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

1348

Quasi sette italiani su dieci sarebbero favorevoli all’insegnamento dell’educazione civica in ambito scolastico, secondo l’ultimo Rapporto Italia di Eurispes; insegnamento che è già previsto dalla legge, ma in pochissimi casi viene rispettato. La nostra rivista ha promosso un dibattito tra esponenti della politica, della cultura e della scuola per riflettere sull’importanza di questo tema. Dopo aver intervistato Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale presidi (ANP) del Lazio, abbiamo sentito Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana per attivare lo studio dell’educazione civica fin dalla scuola elementare e media. Consigliere regionale della Lega e segretario dell’ufficio di presidenza del consiglio della Toscana, ma anche consigliere comunale di maggioranza ad Arezzo, Marco Casucci, 43 anni, sposato, è convinto che l’educazione civica aiuti a “rafforzare l’identità nazionale”.

Onorevole Casucci, porta la sua firma una mozione che prevede la promozione dell’educazione civica fin dalle scuole elementari e medie. Perché questa idea?
Abbiamo presentato una mozione affinché la Regione Toscana si facesse promotrice del ritorno dell’educazione civica come materia curriculare, in considerazione del fatto che ci sono, attualmente, sia una proposta di legge di iniziativa popolare in Toscana, che gode del consenso generale e promossa in particolare dai sindaci di Empoli e Firenze, sia una proposta di legge parlamentare. La Toscana è tra le primissime Regioni, se non la prima in assoluto, ad essersi mossa su questo tema.

Come nasce la proposta?
Questa mozione ha una storia curiosa: la presentai la prima volta nel 2015 ma poi rimase nel cassetto, fino a quanto mi sono reso conto di quanto, in realtà, la richiesta dell’insegnamento dell’educazione civica come materia a sé, fosse impellente, da parte dell’opinione pubblica, così ne ho sollecitato la discussione e, alla fine, è stata approvata all’unanimità, circa un mese fa, sia in Commissione sia in aula.

Che cosa prevede la vostra richiesta?
Il coinvolgimento delle famiglie. Infatti, parliamo di promozione della materia anche in orario extra scolastico: per ottenere dei risultati sui ragazzi è imprescindibile una alleanza scuola-famiglia.

Al momento, l’insegnamento dell’educazione civica è previsto dalla legge nell’ambito delle ore dedicate alla storia, nonostante in pochissimi casi venga effettivamente rispettato. La vostra idea è che l’educazione civica diventi una materia a sé?
Assolutamente. Una nuova materia che preveda anche un voto.

Che tipo di importanza o influenza avrà, a livello legislativo, la vostra mozione?
Si tratta di un atto di indirizzo politico di valenza fondamentale, perché ha ottenuto il consenso di tutti i gruppi consiliari. È rivolto al Governo e rappresenta, di fatto, la voce della Regione Toscana.

Secondo lei, gli studenti italiani conoscono la Costituzione italiana e sono pronti per votare a 18 anni?
Credo che la nostra Costituzione debba essere più conosciuta di quanto accade ora. E intendo dire che è necessario conoscere meglio anche il rispetto delle normative, degli usi, dei costumi, la conoscenza delle nostre tradizioni e del nostro essere civili. Insomma, l’insegnamento dell’educazione civica deve essere anche un modo per affermare ciò che noi della Lega sinteticamente riassumiamo nello slogan “prima gli italiani”, ovvero il nostro modo di essere.

Un modo, quindi, per rafforzare l’identità nazionale?
Esattamente, ed è per questo che si tratta di un provvedimento fondamentale, per la Lega.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani