Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

1384

Quasi sette italiani su dieci sarebbero favorevoli all’insegnamento dell’educazione civica in ambito scolastico, secondo l’ultimo Rapporto Italia di Eurispes; insegnamento che è già previsto dalla legge, ma in pochissimi casi viene rispettato. La nostra rivista ha promosso un dibattito tra esponenti della politica, della cultura e della scuola per riflettere sull’importanza di questo tema. Dopo aver intervistato Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale presidi (ANP) del Lazio, abbiamo sentito Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana per attivare lo studio dell’educazione civica fin dalla scuola elementare e media. Consigliere regionale della Lega e segretario dell’ufficio di presidenza del consiglio della Toscana, ma anche consigliere comunale di maggioranza ad Arezzo, Marco Casucci, 43 anni, sposato, è convinto che l’educazione civica aiuti a “rafforzare l’identità nazionale”.

Onorevole Casucci, porta la sua firma una mozione che prevede la promozione dell’educazione civica fin dalle scuole elementari e medie. Perché questa idea?
Abbiamo presentato una mozione affinché la Regione Toscana si facesse promotrice del ritorno dell’educazione civica come materia curriculare, in considerazione del fatto che ci sono, attualmente, sia una proposta di legge di iniziativa popolare in Toscana, che gode del consenso generale e promossa in particolare dai sindaci di Empoli e Firenze, sia una proposta di legge parlamentare. La Toscana è tra le primissime Regioni, se non la prima in assoluto, ad essersi mossa su questo tema.

Come nasce la proposta?
Questa mozione ha una storia curiosa: la presentai la prima volta nel 2015 ma poi rimase nel cassetto, fino a quanto mi sono reso conto di quanto, in realtà, la richiesta dell’insegnamento dell’educazione civica come materia a sé, fosse impellente, da parte dell’opinione pubblica, così ne ho sollecitato la discussione e, alla fine, è stata approvata all’unanimità, circa un mese fa, sia in Commissione sia in aula.

Che cosa prevede la vostra richiesta?
Il coinvolgimento delle famiglie. Infatti, parliamo di promozione della materia anche in orario extra scolastico: per ottenere dei risultati sui ragazzi è imprescindibile una alleanza scuola-famiglia.

Al momento, l’insegnamento dell’educazione civica è previsto dalla legge nell’ambito delle ore dedicate alla storia, nonostante in pochissimi casi venga effettivamente rispettato. La vostra idea è che l’educazione civica diventi una materia a sé?
Assolutamente. Una nuova materia che preveda anche un voto.

Che tipo di importanza o influenza avrà, a livello legislativo, la vostra mozione?
Si tratta di un atto di indirizzo politico di valenza fondamentale, perché ha ottenuto il consenso di tutti i gruppi consiliari. È rivolto al Governo e rappresenta, di fatto, la voce della Regione Toscana.

Secondo lei, gli studenti italiani conoscono la Costituzione italiana e sono pronti per votare a 18 anni?
Credo che la nostra Costituzione debba essere più conosciuta di quanto accade ora. E intendo dire che è necessario conoscere meglio anche il rispetto delle normative, degli usi, dei costumi, la conoscenza delle nostre tradizioni e del nostro essere civili. Insomma, l’insegnamento dell’educazione civica deve essere anche un modo per affermare ciò che noi della Lega sinteticamente riassumiamo nello slogan “prima gli italiani”, ovvero il nostro modo di essere.

Un modo, quindi, per rafforzare l’identità nazionale?
Esattamente, ed è per questo che si tratta di un provvedimento fondamentale, per la Lega.

Ultime notizie
Eventi

Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell'era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo
di Diego Sambucini
International

Sanzioni Usa all’Iran. Corte dell’Aja: sentenza del “pareggio”. L’analisi

Sanzioni Usa all'Iran. Lo scorso 3 ottobre la Corte internazionale di giustizia de L’Aja ha reso la sua sentenza "del pareggio". L'avvocato Paolo Busco, dell'Osservatorio Sicurezza dell'Eurispes, analizza i diversi aspetti della decisione
di Paolo Busco
Lavoro

Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone. Nelle regioni del Mezzogiorno il record negativo.
di Alfonso Lo Sardo
Sicurezza

Il tesoro nascosto dei big data. Ecco quanto vale ciascuno di noi

I big data sono la nuova, vera, ricchezza dell’economia globale. Perché le informazioni sono denaro. Ma quanto valgono davvero questi dati? E...
di Giovambattista Palumbo
Sicurezza

Immigrazione, dall’epoca dell’emigrazione al decreto Salvini. La ricostruzione

Migranti e immigrazione: intervento del Generale Tullio Del Sette, Presidente Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes al convegno “Dialogo permanente sulle immigrazioni”.
di Tullio Del Sette
Fisco

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso
di Giovambattista Palumbo
Innovazione

Il Dna segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google. “The Four”

Amazon, Apple, Facebook e Google, i “quattro cavalieri” del Potere, alla base della profonda rivoluzione della digital transformation. Qual è la loro missione e dove stiamo andando? Scott Galloway ne parla nel suo libro The Four I Padroni
di Alberto Mattiacci
Politica

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I vigili del fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato dal governo, non ha toccato questi due gravi problemi, e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre forze dell’ordine continua.
di Corrado Giustiniani
Innovazione

La città del futuro? Facciamo pagare le tasse ai robot

Città “sensibili” e non solo “smart”, tecnologicamente intelligenti ma a misura di cittadino. L'intervista a Carlo Ratti, architetto e urbanista, autore del saggio “Città di domani”
di Massimiliano Cannata
Fisco

Def, politica e debito pubblico: partiamo dal fisco

Bufera sul Def. In 23 punti elenchiamo quelli che potrebbero essere i cardini di una rivoluzione fiscale
di Giovambattista Palumbo