“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

Un mercato stimato attorno ai 270 miliardi di euro, che coinvolge 2,5 milioni di persone. L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli, pronte a sfruttare un vento così favorevole. Il settore non ha risentito, infatti, della crisi, garantendo interessanti fatturati. È un comparto, come si dice nel gergo, “freddo”, in grado di superare le peggiori congiunture perché, potrà sembrare cinico, ma è un dato di fatto: mangiare si deve!

Il saggio, C’è del marcio nel piatto! (ed. Piemme, pagg. 212, E. 17,50) scritto a quattro mani da Stefano Masini, docente di Diritto Agroalimentare presso l’Università di Tor Vergata e da Gian Carlo Caselli, Presidente del Comitato Scientifico dell’Osservatorio della Criminalità nell’agricoltura e nel sistema agroalimentare con un passato da procuratore impegnato in prima linea da Palermo a Torino nel contrasto alle mafie e al terrorismo, con lo stile narrativo delle fiabe, fatte di un linguaggio immaginifico, ci svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti. Pinocchio ci introduce nel mondo delle etichette, che di bugie ne raccontano ancora tante, Aladino – col genio della lampada che esaudisce i suoi desideri – richiama il problema della pubblicità, che di desideri ne suscita tanti ma ne soddisfa pochi, Alice è lo specchio degli alimenti che non sono quel che appaiono; i capitoli scorrono rapidi e fanno riflettere.

Il lettore viene condotto per mano dagli autori che, con dovizia di dati e grande capacità di analisi, alzano il sipario sul mondo dei cibi al veleno, «un mondo senza etica, senza regole, fatto – spiega Caselli – di “agropirati”, nuovi draghi della tavola. Le uniche regole che valgono sono le loro, quelle che si danno per nascondersi nell’economia legale, sporcare la filiera alimentare creando un prodotto mediocre, ma allettante per il consumatore. Questi criminali agiscono sofisticando le confezioni per poi rimetterle sul mercato a larga scala, con etichette posticce che declamano eccellenze italiane o qualità inesistenti». Il “marcio nel piatto” che mangiamo si sostanzia di sofisticazioni, false etichettature, sfruttamento della manodopera, caporalato, un mix esplosivo che si rafforza e cresce nella totale violazione dei diritti fondamentali. «Gli agropirati sono i “colletti bianchi” dell’industria alimentare che, subdolamente, magari senza troppo nuocere ai consumatori, immettono nei cicli trasformativi materie prime di più bassa qualità merceologica, spacciandoli per genuini o per eccellenze full made in Italy».

Non c’è comparto che si possa ritenere immune: vino, formaggi, pasta, pesce, spumanti: tutto ciò che è commestibile ed ha un brand italiano può esser piratato, eludendo il più delle volte i controlli ufficiali, anche grazie alle nuove tecnologie. Ed è proprio sul web, non più solo sullo scaffale del supermercato, che si compiono i peggiori misfatti. In testa ai sequestri di falsi cibi e bevande disponibili on line, troviamo il prosecco, il parmigiano, conosciuti, amati nel mondo e perciò imitati, con tanti saluti alla reputazione e alla qualità costata, agli imprenditori veri, anni di investimenti in innovazione. I tanti kit propagandati su Internet, quali wine kit e cheese kit, fattibili in casa – con inquietanti alambicchi e strane polverine – per produrre Barolo, Montalcino, mozzarella, pecorino taroccati (l’elenco potrebbe continuare), danno l’idea di quanto floride siano le attività illecite.

«La sicurezza alimentare è il tema centrale e ha a che fare in prima battuta con l’informazione. Sicurezza e verità dovrebbero camminare insieme – commenta Stefano Masini – tenuto conto che le insidie si annidano ovunque e sono alimentate dalla pubblicità ingannevole, da marchi smodatamente elogiativi, oltre che da false promesse. Non bastano le norme, devono mutare i nostri comportamenti altrimenti non possiamo sperare che la favola possa avere un lieto fine». Esempio concreto: fare la spesa, azione necessaria ma non banale. «Ricordiamoci – continua Masini – che il patrimonio valoriale della nostra qualità alimentare va oggi difeso, innanzi tutto cercando di riannodare i prodotti alla terra alla loro vera origine, alle stagioni, insomma alla matrice autentica. Il topino Remy sogna i sapori di un tempo, le zuppe, le minestre della nonna, sapori semplici, autentici. Con la vendita diretta nei mercati questo è un’utopia possibile». I mercati di “Campagna amica” sono circa 1.200 e coinvolgono 18 milioni di consumatori. Non si tratta di una quota residuale: sono infatti tanti i consumatori che stanno cominciando a capire che dietro prezzi apparentemente vantaggiosi si nascondono reati contro l’ambiente e, da qualche parte del mondo, contro l’umanità. Controllare i rapporti di filiera, facendo in modo che non prevalgano solo le regole di un mercato selvaggio, sarà necessario, anche per comprendere l’evoluzione delle dinamiche dei prezzi e le strategie dei player internazionali. «Produrre cibo non è come fare bulloni, vuol dire generare biodiversità, bellezza, in una parola fare scelte socialmente utili».

Purtroppo, il sogno purista di Remy è destinato a cozzare con la quotidiana spietatezza delle mafie, altro terribile capitolo, con cui bisogna fare i conti. «L’ultimo Rapporto sulle agromafie, curato da Eurispes e Coldiretti ha calcolato – per difetto – precisa Caselli – in quasi 22 miliardi di euro il “fatturato” agromafioso, con un incremento annuo che è pari al 30%. Significa che si sta profilando, anche sul versante agroalimentare, una economia parallela. Una “mafia liquida” che come l’acqua si infila un po’ dappertutto dallo scaffale alla tavola, condizionando il mercato, stabilendo i prezzi dei raccolti, gestendo i trasporti e lo smistamento, controllando intere catene di supermercati. Come se non bastasse, le nuove mafie sono, inoltre, le prime responsabili della produzione dell’ ”Italian sounding” (altro fenomeno inquietante), nella ristorazione sono già di casa, mentre hanno maturato le conoscenze per captare cospicui flussi dei finanziamenti europei».

Toccherà insomma al legislatore aiutare Robin Hood a fermare lo scempio della tavola, perché la “gara del tiro con l’arco” è ancora in corso. L’approvazione del disegno di legge sui reati agroalimentari è un primo importante passo, altri ne dovrà fare la XVIII legislatura, la posta in palio è troppo alta, passi falsi e superficialità non potranno più essere ammessi.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità