Ciao, Giacinto Pannella detto Marco

I Tg di giovedì 20 maggio – L’addio a Marco Pannella è primo e secondo titolo per tutte le testate, ad eccezione del Tg3. Rivoluzionario e pacifista, padre di decine di battaglie referendarie, solitario protagonista di profondi cambiamenti sociali del nostro Paese, un uomo sempre in lotta per il bene della comunità e la salvaguardia dei diritti civili. Il compianto per la perdita del leader storico dei Radicali investe il mondo della politica, dell’informazione e della cultura, che con voce unanime salutano l’amico perduto. Studio Aperto e Tg5 propongono la testimonianza di Clemente Mimun, Tg4 ascolta la commozione di Rita Bernardini e il ricordo di Giordano Bruno Guerri, mentre Tg3 e Tg1 accolgono la tristezza di Emma Bonino, storica compagna delle battaglie civili di Pannella. Marcello Masi, direttore del tg2, stasera prende la parola con uno dei suoi rari editoriali per ricordare l’uomo, il politico, “il grande italiano” condottiero delle minoranze e paladino dei diritti civili. “Senza di lui oggi l’Italia sarebbe un paese meno libero” afferma fin dai titoli Mentana, un giudizio che emerge nei numerosi servizi di tutte le testate (10 -15 minuti di edizione per tutti) e che anche noi sottoscriviamo.

La tragedia dell’airbus dell’Egypt Air, precipitato questa notte con i suoi 76 passeggeri al largo delle coste cretesi, con i forti sospetti che sia trattato di un attentato terroristico, è in apertura per Tg3 ed occupa la seconda metà delle edizioni dei Tg. Le informazioni che circolano per ora sono poche, e i telegiornali riflettono facendo paralleli con la tragedia del charter russo esploso sui cieli egiziani lo scorso ottobre. Tg4 è il primo ad offrire le immagini dei resti del relitto in mare, in una fase in cui il diritto di cronaca ha la priorità. Tg3 e Tg La7, invece, guardano già avanti, interrogandosi sulla sicurezza in Francia alla vigilia degli Europei di calcio.

Spazio limitato per le altre notizie di giornata. La promessa di Renzi di un taglio del cuneo fiscale per il ceto medio è titolo solo per il Tg1; le proteste dei sindacati e dei pensionati che richiedono al governo gli 80 euro, sono in scaletta per Tg1, Tg3 e Tg5. Le stesse testate e Tg La7 dedicano un titolo all’assoluzione in Appello dell’ex generale dei Carabinieri Mori, accusato di favoreggiamento alla mafia. La crisi economica del Venezuela è titolo solo per Studio Aperto, mentre Tg La7 è l’unico a riprendere le “bacchettate” dell’UE contro Vienna per la questione Brennero e l’invito a costruire nuovi hotspot in territorio italiano.

In conclusione torniamo al lungo approfondimento del Tg2 dedicato alla figura di Pannella, che stasera ha “rubato” 10 minuti alla rete per rievocare oltre cinquant’anni di battaglie politiche condotte dal leader radicale, spesso con l’uso e l’abuso del suo stesso corpo.

Ultime notizie
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane