Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Ciao, Giacinto Pannella detto Marco

I Tg di giovedì 20 maggio – L’addio a Marco Pannella è primo e secondo titolo per tutte le testate, ad eccezione del Tg3. Rivoluzionario e pacifista, padre di decine di battaglie referendarie, solitario protagonista di profondi cambiamenti sociali del nostro Paese, un uomo sempre in lotta per il bene della comunità e la salvaguardia dei diritti civili. Il compianto per la perdita del leader storico dei Radicali investe il mondo della politica, dell’informazione e della cultura, che con voce unanime salutano l’amico perduto. Studio Aperto e Tg5 propongono la testimonianza di Clemente Mimun, Tg4 ascolta la commozione di Rita Bernardini e il ricordo di Giordano Bruno Guerri, mentre Tg3 e Tg1 accolgono la tristezza di Emma Bonino, storica compagna delle battaglie civili di Pannella. Marcello Masi, direttore del tg2, stasera prende la parola con uno dei suoi rari editoriali per ricordare l’uomo, il politico, “il grande italiano” condottiero delle minoranze e paladino dei diritti civili. “Senza di lui oggi l’Italia sarebbe un paese meno libero” afferma fin dai titoli Mentana, un giudizio che emerge nei numerosi servizi di tutte le testate (10 -15 minuti di edizione per tutti) e che anche noi sottoscriviamo.

La tragedia dell’airbus dell’Egypt Air, precipitato questa notte con i suoi 76 passeggeri al largo delle coste cretesi, con i forti sospetti che sia trattato di un attentato terroristico, è in apertura per Tg3 ed occupa la seconda metà delle edizioni dei Tg. Le informazioni che circolano per ora sono poche, e i telegiornali riflettono facendo paralleli con la tragedia del charter russo esploso sui cieli egiziani lo scorso ottobre. Tg4 è il primo ad offrire le immagini dei resti del relitto in mare, in una fase in cui il diritto di cronaca ha la priorità. Tg3 e Tg La7, invece, guardano già avanti, interrogandosi sulla sicurezza in Francia alla vigilia degli Europei di calcio.

Spazio limitato per le altre notizie di giornata. La promessa di Renzi di un taglio del cuneo fiscale per il ceto medio è titolo solo per il Tg1; le proteste dei sindacati e dei pensionati che richiedono al governo gli 80 euro, sono in scaletta per Tg1, Tg3 e Tg5. Le stesse testate e Tg La7 dedicano un titolo all’assoluzione in Appello dell’ex generale dei Carabinieri Mori, accusato di favoreggiamento alla mafia. La crisi economica del Venezuela è titolo solo per Studio Aperto, mentre Tg La7 è l’unico a riprendere le “bacchettate” dell’UE contro Vienna per la questione Brennero e l’invito a costruire nuovi hotspot in territorio italiano.

In conclusione torniamo al lungo approfondimento del Tg2 dedicato alla figura di Pannella, che stasera ha “rubato” 10 minuti alla rete per rievocare oltre cinquant’anni di battaglie politiche condotte dal leader radicale, spesso con l’uso e l’abuso del suo stesso corpo.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica