Come immaginare il futuro? Si vive (solo) innovando

Siamo arrivati impreparati alla pandemia. E l’impatto del Covid ha avuto, ha e purtroppo avrà ancora conseguenze devastanti in termini di vite umane perdute (ormai oltre le 80mila) e benessere economico vanificato (con quasi 10 punti di Pil persi lo scorso anno). Come pure sulla nostra psiche e sui nostri comportamenti. Rispetto alle epidemie del passato, tuttavia, è evidente che oggi abbiamo armi più potenti: scienza, tecnologia, medicina, ricerca hanno raggiunto livelli che, solo qualche decennio fa, erano inimmaginabili.

Queste potenzialità devono ovviamente essere coniugate con capacità organizzative, individuali e collettive, per diventare funzionali. Ma la produzione e la somministrazione già avviata di diversi tipi di vaccino in tutto il mondo in pochi mesi, quando di solito servono anni, dimostrano che grazie all’innovazione possiamo difenderci – ora parzialmente, domani speriamo in via definitiva – da questo come da altri virus.

Nella corsa al vaccino anti-covid, l’Intelligenza Artificiale è stata vitale per analizzare rapidamente i dati clinici e immunologici a disposizione dei ricercatori. Per esempio, consentendo di individuare immediatamente le informazioni utili tra 195mila testi scientifici sul Covid-19, Sars-CoV-2, e gli altri tipi di Coronavirus. Non solo. Anche confinati in casa, grazie a internet abbiamo potuto continuare a vederci, a parlare, spesso anche a lavorare (tanto che siamo passati da poche decine di migliaia a milioni di lavoratori in “smart”).

Dobbiamo proseguire su questa strada. Oltre ai vaccini e alle nuove connessioni, ci siamo accorti quanto nella lotta al Covid siano importanti i nuovi farmaci, le nuove terapie, come anche dei dispositivi di sanificazione e tanti altri strumenti di cui oggi abbiamo disponibilità.

Come fondatore di un’azienda dell’innovazione tecnologica, ho la consapevolezza di quanto sia importante affrontare ogni crisi, ogni sfida, utilizzando il massimo delle conoscenze tecniche e delle competenze scientifiche di cui siamo in possesso. La partita si gioca su questo campo. Non solo quella, decisiva, della lotta al virus, ma anche quella del nostro benessere, della nostra crescita economica, del nostro arricchimento culturale. Insomma, la partita del nostro futuro.

Tuttavia, oltre ad una componente materiale del saper “fare”, ce n’è sempre anche una emotiva ed immateriale, del sapersi mettere a disposizione[1]. Allargando l’inquadratura e anche gli orizzonti, nel Piano Next Generation Eu l’Europa ha posto tra le priorità una maggiore diffusione e un uso più efficace delle tecnologie digitali. Oltre ad una sanità migliore, infatti, queste ci assicurano trasporti più efficienti e più sicuri, una maggiore sostenibilità, nuove possibilità di lavoro, studio e comunicazione, come anche un più facile dialogo tra cittadini e servizi pubblici. Insomma, grazie all’innovazione possiamo avere una vita migliore.

Ora, il Piano europeo è figlio, da un lato, della programmazione economica e, dall’altro, dello spirito di solidarietà nato tra i popoli europei in questa fase delicata. Ancora: uniamo la tecnica e lo spirito, convinti che questa debba essere la strada. Perché è solo così che riusciremo a sconfiggere il virus e a rialzarci dalle dolorose conseguenze che ci infligge. L’innovazione non è una moda, non è un fenomeno passeggero, non è qualcosa da cui si può prescindere. Lo sapevamo anche prima della pandemia. Adesso ne dobbiamo essere pienamente consapevoli. Si vive (nel senso più pieno della parola) solo innovando.

 

[1] Questo Natale NetGroup ha deciso di donare all’Ospedale Gemelli di Roma e al Cotugno di Napoli due ecografi portatili GE. Strumenti innovativi, per la prima volta a disposizione dei due nosocomi, che aiuteranno i medici nell’attività di assistenza dei pazienti con sindromi respiratorie acute e malattie cardiovascolari, grazie ad una scansione del polmone e del cuore con una sola sonda. Insomma, apparecchiature di ultima generazione che consentono la diagnosi immediata del Covid, in totale sicurezza per gli operatori grazie alle dimensioni ridotte e all’elevata capacità diagnostica.

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario