Coronavirus, la cabala dei numeri e l’angoscia per le vittime nei Tg

I più recenti dati sui decessi da Coronavirus, che disattendono quel trend positivo emerso a inizio settimana e proseguito fino a mercoledì, stimolano nei Tg del prime time letture diverse. Le testate Mediaset e Tg La7 parlano, giovedì, di una allarmante “inversione di tendenza”, in particolare nelle province della Lombardia, con Mentana che documenta in un titolo la situazione gravissima di alcuni piccoli centri. Più cauti i Tg del Servizio Pubblico che, nei servizi dedicati, continuano a parlare di un trend, nel complesso, meno negativo, rilanciando le dichiarazioni degli esperti. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispe e Coris Sapienza dal 23 al 27 marzo 2020.

In questo panorama dominato dalla “cabala dei numeri”, i Tg Mediaset danno ampio spazio alle voci discordanti di sindaci e governatori, critiche rispetto ai nuovi decreti. Il più duro con i provvedimenti è il Tg4, impegnato in una campagna contro l’Istituto Superiore di Sanità – “impreciso” nel distinguere tra morti “con” e “per” Covid-19 – e contro il Governo per la grave mancanza di strumenti per il personale medico, arrivando a titolare, giovedì, “La burocrazia è più soffocante del virus”. Ampi spazi per tutti – copertina del Tg5 di giovedì – alle vittime, oltre 50 tra gli operatori sanitari, che rappresentano un vero proprio “dramma nel dramma”.

Il messaggio del Presidente Mattarella, che segue e commenta l’esito negativo del vertice europeo di giovedì, monopolizza, venerdì, le scalette: apertura dei Tg Rai, Tg4 e Tg La7, con la Rai che fa titolo unico. L’intervento del Capo dello Stato è rivolto sia alla cittadinanza che ai leader europei, che vengono invitati a “superare vecchi schemi” e schierarsi assieme alla Commissione ed alla Bce a sostegno dei paesi più colpiti. I Tg delle 20 registrano il fronte comune di maggioranza ed opposizione nel promuovere la linea dei “coronabond”. I duri numeri delle vittime del Covid-19, toccando un picco di 919 deceduti, reclamano comunque le aperture di Tg5 e Studio Aperto. La serata dell’informazione si ammanta di sacralità grazie alle immagini straordinarie della benedizione “Urbi et Orbi” di Papa Francesco, seguita da oltre 10 milioni di italiani ed impartita in una surreale Piazza San Pietro totalmente vuota e bagnata dalla pioggia.

Il mainstream si interroga sul “dopo”, proiettandosi oltre la fase acuta del contagio, con al centro la ricostruzione del Paese. Il ritorno di Mario Draghi, che giovedì “irrompe obiettivamente sulla scena” (Tg La7) con la sua ricetta contro la crisi pubblicata sul Financial Times, viene salutato con entusiasmo da tutte le testate. Il Tg5 ne segnala l’apprezzamento bipartisan, proponendo nei servizi anche l’appoggio di Renzi. Ancora più esplicito è il Tg La7, che già nei titoli si interroga su quello che “tutti si domandano sottovoce”: sarà Draghi a guidare il Paese nel “dopo” coronavirus?

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze