Coronavirus, la cabala dei numeri e l’angoscia per le vittime nei Tg

I più recenti dati sui decessi da Coronavirus, che disattendono quel trend positivo emerso a inizio settimana e proseguito fino a mercoledì, stimolano nei Tg del prime time letture diverse. Le testate Mediaset e Tg La7 parlano, giovedì, di una allarmante “inversione di tendenza”, in particolare nelle province della Lombardia, con Mentana che documenta in un titolo la situazione gravissima di alcuni piccoli centri. Più cauti i Tg del Servizio Pubblico che, nei servizi dedicati, continuano a parlare di un trend, nel complesso, meno negativo, rilanciando le dichiarazioni degli esperti. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispe e Coris Sapienza dal 23 al 27 marzo 2020.

In questo panorama dominato dalla “cabala dei numeri”, i Tg Mediaset danno ampio spazio alle voci discordanti di sindaci e governatori, critiche rispetto ai nuovi decreti. Il più duro con i provvedimenti è il Tg4, impegnato in una campagna contro l’Istituto Superiore di Sanità – “impreciso” nel distinguere tra morti “con” e “per” Covid-19 – e contro il Governo per la grave mancanza di strumenti per il personale medico, arrivando a titolare, giovedì, “La burocrazia è più soffocante del virus”. Ampi spazi per tutti – copertina del Tg5 di giovedì – alle vittime, oltre 50 tra gli operatori sanitari, che rappresentano un vero proprio “dramma nel dramma”.

Il messaggio del Presidente Mattarella, che segue e commenta l’esito negativo del vertice europeo di giovedì, monopolizza, venerdì, le scalette: apertura dei Tg Rai, Tg4 e Tg La7, con la Rai che fa titolo unico. L’intervento del Capo dello Stato è rivolto sia alla cittadinanza che ai leader europei, che vengono invitati a “superare vecchi schemi” e schierarsi assieme alla Commissione ed alla Bce a sostegno dei paesi più colpiti. I Tg delle 20 registrano il fronte comune di maggioranza ed opposizione nel promuovere la linea dei “coronabond”. I duri numeri delle vittime del Covid-19, toccando un picco di 919 deceduti, reclamano comunque le aperture di Tg5 e Studio Aperto. La serata dell’informazione si ammanta di sacralità grazie alle immagini straordinarie della benedizione “Urbi et Orbi” di Papa Francesco, seguita da oltre 10 milioni di italiani ed impartita in una surreale Piazza San Pietro totalmente vuota e bagnata dalla pioggia.

Il mainstream si interroga sul “dopo”, proiettandosi oltre la fase acuta del contagio, con al centro la ricostruzione del Paese. Il ritorno di Mario Draghi, che giovedì “irrompe obiettivamente sulla scena” (Tg La7) con la sua ricetta contro la crisi pubblicata sul Financial Times, viene salutato con entusiasmo da tutte le testate. Il Tg5 ne segnala l’apprezzamento bipartisan, proponendo nei servizi anche l’appoggio di Renzi. Ancora più esplicito è il Tg La7, che già nei titoli si interroga su quello che “tutti si domandano sottovoce”: sarà Draghi a guidare il Paese nel “dopo” coronavirus?

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu