Attualità

Coronavirus, l’epidemia satura il prime time. I Tg tra psicosi collettiva e voglia di ripartire

270

L’epidemia del coronavirus ha monopolizzato, come era da attendersi, tutta la comunicazione nella prima settimana del “contagio in Italia”. Il prime time presenta 150 titoli in sette giorni e aperture fisse per tutte le testate. Titolo unico in più occasioni da parte di Tg5 e Tg7 e, soprattutto, Tg4, che da sabato 22 a venerdì 28 ha dedicato ogni sera edizioni monotematiche all’emergenza; per le altre testate, le coperture sulla diffusione del Covid-19 arrivano a occupare più di metà edizione. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 28 febbraio.

Di fronte a un’Italia che in 2 giorni si scopre il quarto paese al mondo (dopo Cina, Corea del Sud ed Iran) per numero di contagiati, la parola d’ordine dell’informazione in Tv è, per una volta, la stessa: “mantenere la calma”. Ciò emerge in particolare sulle testate Mediaset, solitamente più propense a manifestare allarmismo. Tg5 già lunedì nella copertina fa “un invito alla calma”, e nelle giornate successive ospita in studio un medico cui viene chiesto di rispondere alle domande degli spettatori. Anche Tg4, che in conduzione dà voce a interventi assai polemici sulla gestione della quarantena, non fomenta particolari angosce. Ampio spazio, conseguentemente, ai primi dati “positivi”, con alcune testate che già mercoledì titolano sui casi di guarigione accertata, e rilanciano gli appelli dei settori economici affinché il Paese possa rimettersi al più presto in carreggiata.

I distinguo tra le testate si manifestano nel commento alla gestione dell’emergenza. Se per i Tg Rai l’obiettivo è rassicurare i mercati e tranquillizzare i partner europei (titoli giovedì per il doppio intervento dei ministri Di Maio e Speranza), sulle testate Mediaset emergono le fratture tra le indicazioni dell’esecutivo e la condotta delle Regioni (caso Marche). Giovedì al centro della scena per Tg5 c’è la salita di Salvini al Colle con la proposta di un governo di emergenza. A segnalare più di altri lo scontro politico è Tg La7, che già mercoledì parla di “tregua finita” tra maggioranza e opposizione, con Salvini che si lancia “con durezza estrema” contro il governo, mentre Renzi denuncia gli errori della comunicazione compiuti dall’esecutivo e dalle Regioni.

Tutte le testate manifestano allarme per i dati dell’economia, con i Tg Mediaset attenti ai problemi legati ai mancati introiti per il turismo e per il sistema produttivo del Nord. Maggiore attenzione da parte dei Tg Rai e La7 ai fronti internazionali del contagio, e in particolar modo per la situazione dell’Iran, da cui arrivano notizie contraddittorie, e comunque preoccupanti. Mentana lancia venerdì un appello, invitando a tenere alta la guardia, e ricordando che, se da una parte è vero che molte delle vittime di questa epidemia sono “anziani” già affetti da altre patologie, la loro morte non è per questo meno tragica, soprattutto in un paese come l’Italia, dove è difficile pensarsi anziani se si è al di sotto degli 80 anni.

Medioriente, la minaccia di Erdogan a colpi di profughi. Sbarchi, Musumeci vs Sea Watch. ‘Ndrangheta, il Tg5 non nasconde le “vergogne” degli alleati
In edizioni quasi saturate dal coronavirus, le notizie di esteri si guadagnano comunque un certo spazio. Gli scontri in Siria, costati la vita a decine di soldati turchi, e la dura risposta di Erdogan che, per sollecitare l’intervento dell’Europa, ricorre all’arma dei “profughi”, sono nei titoli tra giovedì e venerdì. La situazione disperata dei profughi siriani ospitati nei centri di raccolta in Grecia aveva inoltre ottenuto spazio già nelle edizioni di martedì, con titolo per Studio Aperto e servizi per i Tg Rai.

Sempre in tema di profughi, le polemiche attorno al governatore della Regione Sicilia Musumeci, che ha chiesto di tenere in quarantena per 2 settimane la nave Ong Sea Watch, arrivata giovedì a Messina con un carico di 194 migranti, per “evitare altri contagi”, è variamente commentata: i Tg Rai e Tg La7 criticano l’operato del governatore, mentre Tg4 invita giovedì Musumeci in videoconferenza, per permettergli di illustrare le sue ragioni.

I successi nelle operazioni di contrasto della criminalità organizzata ricevono titoli sia martedì che venerdì; l’arresto nel napoletano di 65 persone, tra cui un consigliere regionale di Fratelli d’Italia, con la richiesta di un’autorizzazione a procedere per un altro politico, il senatore di Forza Italia Marco Siclari, è nei titoli martedì per i Tg Rai e quelli delle 20. Tg5, a differenza delle altre due testate Mediaset, affronta la notizia nei titoli e segnala nel servizio il nome dei politici.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone