Coronavirus, l’epidemia satura il prime time. I Tg tra psicosi collettiva e voglia di ripartire

L’epidemia del coronavirus ha monopolizzato, come era da attendersi, tutta la comunicazione nella prima settimana del “contagio in Italia”. Il prime time presenta 150 titoli in sette giorni e aperture fisse per tutte le testate. Titolo unico in più occasioni da parte di Tg5 e Tg7 e, soprattutto, Tg4, che da sabato 22 a venerdì 28 ha dedicato ogni sera edizioni monotematiche all’emergenza; per le altre testate, le coperture sulla diffusione del Covid-19 arrivano a occupare più di metà edizione. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 28 febbraio.

Di fronte a un’Italia che in 2 giorni si scopre il quarto paese al mondo (dopo Cina, Corea del Sud ed Iran) per numero di contagiati, la parola d’ordine dell’informazione in Tv è, per una volta, la stessa: “mantenere la calma”. Ciò emerge in particolare sulle testate Mediaset, solitamente più propense a manifestare allarmismo. Tg5 già lunedì nella copertina fa “un invito alla calma”, e nelle giornate successive ospita in studio un medico cui viene chiesto di rispondere alle domande degli spettatori. Anche Tg4, che in conduzione dà voce a interventi assai polemici sulla gestione della quarantena, non fomenta particolari angosce. Ampio spazio, conseguentemente, ai primi dati “positivi”, con alcune testate che già mercoledì titolano sui casi di guarigione accertata, e rilanciano gli appelli dei settori economici affinché il Paese possa rimettersi al più presto in carreggiata.

I distinguo tra le testate si manifestano nel commento alla gestione dell’emergenza. Se per i Tg Rai l’obiettivo è rassicurare i mercati e tranquillizzare i partner europei (titoli giovedì per il doppio intervento dei ministri Di Maio e Speranza), sulle testate Mediaset emergono le fratture tra le indicazioni dell’esecutivo e la condotta delle Regioni (caso Marche). Giovedì al centro della scena per Tg5 c’è la salita di Salvini al Colle con la proposta di un governo di emergenza. A segnalare più di altri lo scontro politico è Tg La7, che già mercoledì parla di “tregua finita” tra maggioranza e opposizione, con Salvini che si lancia “con durezza estrema” contro il governo, mentre Renzi denuncia gli errori della comunicazione compiuti dall’esecutivo e dalle Regioni.

Tutte le testate manifestano allarme per i dati dell’economia, con i Tg Mediaset attenti ai problemi legati ai mancati introiti per il turismo e per il sistema produttivo del Nord. Maggiore attenzione da parte dei Tg Rai e La7 ai fronti internazionali del contagio, e in particolar modo per la situazione dell’Iran, da cui arrivano notizie contraddittorie, e comunque preoccupanti. Mentana lancia venerdì un appello, invitando a tenere alta la guardia, e ricordando che, se da una parte è vero che molte delle vittime di questa epidemia sono “anziani” già affetti da altre patologie, la loro morte non è per questo meno tragica, soprattutto in un paese come l’Italia, dove è difficile pensarsi anziani se si è al di sotto degli 80 anni.

Medioriente, la minaccia di Erdogan a colpi di profughi. Sbarchi, Musumeci vs Sea Watch. ‘Ndrangheta, il Tg5 non nasconde le “vergogne” degli alleati
In edizioni quasi saturate dal coronavirus, le notizie di esteri si guadagnano comunque un certo spazio. Gli scontri in Siria, costati la vita a decine di soldati turchi, e la dura risposta di Erdogan che, per sollecitare l’intervento dell’Europa, ricorre all’arma dei “profughi”, sono nei titoli tra giovedì e venerdì. La situazione disperata dei profughi siriani ospitati nei centri di raccolta in Grecia aveva inoltre ottenuto spazio già nelle edizioni di martedì, con titolo per Studio Aperto e servizi per i Tg Rai.

Sempre in tema di profughi, le polemiche attorno al governatore della Regione Sicilia Musumeci, che ha chiesto di tenere in quarantena per 2 settimane la nave Ong Sea Watch, arrivata giovedì a Messina con un carico di 194 migranti, per “evitare altri contagi”, è variamente commentata: i Tg Rai e Tg La7 criticano l’operato del governatore, mentre Tg4 invita giovedì Musumeci in videoconferenza, per permettergli di illustrare le sue ragioni.

I successi nelle operazioni di contrasto della criminalità organizzata ricevono titoli sia martedì che venerdì; l’arresto nel napoletano di 65 persone, tra cui un consigliere regionale di Fratelli d’Italia, con la richiesta di un’autorizzazione a procedere per un altro politico, il senatore di Forza Italia Marco Siclari, è nei titoli martedì per i Tg Rai e quelli delle 20. Tg5, a differenza delle altre due testate Mediaset, affronta la notizia nei titoli e segnala nel servizio il nome dei politici.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa