Coronavirus Usa, la campagna presidenziale e il destino di Trump appesi al virus

In this July 17, 2019, photo, President Donald Trump arrives to speak at a campaign rally at Williams Arena in Greenville, N.C. (AP Photo/Carolyn Kaster)

Il Coronavirus colpisce gli Stati Uniti nel momento in cui la campagna presidenziale si preparava ad entrare nel vivo. Le primarie democratiche procedono in ordine sparso con alcuni stati che hanno deciso di rimandare le consultazioni ed altri di proseguire ugualmente. Martedì si è votato in Florida, Arizona, Illinois e i risultati hanno permesso a Joe Biden di ottenere un margine di delegati che difficilmente potrà essere colmato da Bernie Sanders. Il Paese si trova così in procinto di entrare nel pieno della campagna presidenziale nel momento in cui deve affrontare la crisi dovuta al Covid-19 e si domanda quali potranno essere gli effetti dell’epidemia sui risultati del voto ed il modo in cui i due fronti tenteranno di sfruttare o minimizzare gli effetti della diffusione del virus.

Occorre innanzitutto dire che rimandare le elezioni è virtualmente impossibile. La legge che stabilisce la data delle presidenziali è in vigore dal 1845 e il Paese ha tenuto elezioni generali non solo in tempo di guerra, ma anche nel pieno della Guerra civile. Per posticipare le elezioni, inoltre, sarebbe necessario modificare la Costituzione, dal momento che essa stabilisce il 3 Gennaio come data d’insediamento della Camera dei Rappresentati. Ci si potrà invece aspettare, qualora la situazione del Coronavirus non cambiasse, l’adozione di uno svariato numero di meccanismi di voto diversi – in America le modalità di voto vengono stabilite a livello statale – volti a facilitare il voto anticipato o il voto a distanza. In questo caso sarà particolarmente importante considerare l’impatto che queste norme potrebbe avere sull’affluenza negli swing state. Soprattutto considerando il fatto che nel 2016 Trump vinse grazie a qualche decina di migliaia di voti di scarto in Michigan, Pennsylvania e Wisconsin.

Ovviamente l’impatto economico, sociale e umanitario della crisi, assieme alla percezione che la popolazione americana avrà del modo in cui questa sarà stata gestita, saranno gli elementi dirimenti della prossima campagna elettorale. Sotto questo punto di vista può essere notato come, secondo un sondaggio recentemente pubblicato da Reuters, all’incirca un americano su due ritiene soddisfacente il modo in cui Trump ha finora gestito la crisi. Se la percezione generale dell’operato di Trump dovesse restare favorevole, questo elemento, sommato alla tendenza a riconfermare i presidenti uscenti in un momento di crisi, potrebbe favorire la rielezione del presidente. Occorre al contempo tener presente come, sempre secondo lo stesso sondaggio, il 30% degli elettori repubblicani ritiene esagerate le misure adottate per contrastare quella che giudica come una banale influenza stagionale. Il rischio per Trump, in questo caso, sarebbe quello di aver attivamente favorito, con le dichiarazioni delle ultime settimane sul Covid-19, un’errata percezione del rischio in un’ampia fascia della popolazione americana con immaginabili conseguenze da un punto di vista di gestione della crisi.

Le varie campagne elettorali si sono già adattate alla situazione creata dal Coronavirus. Gli eventi pubblici sono stati sospesi, i membri dei vari staff hanno adottato, o stanno adottando, modalità di smart-working e l’ultimo dibattito tra i due candidati democratici si è svolto a porte chiuse. Questa situazione ha portato tutti gli staff a riorganizzare il modo in cui condurre la campagna elettorale spostando fondi e attenzioni all’on-line. Ciò vuol dire che chiunque sarà maggiormente in grado di sfruttare le potenzialità offerte dal web e dall’utilizzo dei Big Data avrà, ancor più di prima, un notevole vantaggio il 3 novembre. Sotto questo punto di vista la campagna di Trump gode di un ampio vantaggio tattico sul suo futuro avversario democratico. Come riportato da McKay Coppins sul The Atlantic lo scorso febbraio, la campagna di Trump per oltre un anno ha lavorato alla creazione di una macchina in grado di utilizzare i dati accumulati su milioni di persone a scopo elettorale. L’obiettivo è quello di attuare una profilazione, il più accurata possibile, del maggior numero di potenziali elettori in modo da poterli poi inondare di pubblicità targettizzate sostanzialmente sul singolo individuo. Questa struttura – che è stata estremamente utile a Trump nel creare e veicolare una propria narrativa degli eventi (dall’impeachment al muro di confine con il Messico) – potrà essere utilizzata anche nella crisi scaturita dal Coronavirus? Soprattutto, sarà in grado, anche nel pieno di una pandemia, e viste le dichiarazioni delle ultime settimane, di creare una narrativa credibile e valida per il proprio elettorato?

I democratici, che stanno accusando Trump di aver profondamente sbagliato nel gestire la crisi, puntano particolarmente sugli effetti che il Coronavirus potrebbe avere sull’economia americana. Il Washington Post, martedì, riportava come un super PAC democratico si stesse preparando a spendere 5 milioni di dollari in pubblicità che criticassero la gestione della crisi da parte del presidente. Ciò in quanto la crescita economica che gli USA hanno fatto registrare negli ultimi anni è forse l’asset più spendibile di Trump in campagna elettorale. Una crisi, dovuta alla pandemia da Coronavirus, potrebbe allontanare dal Presidente una parte di quelle persone che lo votarono nel 2016. In particolare, si punta molto sulla classe media che vive nei sobborghi delle grandi città americane. È stato proprio questo tipo di elettorato, tendenzialmente moderato, ad aver contribuito al successo democratico nelle ultime elezioni di mid-term dato che molti di questi elettori, che nel 2016 avevano votato Trump, nel 2018 si sono orientati verso candidati democratici. Un altro aspetto su cui punterebbero molto i democratici, qualora Biden divenisse ufficialmente il loro candidato, riguarda il ritorno alla normalità. Già dal giorno in cui annunciava la propria candidatura alla presidenza Biden ha tentato di descrivere se stesso come una figura di garanzia in grado di riportare dignità al ruolo della presidenza e buon senso nel dibattito pubblico. Questo tipo di candidatura potrebbe essere maggiormente apprezzata dagli elettori in tempi di pandemia soprattutto con un presidente erratico come Trump.

L’aspetto che maggiormente peserà sulle elezioni oltre, ovviamente, alla gestione diretta della crisi, sarà l’affluenza. Qualora dovessero restare in vigore norme sul distanziamento sociale queste potrebbero avere, come visto con le primarie in Illinois dello scorso martedì, un effetto negativo sull’affluenza. Ciò renderebbe ancora più vera la lezione tratta dalle ultime tornate elettorali per cui non si vince al centro ma ha successo colui che è maggiormente in grado di mobilitare il proprio elettorato di riferimento.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento