Politica

Ddl Boschi, ius soli, appalti, giochi pubblici: la giornata parlamentare

94

Nel pomeriggio il Senato approverà in seconda lettura il disegno di legge di revisione costituzionale. Uno scrutinio arrivato prima del termine previsto che rappresenta un risultato molto importante per il governo di Matteo Renzi. Venerdì scorso l’Aula di Palazzo Madama ha concluso il voto sugli emendamenti e sugli articoli del ddl Boschi, approvando tra l’altro proprio l’ultima delle modifiche che ha recepito gli accordi dentro il Pd. Dopo il sì di oggi, il testo passerà subito alla Camera che, secondo le intese nella maggioranza, dovrebbe semplicemente confermarlo, probabilmente entro Natale, senza apportare alcuna modifica. A quel punto, come prevede l’articolo 138 della Carta per le modifiche costituzionali, il ddl Boschi sarà nuovamente sottoposto al Senato e alla Camera ad una seconda e definitiva approvazione. In questa seconda lettura non sono previsti emendamenti, ma solo un sì o un no agli articoli e alla legge. Quindi con dei passaggi parlamentari più snelli e rapidi che dovrebbero concludersi entro primavera 2016, così da tenere il referendum confermativo nell’autunno. Nella seconda lettura in Senato e alla Camera occorrerà la maggioranza assoluta, quindi 161 voti in Senato e 316 alla Camera, mentre oggi basterà la maggioranza semplice. Tuttavia i senatori della maggioranza sono stati precettati per far sì che il testo sia approvata con un quorum elevato, superiore ai 170, per dar prova di compattezza politica. Lo scrutinio di oggi servirà anche a controllare lo “stato di salute” interno ai gruppi di Forza Italia e Ncd. Passando ai lavori delle Commissioni, la Finanze proseguirà l’esame del ddl di conversione del decreto-legge contenente la sterilizzazione della clausole di salvaguardia della Legge di stabilità 2015 e la proroga della voluntary disclosure. Nel pomeriggio la commissione Industria riprenderà il confronto sull’affare assegnato sull’aggiornamento delle linee guida in materia di certificati bianchi; successivamente riprenderà l’esame dello schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative di attuazione della direttiva Ue sull’efficienza energetica.

La Camera sarà chiamata ad esprimere il voto finale sul testo unificato concernente la normativa per il riconoscimento della cittadinanza italiana. Articolato che ha diviso maggioranza e opposizioni e che introduce uno ius soli “temperato”. Successivamente l’assemblea esaminerà il ddl delega sugli appalti. Nel primo pomeriggio la commissione Finanze svolgerà l’audizione del sottosegretario per l’Economia e le Finanze, Pier Paolo Baretta, sulle tematiche relative al settore dei giochi pubblici. La commissione Cultura e la commissione Trasporti porteranno avanti il confronto sulla riforma della Rai. I rappresentanti dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico e del Gestore dei servizi energetici saranno auditi dalla commissione Attività produttive nell’ambito dell’esame dello schema di decreto legislativo sull’efficienza energetica. Il testo unificato contenente “Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario” sarà al centro dei lavori della commissione Affari sociali.

La Legge di stabilità per il 2016 inizia a prendere forma. Ieri il Consiglio dei ministri ha fatto una prima ricognizione del bilancio pubblico per arrivare più preparato all’appuntamento di giovedì, data in cui il disegno di legge che contiene la manovra di finanza pubblica sarà licenziato da Palazzo Chigi. L’annuncio di Matteo Renzi di rinviare al prossimo anno il tema caldo delle pensioni manda su tutte le furie i sindacati che però ritrovano compattezza interna e l’appoggio della minoranza Pd. Tutti i Ministeri hanno accettato di apportare un taglio lineare alle proprie spese del 3 per cento. Le prossime ore serviranno a capire quanta flessibilità sarà disposta a concedere l’Unione europea. In base alla decisione di Bruxelles si potrebbe ridurre di diversi miliardi di euro lo spazio di manovra dell’esecutivo.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone