Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

576

L’indagine Eurispes, racchiusa nel 30esimo Rapporto Italia, sull’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole e sulla percezione che ne hanno gli italiani, ha suscitato grandissimo interesse; un tema raccolto anche dal nuovo Governo che ha annunciato di volerlo inserire tra i primissimi provvedimenti.
Secondo la ricerca Eurispes, il 67,8% degli italiani sarebbero favorevoli, i contrari rappresentano una minoranza del 32,2%.
Parte da questi dati, la volontà della nostra rivista di discutere e riflettere su questo tema. La prima intervista è con Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale presidi (ANP) del Lazio.

 

Professor Rusconi, si è acceso un dibattito, anche a livello istituzionale, sulla proposta di reintrodurre l’educazione civica nelle scuole. Ma in realtà, non è mai stata abolita, o sbaglio?

L’Italia è un paese bizzarro, l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole è a macchia di leopardo. In effetti, non è mai stata abolita: dal punto di vista formale, il tema è inserito nell’ambito dello studio della storia fin dalla scuola primaria per due ore al mese, ma viene insegnata? E questa è la prima domanda. Secondo problema: come viene insegnata?

Appunto, quali sono le risposte?

Spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. E comunque viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto non solo di regole ma soprattutto di comportamenti di rispetto di queste norme.

E da che cosa dipende secondo lei?

A mio parere, dipende dal fatto che gli insegnanti italiani per trent’anni anni sono stati un po’ abbandonati a loro stessi: solo l’anno scorso è stato introdotto l’obbligo della formazione, e questo la dice lunga sul fatto che le Istituzioni non hanno mai ritenuto utile l’aggiornamento degli insegnanti.

Quindi gli insegnanti non sono abbastanza preparati?

In molte scuole dell’Europa del Nord – come la Svezia, la Finlandia, la Danimarca – le scuole, i presidi e gli insegnanti vengono valutati per vedere come hanno lavorato. In Italia non c’è questo controllo, da noi è stato annunciato che sarà eliminato anche il misero pacchetto valutativo che c’era. Ma il problema è anche organizzativo, manca una cabina di regia. Nel momento in cui sono le scuole stesse a organizzare la formazione, si lasciano zone d’ombra notevolissime, come appunto per l’educazione civica, ma anche per il settore matematico e scientifico, dove sono pochissimi gli aggiornamenti degli insegnanti.

Perché accade questo?

Al sistema politico italiano, della scuola non gliene frega niente, e il risultato è uno sprofondamento antidemocratico, perché senza una scuola di qualità, il figlio della povera gente non avrà futuro. Quando la scuola smette di essere ascensore sociale, cessa la sua funzione democratica.

Dunque, tornando al tema di partenza: l’educazione civica dovrebbe essere una materia a sé?

Non la introdurrei come materia autonoma, perché il numero globale di ore di insegnamento nelle scuole italiane è già superiore a quello della media europea. Sono convinto che insegnare l’educazione civica non significhi solamente insegnare come funzionano le Istituzioni, bensì educare al rispetto delle norme di quell’Istituzione. È giusto che ci sia un insegnante preposto – quello di lettere per le elementari e le medie, quello di storia e filosofia per le superiori – ma deve essere un abito professionale di tutti gli insegnanti. L’educazione civica deve diventare un fil rouge che lega tutte le materie; per fare questo, ci vuole preparazione e soprattutto la capacità di lavorare in team, cosa ancora molto lontana.

Quali sono le conseguenze di questa mancanza?

Per quanto riguarda la scuola stessa, la prima conseguenza è proprio l’occupazione delle scuole da parte degli studenti, che io ho soprannominato la “settima malattia esantematica”, per la quale servirebbe un vaccino: è la prima violazione della filosofia dell’educazione civica. Quando l’occupazione viene considerata una specie di rito, vuole dire che l’Istituzione e il suo rispetto vengono stuprati.

Preside, i ragazzi conoscono le Istituzioni?

Quelle di prossimità sì, tipo la Asl o il municipio, ma se si parla del Parlamento Europeo o del Consiglio d’Europa, la difficoltà è evidente.

Insomma, secondo lei, a 18 anni i ragazzi sono pronti per votare?

A mio giudizio, la maggior parte degli italiani non è pronta per votare. Il livello di alfabetizzazione culturale è molto basso nel nostro Paese, sarebbe da pretendere che, prima di entrare in un museo d’arte, si prendesse una patente d’arte.

Lancio anche io, allora, una provocazione: che ne pensa dell’idea di istituire una patente anche per poter accedere al voto?

Non credo che limitando il diritto di voto, si migliori la situazione. Credo che tutti debbano avere il diritto ma il problema è fare in modo che siano ben informati su quello che si va a fare, e in questi i media hanno una responsabilità notevolissima; problema acuito tra l’altro dalla diffusione dei social.

 

 

Ultime notizie
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli
International

Lavoro, come individuare gli skills vincenti in un mondo che cambia

Per l'Italia, l'Eurispes parteciperà i prossimi 10 e 11 settembre alla 13^ Conferenza annuale della Rete Europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, in Gran Bretagna, che sarà dedicata proprio a questo tema
di Marco Ricceri
Attualità

Ferruccio de Bortoli: “Il partito del tanto peggio, tanto meglio”

Il Pd si è "accomodato sulla poltrona del "tanto peggio tanto meglio". Il Governo Lega CinqueStelle "ignora le regole a cominciare dai vincoli del debito pubblico e si sta isolando dall'Europa". Ferruccio De Bortoli disegna il suo ritratto dell'Italia
di Corrado Giustiniani