Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

117

Una “passione” sociale che vale un giro d’affari da un miliardo di euro. Si chiamano eSports, sono forme di gioco digitale, vere e proprie competizioni caratterizzate da un altissimo livello di agonismo, che presuppongono tecnica, tattica, concentrazione e allenamento costante. Gli appassionati possono giocare allo stesso gioco, collegati da qualsiasi parte del mondo.
Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione, diffusissimo tra i Millennials e la Generazione Z. Gli avvocati, Chiara Sambaldi e Andrea Strata, Direttori dell’Osservatorio permanente su Giochi, legalità e patologie dell’Eurispes, hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici eSports, un universo oltre il videogioco, edito da Gn Media, in collaborazione con l’Eurispes e con il contributo di AICS.
Un manuale che affronta i diversi aspetti del fenomeno, a partire da quello economico: il mercato italiano si colloca al decimo posto al livello mondiale, in una classifica dominata dalla Cina (130 milioni di dollari) e dagli Usa (sopra i 100 mln di dollari). Cifre che derivano principalmente dalle sponsorizzazioni che vanno a sommarsi agli investimenti privati. Gli ultimi dati forniti dal Rapporto Aesvi parlano di 260mila “avid fan”, ovvero giocatori che seguono eventi ogni giorno, e di circa un milione di appassionati.

Nel volume appena pubblicato, il tema è affrontato per la prima volta in chiave giuridica e organica, ma con un linguaggio semplice e accessibile ad una platea ampia e multidisciplinare, con uno sguardo attento anche ai risvolti sociali, ai rischi per la salute dei giocatori, alla tutela dell’integrità delle competizioni e della legalità. Il lavoro di analisi e di approfondimento, oltre agli iniziali cenni storici, inquadra il mercato e descrive il profilo dei giocatori, ma non trascura gli aspetti mediatici e commerciali; fiore all’occhiello del testo, il capitolo che raccoglie alcune interviste ad esperti ed esponenti delle istituzioni coinvolte. A conclusione, il libro presenta un preziosissimo glossario che spiega ai “comuni mortali” i termini tecnici utilizzati dagli addetti ai lavori.

Presentazione del libro “eSports, un universo dietro al videogioco”. Intervento Andrea Strata, Direttore Osservatorio Giochi Eurispes

Uno dei temi più interessanti e delicati, tra quelli affrontati, riguarda l’inquadramento degli eSports nell’ambito del diritto sportivo italiano. Gli eSports possono essere considerati “sport” a tutti gli effetti? È possibile prevedere il loro inserimento all’interno delle discipline riconosciute dal Coni e del Cio? Ad oggi, nel nostro Paese non esiste una regolamentazione giuridica degli eSports, né è stabilita una loro collocazione sotto l’egida di istituzioni già esistenti; inoltre, non esiste allo stato attuale, una uniformità di regolamenti e di norme che permetta di considerare in modo sistematico questa emergente ma ancora frammentata realtà. E questo è senz’altro il più complesso ostacolo da superare per poter procedere ad un qualsiasi inquadramento di tipo giuridico. «Pensate se vent’anni fa qualcuno ci avesse detto che gli eSports avrebbero avuto la possibilità di diventare disciplina olimpica – ha dichiarato Andrea Strata, uno dei due autori del libro –; per gli adulti è una cosa strana ma per i giovani è strano che ancora non lo siano diventati».
Scrive Andrea Abodi, Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, nella prefazione del libro: «Gli eSports si sono sviluppati e affermati in questi anni in modo assolutamente indipendente dai sistemi sportivi, seguendo istintivamente percorsi nuovi, disegnati proprio dalle tecnologie del gioco digitale e dalle opportunità offerte dalla rete. È necessario che il sistema sportivo, italiano e internazionale, si confronti anche con questo sempre più rilevante fenomeno, elaborando le migliori strategie da adottare per valutarne gli impatti, limitarne i rischi e valorizzarne le opportunità».

Presentazione del libro “eSports, un universo dietro al videogioco”. Intervento Chiara Sambaldi, Direttore Osservatorio Giochi Eurispes

 

La gallery della presentazione del libro

Presentazione del libro “Esport. Un universo dietro al videogioco” di Chiara Sambaldi e Andrea Strata, Direttori Osservatorio Eurispes su giochi, legalità e patologie – 9 aprile 2019

 

Ultime notizie
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot