Intervista

Europa al bivio. Garavini: “Centrale il ruolo dell’Italia”

676

Europa sì, Europa no: quello che fino a poco tempo fa sembrava un argomento tabù, è diventato a tutti gli effetti parte integrante dell’agenda politica italiana, e non solo. Dall’Italia alla Germania, paesi fondatori e caratterizzati da una politica tradizionalmente europeista, il vento sembra aver cambiato direzione. La linea dettata dal neo Ministro dell’interno, Matteo Salvini, potrebbe essere determinate, anche in vista del prossimo appuntamento elettorale europeo. Abbiamo raccolto l’opinione di Laura Garavini, senatrice del PD eletta in Europa.

Senatrice, solo pochi mesi fa, il dibattito sulla possibilità dell’italia di uscire dall’europa sarebbe parso quasi surreale. È possibile che l’opinione pubblica sia cambiata in così poco tempo?

In effetti, nel giro di poco tempo, è cambiato totalmente lo scenario e a livello europeo siamo in una fase nella quale non ci sono più certezze. L’uscita dall’unione europa non è più un tabù, basti pensare all’esito del referendum sulla Brexit. Stessa cosa dicasi per la possibile uscita dall’euro. Nessun Paese dell’eurozona finora ha lasciato la moneta comune, ma la discussione su questa ipotesi è ormai diventata una realtà nel dibattito politico. Per non parlare dei rapporti all’interno dell’unione europea che sono in una fase di forte cambiamento.

Che cosa sta cambiando e quali equilibri si stanno modificando?

Un segnale forte arriva dalla stessa Germania, dove si sta consumando un conflitto tra la Merkel e le sue politiche immigratorie che hanno portato ad un’ampia apertura, e il suo Ministro degli Interni, Horst Seehofer leader della CSU, che sta seguendo una politica decisamente contraria a quella della Cancelliera. Si corre il rischio di una crisi di governo e l’esito di questo conflitto è assolutamente incerto. Un’eventuale crisi di governo in Germania, a pochi mesi dalle elezioni, sarebbe una novità estremamente negativa con conseguenze difficilmente immaginabili che rischierebbero di determinare un possibile sgretolamento della stessa Unione europea.

Che cosa pensa l’opinione pubblica tedesca?

Purtroppo rischia di trovare consenso popolare questo atteggiamento di alimentare paure, parlare alla pancia dei popoli, inneggiare al nazionalismo e alla difesa della identità nazionale a  scapito degli stranieri, indicati come coloro che mettono a rischio l’identità nazionale; un atteggiamento fomentato e sostenuto anche da Paesi finora altamente democratici. Ciò che non era sdoganato e considerato come problema ora all’improvviso diventa un’ipotesi reale.

Qual è il ruolo dell’italia?

A pochi giorni dal suo insediamento, il Ministro dell’interno Matteo Salvini, con la sua posizione nella vicenda Acquarius e con le sue dichiarazioni sui temi dell’immigrazione, si sta inserendo in questo conflitto, creando un precedente inaspettato. La sua linea sta determinando una nuova posizione politica dell’italia molto diversa da quella tradizionalmente portata avanti dal nostro Paese, che rischia di creare uno scollamento rispetto all’alleanza con i Paesi europeisti e di appoggiare nazioni fortemente antieuropeiste, come l’Ungheria, la Polonia, ma anche l’Austria, dove il leader Sebastian Kurz mira a chiudere le frontiere del Brennero, e la stessa Germania.

Quindi la posizione dell’italia potrebbe essere determinante per gli stessi equilibri europei?

Sono convinta di sì, perché sarebbe il primo, tra i Paesi fondatori dell’euro, a spostare la sua politica su una posizione fortemente antieuropeista e di chiusura. E questo, alla vigilia di un appuntamento elettorale, quello delle elezioni europee, che può segnare le sorti dell’europa.

 

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata