Intervista

Europa al bivio. Garavini: “Centrale il ruolo dell’Italia”

602

Europa sì, Europa no: quello che fino a poco tempo fa sembrava un argomento tabù, è diventato a tutti gli effetti parte integrante dell’agenda politica italiana, e non solo. Dall’Italia alla Germania, paesi fondatori e caratterizzati da una politica tradizionalmente europeista, il vento sembra aver cambiato direzione. La linea dettata dal neo Ministro dell’interno, Matteo Salvini, potrebbe essere determinate, anche in vista del prossimo appuntamento elettorale europeo. Abbiamo raccolto l’opinione di Laura Garavini, senatrice del PD eletta in Europa.

Senatrice, solo pochi mesi fa, il dibattito sulla possibilità dell’italia di uscire dall’europa sarebbe parso quasi surreale. È possibile che l’opinione pubblica sia cambiata in così poco tempo?

In effetti, nel giro di poco tempo, è cambiato totalmente lo scenario e a livello europeo siamo in una fase nella quale non ci sono più certezze. L’uscita dall’unione europa non è più un tabù, basti pensare all’esito del referendum sulla Brexit. Stessa cosa dicasi per la possibile uscita dall’euro. Nessun Paese dell’eurozona finora ha lasciato la moneta comune, ma la discussione su questa ipotesi è ormai diventata una realtà nel dibattito politico. Per non parlare dei rapporti all’interno dell’unione europea che sono in una fase di forte cambiamento.

Che cosa sta cambiando e quali equilibri si stanno modificando?

Un segnale forte arriva dalla stessa Germania, dove si sta consumando un conflitto tra la Merkel e le sue politiche immigratorie che hanno portato ad un’ampia apertura, e il suo Ministro degli Interni, Horst Seehofer leader della CSU, che sta seguendo una politica decisamente contraria a quella della Cancelliera. Si corre il rischio di una crisi di governo e l’esito di questo conflitto è assolutamente incerto. Un’eventuale crisi di governo in Germania, a pochi mesi dalle elezioni, sarebbe una novità estremamente negativa con conseguenze difficilmente immaginabili che rischierebbero di determinare un possibile sgretolamento della stessa Unione europea.

Che cosa pensa l’opinione pubblica tedesca?

Purtroppo rischia di trovare consenso popolare questo atteggiamento di alimentare paure, parlare alla pancia dei popoli, inneggiare al nazionalismo e alla difesa della identità nazionale a  scapito degli stranieri, indicati come coloro che mettono a rischio l’identità nazionale; un atteggiamento fomentato e sostenuto anche da Paesi finora altamente democratici. Ciò che non era sdoganato e considerato come problema ora all’improvviso diventa un’ipotesi reale.

Qual è il ruolo dell’italia?

A pochi giorni dal suo insediamento, il Ministro dell’interno Matteo Salvini, con la sua posizione nella vicenda Acquarius e con le sue dichiarazioni sui temi dell’immigrazione, si sta inserendo in questo conflitto, creando un precedente inaspettato. La sua linea sta determinando una nuova posizione politica dell’italia molto diversa da quella tradizionalmente portata avanti dal nostro Paese, che rischia di creare uno scollamento rispetto all’alleanza con i Paesi europeisti e di appoggiare nazioni fortemente antieuropeiste, come l’Ungheria, la Polonia, ma anche l’Austria, dove il leader Sebastian Kurz mira a chiudere le frontiere del Brennero, e la stessa Germania.

Quindi la posizione dell’italia potrebbe essere determinante per gli stessi equilibri europei?

Sono convinta di sì, perché sarebbe il primo, tra i Paesi fondatori dell’euro, a spostare la sua politica su una posizione fortemente antieuropeista e di chiusura. E questo, alla vigilia di un appuntamento elettorale, quello delle elezioni europee, che può segnare le sorti dell’europa.

 

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione