Intervista

Europa al bivio. Garavini: “Centrale il ruolo dell’Italia”

672

Europa sì, Europa no: quello che fino a poco tempo fa sembrava un argomento tabù, è diventato a tutti gli effetti parte integrante dell’agenda politica italiana, e non solo. Dall’Italia alla Germania, paesi fondatori e caratterizzati da una politica tradizionalmente europeista, il vento sembra aver cambiato direzione. La linea dettata dal neo Ministro dell’interno, Matteo Salvini, potrebbe essere determinate, anche in vista del prossimo appuntamento elettorale europeo. Abbiamo raccolto l’opinione di Laura Garavini, senatrice del PD eletta in Europa.

Senatrice, solo pochi mesi fa, il dibattito sulla possibilità dell’italia di uscire dall’europa sarebbe parso quasi surreale. È possibile che l’opinione pubblica sia cambiata in così poco tempo?

In effetti, nel giro di poco tempo, è cambiato totalmente lo scenario e a livello europeo siamo in una fase nella quale non ci sono più certezze. L’uscita dall’unione europa non è più un tabù, basti pensare all’esito del referendum sulla Brexit. Stessa cosa dicasi per la possibile uscita dall’euro. Nessun Paese dell’eurozona finora ha lasciato la moneta comune, ma la discussione su questa ipotesi è ormai diventata una realtà nel dibattito politico. Per non parlare dei rapporti all’interno dell’unione europea che sono in una fase di forte cambiamento.

Che cosa sta cambiando e quali equilibri si stanno modificando?

Un segnale forte arriva dalla stessa Germania, dove si sta consumando un conflitto tra la Merkel e le sue politiche immigratorie che hanno portato ad un’ampia apertura, e il suo Ministro degli Interni, Horst Seehofer leader della CSU, che sta seguendo una politica decisamente contraria a quella della Cancelliera. Si corre il rischio di una crisi di governo e l’esito di questo conflitto è assolutamente incerto. Un’eventuale crisi di governo in Germania, a pochi mesi dalle elezioni, sarebbe una novità estremamente negativa con conseguenze difficilmente immaginabili che rischierebbero di determinare un possibile sgretolamento della stessa Unione europea.

Che cosa pensa l’opinione pubblica tedesca?

Purtroppo rischia di trovare consenso popolare questo atteggiamento di alimentare paure, parlare alla pancia dei popoli, inneggiare al nazionalismo e alla difesa della identità nazionale a  scapito degli stranieri, indicati come coloro che mettono a rischio l’identità nazionale; un atteggiamento fomentato e sostenuto anche da Paesi finora altamente democratici. Ciò che non era sdoganato e considerato come problema ora all’improvviso diventa un’ipotesi reale.

Qual è il ruolo dell’italia?

A pochi giorni dal suo insediamento, il Ministro dell’interno Matteo Salvini, con la sua posizione nella vicenda Acquarius e con le sue dichiarazioni sui temi dell’immigrazione, si sta inserendo in questo conflitto, creando un precedente inaspettato. La sua linea sta determinando una nuova posizione politica dell’italia molto diversa da quella tradizionalmente portata avanti dal nostro Paese, che rischia di creare uno scollamento rispetto all’alleanza con i Paesi europeisti e di appoggiare nazioni fortemente antieuropeiste, come l’Ungheria, la Polonia, ma anche l’Austria, dove il leader Sebastian Kurz mira a chiudere le frontiere del Brennero, e la stessa Germania.

Quindi la posizione dell’italia potrebbe essere determinante per gli stessi equilibri europei?

Sono convinta di sì, perché sarebbe il primo, tra i Paesi fondatori dell’euro, a spostare la sua politica su una posizione fortemente antieuropeista e di chiusura. E questo, alla vigilia di un appuntamento elettorale, quello delle elezioni europee, che può segnare le sorti dell’europa.

 

Ultime notizie
Sicurezza

Sicurezza, fiducia e verità. Il filosofo Aldo Masullo incanta Napoli

Sicurezza e insicurezza, fiducia e sospetto, verità e fede. Aldo Masullo, intellettuale e filosofo, probabilmente il più grande vivente del nostro Paese, ha incantato il pubblico della Conferenza Nazionale sulla Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Sicurezza e Legalità: ecco le proposte dei super esperti riuniti a Napoli

Oltre cinquecento i partecipanti alla Conferenza Nazionale su Sicurezza e Legalità organizzata dalla Regione Campania, dalla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo e dall'Eurispes che si è tenuta a Napoli dal 16 al 18 novembre
di redazione
Immigrazione

Migranti, Arci: «Calpestati i diritti: il Pd ha alzato la palla a Salvini»

Migranti e Decreto Sicurezza: Filippo Miraglia, responsabile per l’immigrazione dell’Arci: «Stiamo calpestando decenni di conquiste della democrazia. Ci vorranno tanti anni per uscirne fuori»
di Corrado Giustiniani
Gioco

Gioco legale in Puglia. Si apre la fase di riflessione

Il 27 ottobre scorso a Bari, l’Eurispes ha presentato il rapporto Gioco legale e dipendenze in Puglia, realizzato nel quadro delle attività...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Politica

L’offerta politica nella postmodernità liquida. La visione M5S del grappolo

In uno dei primi passi di quel lento pensiero lungo che è Modernità Liquida, il grande sociologo Zygmunt Bauman afferma: «alcuni degli...
di Alberto Mattiacci
Informazione

Fake news, quando a “barare” era il Vaticano. Lo studio

Fake news e informazione manipolata nella storia della Chiesa. Alessandro Corvisieri compie una vera e propria analisi filologica dei testi di Ludwing Von Pastor scritti alla fine del 1800, su commissione di Papa Leone XIII
di Diego Sambucini
Immigrazione

Immigrazione, centri d’accoglienza “decapitati” dai nuovi bandi

Una scelta improntata esclusivamente al drastico taglio dei fondi, con la conseguenza di determinare un peggioramento delle condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo. Il quadro tracciato da In Migrazione nell’analizzare i nuovi bandi di gara
di Marco Omizzolo
Recensioni

Governo Lega-M5S. Miseria e nobiltà dello strumento “contratto”

Lega e M5S legati da un “contratto di Governo”. La politica e il contratto. Nel saggio di Fabrizio Di Marzio, La politica e il contratto, la ricchezza, i limiti, la miseria e la nobiltà dello strumento contrattuale che oggi domina in tutti i campi.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Democrazia in crisi, Lazar: “Più Balotelli per rinnovare la politica”

Nel processo di ripensamento del capitalismo, abbiamo dimenticato il ruolo dei sindacati e dei corpi intermedi. Il politicolo Marc Lazar ha affrontato il tema inquadrandolo nella difficile partita di un’Europa che si prepara al voto
di Massimiliano Cannata
Europa

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

Il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”. L’approvazione della Direttiva Ue è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite: un gran polverone e tutti lì a correre e strillare
di Alberto Mattiacci