Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

Siamo alla ricerca di un nuovo ordine mondiale, mentre sperimentiamo un profondo cambiamento d’epoca. Il post-guerra si è definitivamente concluso nel 2008 sulla spinta di due eventi: il fallimento della Lehman Brothers – che ha fatto piombare il pianeta nel buco nero di una crisi economico-finanziaria dagli effetti e dalla durata senza precedenti – e l’esplosione della questione georgiana con cui la Russia ha alzato il capo rivendicando, per la prima volta, un ruolo da protagonista nell’orizzonte geopolitico della contemporaneità.
La gran parte dei problemi con cui gli stati nazionali sono costretti oggi a misurarsi, hanno preso le mosse in quell’anno che si può definire di “svolta” sul piano dell’evoluzione storico-politica. Nuovi attori hanno cominciato a farsi strada sullo scenario globale, per comodità racchiusi in una sigla, Bric, pronti a far sentire la loro influenza sul governo del pianeta.
In questo teatro in movimento, l’offerta politica dell’Europa non è stata capace di dare le risposte che sarebbe stato lecito aspettarsi, come dimostrano l’eclissi della Grecia – culla della civiltà universale, inghiottita dal debito ed emarginata da Bruxelles e l’esito della Brexit – un grave vulnus che indebolisce il Vecchio Continente fiaccato dai virus diffusi del sovranismo e del populismo che lo attraversano da Nord a Sud. Per invertire la rotta occorre che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta, questo il messaggio che arriva dall’interessante saggio La difesa dell’Europa (ed. Cacucci, 2019) di Pasquale Preziosa e Dario Velo, massimi esperti di geopolitica e sicurezza internazionale. Preziosa insegna presso l’Università Niccolò Cusano di Roma, dopo essere stato Capo di Stato Maggiore dell’Aereonautica, e aver guidato importanti missioni strategiche in molti teatri di guerra; Velo ha svolto un importante ruolo nel processo di integrazione europea, collaborando con Jean Monnet, Robert Triffin, Altiero Spinelli; svolge un’importante attività pubblicistica e di docenza in diversi prestigiosi atenei.

«Il nostro studio – ci tiene a precisare Dario Velo – ha inaspettatamente anticipato gli esiti del recente Consiglio Europeo dello scorso 12 dicembre, che su proposta della Merkel e Macron ha messo in agenda una Conferenza intergovernativa proprio sul futuro dell’Europa. Oltre ai temi legati all’immigrazione, al clima, alla crescita economica che va riavviata, la difesa sarà una delle grandi questioni da affrontare e risolvere, a partire dal ruolo che l’eurozona dovrà svolgere nelle aree calde del mondo, dal Medio Oriente al Nord Africa».
Il punto nodale, che fa anche da fil rouge della trattazione, va individuato nella necessità di riprendere e attualizzare il grande “sogno europeo” dei padri fondatori. «Non scordiamoci – commenta Preziosa – che l’Europa era nata quasi per un “obbligo” imposto dagli USA dopo il grande incendio del secondo conflitto mondiale, che aveva causato milioni di morti. Era emersa chiaramente, già allora, l’esigenza che le diverse nazioni ritrovassero uno spazio di dialogo, per evitare che si potesse ripetere una pagina così terribile della storia. Senza un continuo confronto con il passato, e un adeguato esercizio della memoria, non sarà possibile ridare slancio al vecchio Continente evitando di commettere gli stessi errori del passato».

Il saggio ripercorre alcuni passaggi storici importanti che hanno portato alla nascita della CECA, al fallimento della Comunità Europa di Difesa. Gli autori analizzano con lucidità il lungo lavorio che ha portato alla creazione dell’Ue. «L’Europa ha alimentato nel suo organismo, il cancro del nazifascismo. Questo vuol dire che le democrazie non sono immuni da errori, soprattutto quando non sono vive e quando tendono a mortificare il principio di partecipazione e di ascolto delle minoranze, finendo con lo smarrire il perseguimento del bene comune. Per non ritrovarsi ancora sull’orlo del baratro bisogna elaborare una strategia di difesa europea adeguata. Non si tratta di armare gli stati – prosegue l’analisi dello studioso – piuttosto di costruire un equilibrio e un bilanciamento sostenibile tra le nuove potenze che operano nello scenario internazionale, impegnandosi concretamente nel mantenimento e nel rafforzamento della pace».
Esiste una “domanda di Europa” espressa da molte nazioni che hanno bisogno di un interlocutore affidabile per reggere le spinte egemoniche esercitate dei nuovi “padroni” del mondo. La Cina è cresciuta a dismisura, la Russia guarda con attenzione sempre maggiore a quello che avviene oltre confine; il risultato è che gli USA non hanno più la capacità di essere arbitri esclusivi dei destini del mondo. La dichiarazione di Putin nel corso di un recente vertice, sull’importanza strategica dell’ipersonico, è la dimostrazione che ormai vecchi schemi e sistemi di deterrenza non tengono alla prova dell’innovazione. Si è innescata una corsa verso il nuovo che nessuno conosce. Con la nuova tecnologia dell’ipersonico disponibile, lo spazio è divenuto un dominio militare che modificherà strategie, interventi, e investimenti.
In questa prospettiva la vecchia Europa non può rinunciare a ridefinire un suo ruolo che possa garantire sicurezza in un contesto così “liquido” e in continuo divenire. La “fine dei territori”, per usare una celebre definizione del politologo francese Betrand Badie, con il conseguente declino del “Leviatano” e delle logiche hobbesiane, impone un diverso paradigma della sovranità e della sicurezza, tutto da ripensare con realismo critico, al di là del velo di maya delle ideologie e degli “ismi” che hanno armato gli stati nel Novecento. Attenzione però: il progetto di una nuova presenza attiva dell’Europa in un quadro geopolitico mutato sostenuto nel saggio, tiene conto che l’Ue è troppo giovane per possedere il know-how e gli strumenti militari della NATO. Gli autori sono consapevoli di questa debolezza: «Nessun tentativo – precisano – di creare una seconda NATO; si tratta di costruire un pilastro all’interno della struttura già esistente che risponda alla complessità delle esigenze di cui sono portatori i diversi governi europei. In questo tentativo il rischio da scongiurare è quello delle fughe in avanti: la costruzione di un esercito europeo è ancora di là da venire, serviranno passaggi ulteriori e una capacità di governance coerente rispetto alle trasformazioni in atto, soprattutto da parte di classi dirigenti continentali, non ancora preparate ad affrontare le esigenze del nuovo scenario mondiale». Fare il passo più lungo della gamba vorrebbe dire suscitare pericolose spinte reazionarie, già verificatesi in passato, spinte che in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, si tradurrebbero in una voglia di chiusura delle frontiere e in un rigurgito di autoritarismo, la cui deriva sarebbe difficile da prevedere.

Altro aspetto da non trascurare, che pesa come un macigno sulle scelte politiche, è rappresentato dalle difficoltà di bilancio. L’esplosione dei debiti sovrani hanno indebolito gli stati; le risorse drenabili per un progetto di difesa sono perciò da recuperare solo in sede europea. Su questo bisognerebbe seguire l’esempio degli USA, che pur avendo in pochi anni raddoppiato il loro debito, continuano a dedicare somme ingenti agli investimenti nella difesa. L’impegno nella difesa vuol dire impegno nella ricerca e nell’innovazione. La tecnologia è infatti per definizione neutra, la possibilità di applicarla e di spalmarla su una vasta gamma di prodotti, fa poi la differenza. La Cina ha saputo imitare e applicare il modello americano, L’Europa per recuperare capacità di innovazione e competitività nei mercati globali dovrà riprendere un’iniziativa concertata se non vuole rassegnarsi a un declino facilmente prevedibile. «Siamo indietro non solo nella ricerca sull’ipersonico – commenta Preziosa – ma anche sul fronte della cyber security, settori considerati ormai strategici, mentre si sta affermando la quarta rivoluzione industriale, che ha un’anima digitale e che sta cambiando i modi di concepire e organizzare il lavoro di miliardi di persone in tutto il pianeta».

Non disperiamoci, la possibilità per riprendere i “sentieri interrotti” tracciati dai fondatori si intravede, a dispetto delle tante criticità del tempo presente. I paesi dell’Est iniziano, infatti, a considerare l’Ue un valido partner per la costruzione di nuovi equilibri, in un momento storico in cui stiamo finalmente comprendendo come la sicurezza sia un concetto olistico, che oggi ingloba aspetti economico-finanziari, oltre a implicare questioni filosofiche, psicologiche ed esistenziali di più vasta portata.

I pericoli sulla strada del futuro non mancano di certo a cominciare dallo scouting tecnologico che molti paesi stanno facendo sottraendo cervelli e competenze alla vecchia Europa, che continua a pagare: l’Italia detiene un triste primato in questo argomento, l’emorragia di una fuga di intelligenze, difficile da tamponare. «I padri fondatori hanno fatto molto per noi – conclude Velo – è il momento di dimostrare che abbiamo capito la lezione, riaffermando i valori dell’Europa, che storicamente si sono tradotti nell’attuazione di un’economia sociale di mercato, che si sta diffondendo anche negli USA e in America Latina come contraltare del neocapitalismo, nel rispetto delle libertà e della diversità plurale, nella pratica della sussidiarietà quale principio ispiratore dell’organizzazione dello stato».

Sarà decisivo un salto di visione, che deve portarci a considerare la difesa europea non tanto, e non solo, come protezione fisica di confini – per altro sempre più permeabili nell’epoca della globalizzazione crescente – quanto come riaffermazione di una centralità del Vecchio Continente poggiata nella prospettiva del recupero di un “nuovo umanesimo”, che come ha scritto in un recente brillante saggio il filosofo Mauro Ceruti (cfr. Evoluzione senza fondamenti, ed. Meltemi, ed. 2019), significa «coagulare risorse prima di tutto intellettuali e poi economiche per dare vita a un progetto di difesa strategica che possa condurre a uno sviluppo effettivo delle competenze, aperto all’articolazione dei sistemi biologici, culturali e sociali, attorno a cui la vicenda umana organizza da sempre i fattori che possono segnare un oggettivo e misurabile progresso».

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali