L'opinione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

130

Dalla mia finestra, davanti alla Commissione Europea a Bruxelles, vedo passare le auto e qualche elicottero per il summit al Consiglio. Capi di Stato e di governo che, dopo le elezioni, affronteranno il problema del nuovo Governo in Europa.

Come sempre, il problema non è il problema di per sé. Il problema è, piuttosto, come si reagisce al problema. Vale anche per i risultati di questo voto delle elezioni europee e per ogni cittadino. Ci accorgiamo, infatti, soltanto di una delle mille cose che succedono e la nostra attenzione viene spostata di proposito su un aspetto piuttosto che su un altro. Insomma, tutto è relativo, dipende da come lo percepiamo, e si trovano buoni argomenti per difendere qualsiasi tesi. L’estrema destra populista vince in Europa, ma non ottiene i risultati attesi. Se è vero che in Italia, Francia e UK, la destra rappresenta un terzo dei voti espressi, è pur vero che la metà degli aventi diritto si è astenuta; questo significa che da noi, ad esempio, soltanto un italiano su sei ha votato Lega. I partiti tradizionali di centro hanno perso, è vero, ma si sono difesi bene in alcuni paesi; i socialisti hanno vinto in Spagna e Portogallo, ma sono spariti altrove. I Verdi sbaragliano in Germania e Francia, ma in Europa non ci sarà nemmeno un parlamentare eletto dall’Italia dove, peraltro, il partito che ha vinto sarà minoranza in Europa.

Nonostante la propaganda, infatti, la Commissione Europea sarà espressione di forze tradizionali, e al Parlamento europeo siederanno anche dei “mostri” politici. È vero che in UK un signore senza scrupoli ha messo su un partito dal nulla, il Brexit, e ha preso il 31%. Ma non è una novità, la stessa persona lo aveva già fatto nel 2014 con UKIP (Partito per l’Indipendenza del Regno Unito) e anche allora risultò vincente con il 26% dei voti, salvo poi dimettersi dal suo stesso partito. E cosi via discorrendo, di tutto e del contrario di tutto. Non solo quindi tutto è relativo e la nostra opinione dipende da dove decidiamo di porre la nostra attenzione; è anche vero che tutto passa, finisce e comincia una cosa nuova. Così le vittorie e le sconfitte, che avrebbero prefigurato un qualche sconquasso epocale, quando la DC raggiungeva il 40% e poi il PCI il 35%, il PD al 40%, Berlusconi al 30%, i 5 Stelle al 35%, sono tutte andate. Inevitabilmente cosi sarà anche per chi ha vinto oggi. Tutto passa, basta aspettare. Ma non senza conseguenze.

In Inghilterra, per esempio, i giovani e gli studenti hanno votato massicciamente a favore dell’Europa e contro la Brexit al referendum, ma per una generazione almeno non godranno dei benefici dei loro colleghi svedesi o tedeschi e nemmeno di quelli dei loro fratelli più grandi o dei loro genitori che, magari, hanno fatto l’Erasmus studiando un anno all’estero. Del futuro in Europa di questi ragazzi, hanno deciso invece adulti anziani, spesso con livelli di istruzione molto bassi, spaventati ad arte da un nemico che non c’è.

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Carole Cadwalladr è una giornalista investigativa inglese del Guardian molto conosciuta. Le sue rivelazioni hanno dimostrato come il risultato del referendum sulla Brexit sia stato falsato. L’operazione è stata portata a termine dalla stessa squadra, tra gli altri Nigel Farage, il signore al quale accennavo sopra, che qualche mese più tardi favoriranno anche l’elezione di Trump negli Usa.

Illecitamente. Diversi reati, infatti, sono stati documentati, sia in Inghilterra che in Usa. A dimostrarlo il fatto che a seguito delle vicende relative a Cambridge Analytica – la società che è stata utilizzata per ottenere illecitamente i profili di milioni di utenti Facebook –, la Federal Trade Commission in Usa sta per comminare una multa colossale a Facebook: due miliardi di dollari. Abbastanza per comprarsi tutte le ville più prestigiose della nostra città, migliaia di Ferrari, montagne di oro (una tonnellata vale appena cento milioni di euro); oppure, meglio ancora, potrebbero essere investiti in numerosissime iniziative di rilevanza tecnologica, ambientale, culturale, sociale o educative.
Tra l’altro, questa cifra stratosferica equivale a poco più di uno “sculaccione” per Facebook, che ogni anno incassa circa cinquantasette miliardi di dollari. Se per un anno ne pagherà due non fallirà. Facebook guadagna, appunto, tutti questi soldi con il suo servizio gratuito perché noi generosamente gli regaliamo i nostri dati personali. Il meccanismo è ormai conosciuto e sfruttato dal mondo commerciale e politico: ciascuno di noi sui social riceve informazioni e pubblicità differenti da ogni altra persona. Si tratta, a quel punto, semplicemente di promettere risoluzioni a problemi e ansie personali, magari procurate di proposito. Di questi tempi funziona l’idea dell’”invasione dei migranti” e degli “italiani prima”, i “francesi prima”, gli “americani prima”, i “finlandesi prima”.

Se il nostro bersaglio si informa solo online, ha la licenza media, è precario, posta commenti sgrammaticati, ascolta certa musica, compra certi prodotti, visita alcuni siti o mette like su alcuni specifici post, il gioco è fatto: basterà dirgli che ha ragione lui e promettergli di miglioragli la vita. Funziona, è scienza, nessun dubbio.
La nostra giornalista si chiede se questo è quello che vogliamo. Dare in pasto ad un manipolo di politici rabbiosi e con la psiche in disordine, il corretto funzionamento della nostra democrazia? Perché questo è quello che sta succedendo. O meglio, questo, è quello che è già successo.
Facendo leva sulle nostre paure e debolezze, portare i cittadini, uno per uno, a votare qualcuno e qualcosa che è contrario ai loro stessi interessi. Carlo Cipolla, storico ed economista, definiva proprio cosi la stupidità umana: chi attraverso le sue azioni, crea un danno a se stesso. E si pesca più facilmente tra le persone ad alto disagio economico e sociale.
Ed oggigiorno, poi, non è necessario nemmeno che lo stupido sia effettivamente stupido. È sufficiente distrarre continuamente una persona ad arte per distogliere l’attenzione da quello che sarebbe effettivamente importante per lui. Intendiamoci, è sempre successo, panem et circenses, ma adesso le tecniche di manipolazione attraverso i social sono talmente sofisticate che la propaganda personalizzata ti insegue fin dentro al seggio, senza che ce ne rendiamo conto. Tanto che, probabilmente, dovremmo mettere in dubbio le nostre stesse opinioni.

Va da sé che la categoria dei politici astuti che ne traggono vantaggio non condividerà con nessun altro i benefici che intasca. Così i poveri votano per i ricchissimi, gli ignoranti contro la scuola, la vittima per il carnefice, i bastoncini di pesce per Capitan Findus.
In molti studi, di recente, più garbatamente, gli stupidi sono adesso definiti gli analfabeti funzionali ‒ persone cioè che sanno leggere e scrivere e votano per qualcuno ma senza avere capito perché lo fanno. Le statistiche li danno al 25% in Europa: la globalizzazione dell’ignoranza.
E per tutti noi, distratti o stupidi, e inondati da propaganda e disinformazione, risulta comunque difficile distinguere il falso dal vero, la pubblicità dall’informazione, i fatti dalle opinioni. Allora, mi chiedo io questa volta, e lo farei presente al Consiglio: come è possibile in queste condizioni farsi un’idea del mondo e partecipare compiutamente al processo democratico?

Altre opinioni dell'Autore
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua