Eurozona, riforma urgente ma si parla solo di migranti

Molte erano le attese sul Consiglio europeo del 28 giugno scorso, in particolare sulla questione “migrazioni”, messa sul tavolo con forza dal Governo italiano. Ma è emersa una contraddizione di fondo, dal momento che il contratto Lega-5Stelle prevede il ricollocamento obbligatorio e automatico di tutti i richiedenti asilo nei vari Paesi dell’Unione, mentre il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, aveva dichiarato ai quattro venti la sua alleanza con i Paesi di Visegrad (Ungheria in testa) che non vogliono accogliere nemmeno un migrante. Per giunta, la richiesta di affrontare il tema “immigrazione”, anche se giusta, è stata avanzata in un momento poco opportuno, visti i venti di crisi in Germania e le difficoltà della Merkel, fino a ieri favorevole ad una politica comune e ad una revisione del Regolamento di Dublino nella direzione auspicata dagli italiani. Poi c’era da mettere in conto l’atteggiamento equivoco, o addirittura contrario, di Macron (l’europeista?).

Così, dopo il Vertice, anche la riforma del Regolamento di Dublino si è allontanata. Sono rimaste affermazioni di principio di appoggio all’Italia, che tuttavia avranno bisogno di atti concreti per misurare la vera volontà dell’Unione e diventare credibili agli occhi di un’opinione pubblica ormai scettica rispetto alle sue reali intenzioni ed alla sua capacità di azione. Diciamo che ancora una volta ci dovremmo accontentare (noi “europeisti”) di aver evitato il peggio, come la fine di Schengen, un rischio reale alla vigilia del Vertice, visto il clima, peggiorato, e le premesse che l’avevano accompagnato. Ciò però non basta più.
Non è vero che è l’Italia ad uscire sconfitta dal Vertice, ma l’Ue nel suo insieme che, per l’ennesima volta, di fronte a problemi veri e forti, dimostra il suo egoismo, la sua inesistenza, come entità politica, e la sua incapacità/impossibilità a decidere, sotto attacco com’è, sia sul fronte interno sia su quello esterno. Così, sconta le conseguenze della politica del rinvio, fonte di cui approfittano i “sovranisti” nazionali, per raccogliere consensi, abbondantemente, facendo leva sulle paure e sui problemi reali delle persone, offrendo loro ricette illusorie. Occorre evitare che ci sia un brusco risveglio per tutti.
C’è un’altra questione che, di rinvio in rinvio, era approdata all’ordine del giorno del Vertice: il futuro dell’Eurozona, tema ancora più grave di quello che ha monopolizzato l’attenzione dei media e lo spazio del Consiglio europeo. Ma tocca di meno l’immaginario collettivo, per cui si è preferito farlo slittare ancora (sembrava che la questione sarebbe stata trattata a dicembre 2017, poi è slittata a marzo 2018, poi a giugno, ora di nuovo dicembre…), a tutto vantaggio della politica economica tedesca. Un errore molto grave, da parte della Francia (Macron ne aveva fatto la sua bandiera un anno fa) e dell’Italia, uno dei Paesi che avrebbe più interesse a superare i limiti attuali della zona Euro. È su questo che bisognerebbe riaprire il confronto dentro l’Ue.

Il laboratorio Europa/Eurispes ha proposto al nostro Governo di promuovere una contrattazione su tutti i temi, organizzando un tavolo generale che possa valutare i vantaggi e gli svantaggi per ciascun Paese, senza eccezioni. Non si può essere intransigenti solo sulla spesa pubblica o sul debito, specialmente durante i periodi di crisi e/o con alta disoccupazione. Occorre tenere presenti anche le regole che l’Europa si è data, ma che alcuni Paesi non rispettano, come quella del surplus tra esportazioni e Prodotto interno lordo, che non dovrebbe superare il 6 per cento. Germania, Danimarca, Svezia sono invece all’8 per cento, l’Olanda addirittura al 9. Queste infrazioni non consentono ad altri Paesi, come il nostro, di esportare di più, migliorando i conti economici. Una siffatta riforma dell’Eurozona aiuterebbe a completare le riforme già avviate, a realizzare una governance economica comune dell’UEM e a superare, in tal modo, le conseguenze negative di cui soffrono molti suoi membri. Inoltre, renderebbe più democratico il processo decisionale dell’Eurozona. Sarebbe questa la premessa per trasformare l’Ue e poter risolvere al meglio anche la questione delle migrazioni, della politica sociale e molte altre ancora, sottoscrivendo un “Nuovo Patto comune”, in un auspicabile riequilibrio dell’assetto economico e politico attuale. Tutte le altre sono solo inutili scorciatoie.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento