L'opinione

Eurozona, riforma urgente ma si parla solo di migranti

514

Molte erano le attese sul Consiglio europeo del 28 giugno scorso, in particolare sulla questione “migrazioni”, messa sul tavolo con forza dal Governo italiano. Ma è emersa una contraddizione di fondo, dal momento che il contratto Lega-5Stelle prevede il ricollocamento obbligatorio e automatico di tutti i richiedenti asilo nei vari Paesi dell’Unione, mentre il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, aveva dichiarato ai quattro venti la sua alleanza con i Paesi di Visegrad (Ungheria in testa) che non vogliono accogliere nemmeno un migrante. Per giunta, la richiesta di affrontare il tema “immigrazione”, anche se giusta, è stata avanzata in un momento poco opportuno, visti i venti di crisi in Germania e le difficoltà della Merkel, fino a ieri favorevole ad una politica comune e ad una revisione del Regolamento di Dublino nella direzione auspicata dagli italiani. Poi c’era da mettere in conto l’atteggiamento equivoco, o addirittura contrario, di Macron (l’europeista?).

Così, dopo il Vertice, anche la riforma del Regolamento di Dublino si è allontanata. Sono rimaste affermazioni di principio di appoggio all’Italia, che tuttavia avranno bisogno di atti concreti per misurare la vera volontà dell’Unione e diventare credibili agli occhi di un’opinione pubblica ormai scettica rispetto alle sue reali intenzioni ed alla sua capacità di azione. Diciamo che ancora una volta ci dovremmo accontentare (noi “europeisti”) di aver evitato il peggio, come la fine di Schengen, un rischio reale alla vigilia del Vertice, visto il clima, peggiorato, e le premesse che l’avevano accompagnato. Ciò però non basta più.
Non è vero che è l’Italia ad uscire sconfitta dal Vertice, ma l’Ue nel suo insieme che, per l’ennesima volta, di fronte a problemi veri e forti, dimostra il suo egoismo, la sua inesistenza, come entità politica, e la sua incapacità/impossibilità a decidere, sotto attacco com’è, sia sul fronte interno sia su quello esterno. Così, sconta le conseguenze della politica del rinvio, fonte di cui approfittano i “sovranisti” nazionali, per raccogliere consensi, abbondantemente, facendo leva sulle paure e sui problemi reali delle persone, offrendo loro ricette illusorie. Occorre evitare che ci sia un brusco risveglio per tutti.
C’è un’altra questione che, di rinvio in rinvio, era approdata all’ordine del giorno del Vertice: il futuro dell’Eurozona, tema ancora più grave di quello che ha monopolizzato l’attenzione dei media e lo spazio del Consiglio europeo. Ma tocca di meno l’immaginario collettivo, per cui si è preferito farlo slittare ancora (sembrava che la questione sarebbe stata trattata a dicembre 2017, poi è slittata a marzo 2018, poi a giugno, ora di nuovo dicembre…), a tutto vantaggio della politica economica tedesca. Un errore molto grave, da parte della Francia (Macron ne aveva fatto la sua bandiera un anno fa) e dell’Italia, uno dei Paesi che avrebbe più interesse a superare i limiti attuali della zona Euro. È su questo che bisognerebbe riaprire il confronto dentro l’Ue.

Il laboratorio Europa/Eurispes ha proposto al nostro Governo di promuovere una contrattazione su tutti i temi, organizzando un tavolo generale che possa valutare i vantaggi e gli svantaggi per ciascun Paese, senza eccezioni. Non si può essere intransigenti solo sulla spesa pubblica o sul debito, specialmente durante i periodi di crisi e/o con alta disoccupazione. Occorre tenere presenti anche le regole che l’Europa si è data, ma che alcuni Paesi non rispettano, come quella del surplus tra esportazioni e Prodotto interno lordo, che non dovrebbe superare il 6 per cento. Germania, Danimarca, Svezia sono invece all’8 per cento, l’Olanda addirittura al 9. Queste infrazioni non consentono ad altri Paesi, come il nostro, di esportare di più, migliorando i conti economici. Una siffatta riforma dell’Eurozona aiuterebbe a completare le riforme già avviate, a realizzare una governance economica comune dell’UEM e a superare, in tal modo, le conseguenze negative di cui soffrono molti suoi membri. Inoltre, renderebbe più democratico il processo decisionale dell’Eurozona. Sarebbe questa la premessa per trasformare l’Ue e poter risolvere al meglio anche la questione delle migrazioni, della politica sociale e molte altre ancora, sottoscrivendo un “Nuovo Patto comune”, in un auspicabile riequilibrio dell’assetto economico e politico attuale. Tutte le altre sono solo inutili scorciatoie.

Altre opinioni dell'Autore
Sondaggi & Ricerche

Vita di coppia ancora tra i “massimi” desideri. Anche senza figli per 7 su 10

La vita di coppia è ancora una delle aspirazioni importanti della vita? I giovani italiani, donne e uomini, sono disposti a rinunciare alla carriera per curare figli? Qual è e come è cambiato l’atteggiamento rispetto a temi “tabù”? La ricerca dell'Eurispes “Coppie millennials tra stereotipi, nuovi valori e libertà”
di redazione
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Economia

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo