Osservatorio TG

Fiducia: una “giornata particolare”

I Tg di mercoledì 29 aprile – Quando un avvenimento è atteso, invocato, temuto da settimane se non mesi, e preceduto da una giornata come quella di ieri alla Camera, spesso si risolve in un soufflé che esce dal forno già sgonfiato. Questa è l’impressione che rendono i Tg di serata commentando il passaggio della fiducia sul primo articolo dell’Italicum. Una giornata “particolare” ma comunque tranquilla, senza le intemperanze di ieri e, soprattutto, senza quelle sorprese che, afferma Mentana, “qualcuno temeva, qualcuno auspicava ma che gli osservatori non mettevano minimamente i conto”. I capi della pattuglia dei 36 deputati Pd che non hanno risposto alla chiama sono intervistati un po’ da tutti. Il tweet di Renzi che “ringrazia” ma segnala che la strada è ancora lunga, immancabilmente è inquadrato come una “fonte primaria” da tutte le redazioni. Il futuro dei dissidenti Pd, ancora avvolto nelle nebbie. Anche per questo dopo qualche minuto tutti abbandono la Camera per dedicarsi ad altro. Di “particolare” la giornata ha comunque mostrato ex segretari, ex presidenti e plenipotenziari del Pd dividere il loro destino da quello dell’attuale segretario.
Gli obbiettivi su Kathmandu inquadrano il numeratore delle vittime e, soprattutto, l’impreparazione e l’inadeguatezza dei soccorsi. In primo piano su Mediaset le interviste ai primi italiani che hanno già fatto ritorno e le immancabili immagini della corsa contro il tempo per salvare dalle macerie persone ancora in vita.
Su Tg3 ampio spazio alla votazione al Parlamento di Strasburgo che “ a parole” si è espresso per l’equa distribuzione dell’accoglienza ai profughi, mentre Juncker ammette pubblicamente che chiudere Mare Nostrum è stato un errore. “A parole”, dicevamo, perché, come segnala Bianca Berlinguer, Dublino 2 è tutt’altro che archiviato.
Altre “parole” sono quelle che Francesco proferisce contro il maschilismo e la condizione assoggettata delle donne. Non è comunque poco, e ad un Papa non si può chiedere di più che parlare e indicare strade da percorrere. Presente sui Tg Rai.
A 36 ore dall’apertura l’Expo miete i suoi minuti di attenzione, questa volta incentrati soprattutto sui pericoli rappresentati dalle manifestazioni degli antagonisti attese per venerdì; gli odierni i sequestri di armi improprie – trasversalmente preseti su Rai, Mediaset e La7 – non inducono alla serenità.
I Tg Rai e La7 tornano sulle vicende e “intorno” a Mediaset, dando per scontata la vendita del Milan a Mr Bee e per probabile quella di pezzi di Mediaset allo squalo Murdoch o alla Vivendi. Su Tg5, Studio Aperto e Tg4 la casa madre appare, invece, in tutto il suo fulgore: nessun riferimento al Milan, dividendi malgrado un anno difficile e, soprattutto, conferma della “italianità” del gruppo.
Gli scontri e la guerriglia a Baltimora ritornano stasera su quasi tutti, anche perché ciò permette di riproporre la “good news” della mamma che “a schiaffi” impone al figlio di smettere di lanciare sassi alla polizia. L’altra “good news” è l’attesa del Royal Baby 2.0 che nascerà entro poche ore e crescerà con il complesso d’inferiorità verso il fratello maggiore, vera guest star della comunicazione mondiale proprio 2 anni fa. A occuparsene sono – e non nei titoli – solo i Tg Mediaset.

Dati auditel dei TG di martedì 28 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.821.000, 22.08% ore 20:00 5.958.000, 24.21%.
Tg2 – ore 13:00 2.524.000, 15.60% ore 20:30 2.529.000, 9.35%.
Tg3 – ore 14:30 1.660.000, 10.61% ore 19:00 1.756.000, 10.17%.
Tg5 – ore 13:00 3.526.000, 21.58% ore 20:00 4.318.000, 17.24%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.012.000, 14.95% ore 18:30 860.000, 6.28%.
Tg4 – ore 11.30 522.000, 7.10% ore 18:55 887.000, 5.38%.
Tg La7 – ore 13:30 639.000, 3.69% ore 20:00 1.233.000, 4.95%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità