Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Fiducia: una “giornata particolare”

I Tg di mercoledì 29 aprile – Quando un avvenimento è atteso, invocato, temuto da settimane se non mesi, e preceduto da una giornata come quella di ieri alla Camera, spesso si risolve in un soufflé che esce dal forno già sgonfiato. Questa è l’impressione che rendono i Tg di serata commentando il passaggio della fiducia sul primo articolo dell’Italicum. Una giornata “particolare” ma comunque tranquilla, senza le intemperanze di ieri e, soprattutto, senza quelle sorprese che, afferma Mentana, “qualcuno temeva, qualcuno auspicava ma che gli osservatori non mettevano minimamente i conto”. I capi della pattuglia dei 36 deputati Pd che non hanno risposto alla chiama sono intervistati un po’ da tutti. Il tweet di Renzi che “ringrazia” ma segnala che la strada è ancora lunga, immancabilmente è inquadrato come una “fonte primaria” da tutte le redazioni. Il futuro dei dissidenti Pd, ancora avvolto nelle nebbie. Anche per questo dopo qualche minuto tutti abbandono la Camera per dedicarsi ad altro. Di “particolare” la giornata ha comunque mostrato ex segretari, ex presidenti e plenipotenziari del Pd dividere il loro destino da quello dell’attuale segretario.
Gli obbiettivi su Kathmandu inquadrano il numeratore delle vittime e, soprattutto, l’impreparazione e l’inadeguatezza dei soccorsi. In primo piano su Mediaset le interviste ai primi italiani che hanno già fatto ritorno e le immancabili immagini della corsa contro il tempo per salvare dalle macerie persone ancora in vita.
Su Tg3 ampio spazio alla votazione al Parlamento di Strasburgo che “ a parole” si è espresso per l’equa distribuzione dell’accoglienza ai profughi, mentre Juncker ammette pubblicamente che chiudere Mare Nostrum è stato un errore. “A parole”, dicevamo, perché, come segnala Bianca Berlinguer, Dublino 2 è tutt’altro che archiviato.
Altre “parole” sono quelle che Francesco proferisce contro il maschilismo e la condizione assoggettata delle donne. Non è comunque poco, e ad un Papa non si può chiedere di più che parlare e indicare strade da percorrere. Presente sui Tg Rai.
A 36 ore dall’apertura l’Expo miete i suoi minuti di attenzione, questa volta incentrati soprattutto sui pericoli rappresentati dalle manifestazioni degli antagonisti attese per venerdì; gli odierni i sequestri di armi improprie – trasversalmente preseti su Rai, Mediaset e La7 – non inducono alla serenità.
I Tg Rai e La7 tornano sulle vicende e “intorno” a Mediaset, dando per scontata la vendita del Milan a Mr Bee e per probabile quella di pezzi di Mediaset allo squalo Murdoch o alla Vivendi. Su Tg5, Studio Aperto e Tg4 la casa madre appare, invece, in tutto il suo fulgore: nessun riferimento al Milan, dividendi malgrado un anno difficile e, soprattutto, conferma della “italianità” del gruppo.
Gli scontri e la guerriglia a Baltimora ritornano stasera su quasi tutti, anche perché ciò permette di riproporre la “good news” della mamma che “a schiaffi” impone al figlio di smettere di lanciare sassi alla polizia. L’altra “good news” è l’attesa del Royal Baby 2.0 che nascerà entro poche ore e crescerà con il complesso d’inferiorità verso il fratello maggiore, vera guest star della comunicazione mondiale proprio 2 anni fa. A occuparsene sono – e non nei titoli – solo i Tg Mediaset.

Dati auditel dei TG di martedì 28 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.821.000, 22.08% ore 20:00 5.958.000, 24.21%.
Tg2 – ore 13:00 2.524.000, 15.60% ore 20:30 2.529.000, 9.35%.
Tg3 – ore 14:30 1.660.000, 10.61% ore 19:00 1.756.000, 10.17%.
Tg5 – ore 13:00 3.526.000, 21.58% ore 20:00 4.318.000, 17.24%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.012.000, 14.95% ore 18:30 860.000, 6.28%.
Tg4 – ore 11.30 522.000, 7.10% ore 18:55 887.000, 5.38%.
Tg La7 – ore 13:30 639.000, 3.69% ore 20:00 1.233.000, 4.95%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare