Europa – Forte con i deboli…

I Tg di mercoledì 27 aprile – Questo il duro commento con cui il conduttore di Tg La7 conclude l’odierna analisi sullo sconfortante panorama europeo. Un’Unione lacerata dalle (troppe) scelte unilaterali, per ultima la blindatura del Brennero (primo titolo per tutte le testate) con l’Austria pronta anche a “schierare l’esercito”. Un’Unione capace però di farsi compatta quando si tratta di imporre alla Grecia ulteriore rigore e sacrifici, e che trova nel ministro Schauble una voce che ripropone i consueti accenti. Dura con i greci e i profughi: questa la sintesi di Mentana, che lo porta a sottoscrivere la risposta indignata del premier Renzi (secondo titolo per i Tg Rai): “Una scelta contro le regole dell’Europa, il mercato, la storia ed il futuro”. Giudizi analoghi giungono dal ministro degli Esteri Gentiloni, ospite al Tg1, mentre sono Tg3, Tg1 e Tg La7 a entrare nel merito della politica austriaca, che oggi ha varato una legge (definita “anti brennero” da Tg La7) che faciliterà i respingimenti di profughi. Segnaliamo la buona copertura di Tg4 che, guardando all’Europa ed alla storia, ricostruisce l’importanza del valico del Brennero, riflettendo su come l’attuale politica dei muri in Europa (4 su diversi confini) ricalchi dell’idea (tedesca) di un Unione a due velocità.

Lo scandalo che da ieri coinvolge il presidente del Pd campano Graziano in uno scambio di voti e favori con il clan camorristico dei casalesi (titolo per tutti salvo Studio Aperto) riapre la questione morale nel Pd ed infiamma il dibattito politico. Agli interventi uber alles degli M5S si susseguono quelli di Bassolino (Tg3, Tg5 e Tg La7) che parla di “scandalo senza ritorno”. Spazio su Tg1 e sui Mediaset (titolo per Tg4) alla sorte di Palazzo Teti, edificio storico di Santa Maria Capua Vetere al centro dell’inchiesta, in cui venne siglata la resa dell’esercito Borbonico a Garibaldi, e che giace da anni in uno stato di degrado e rischio crolli.

Sul fronte della politica gli ulteriori strappi nel centrodestra, con Salvini che accusa Berlusconi di essere “ricattato da Renzi attraverso le leggi sui diritti tv”, non figurano sui Tg Mediaset, mentre Tg La7 dedica titolo e servizio agli omissis nella biografia politica dei candidati Sala e Raggi.

Passando all’economia, le sferzate della Bundesbank contro la politica monetaria di Draghi e l’eccessiva flessibilità richiesta dall’Italia trovano spazio su Tg3 e Tg La7. Grande lustro sulle testate Mediaset al bilancio 2015 del gruppo, con i consueti strali lanciati contro la maximulta dell’antitrust per le concessioni sul calcio. A proposito di calcio, le voci insistenti di un’imminente cessione del Milan al gruppo cinese Alibaba figura solo sui Tg Rai e La7.

Le vittorie di Clinton e Trump, ormai certi della nomination, vengono trattate dai Tg di serata con titoli e servizi.

Le (paradossali) parole dell’avvocato della “mente” degli attentati di Parigi, Salah Abdeslam, che definisce il suo cliente “intelligente come un posacenere vuoto” scalano le scalette e demoliscono l’immagine del attentatore jihadista dell’Isis che, sembra, sia disposto a collaborare.

Segnaliamo l’approfondimento del Tg2 sullo spreco delle risorse idriche nel nostro Paese, a 5 anni dal referendum sull’acqua pubblica.

In conclusione, congratulazioni a Federica Pellegrini che sarà la nostra portabandiera alle imminenti Olimpiadi di Rio (titolo per Tg1 e Tg5).

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento