Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Giulio Regeni – Italiano, ricercatore e giornalista

I Tg di giovedì 4 febbraio – Apertura inevitabile per tutte le testate sulla drammatica fine di Giulio Regeni, il 28enne dottorando collaboratore de Il Manifesto scomparso da alcune settimane in Egitto e ritrovano morto in un fosso alla periferia de Il Cairo. Grande commozione per l’intero mondo dell’informazione, con ampio spazio agli appelli del Presidente Mattarella e alle dichiarazioni del ministro Gentiloni (Tg Rai). Nei tanti servizi molte le illazioni, ma nessuna sicurezza su di una vicenda di cui ancora troppo poco si sa e molto si teme. La diplomazia impone accortezza e toni misurati, ma certo di fronte alla quasi certezza che il ragazzo sarebbe stato torturato, le responsabilità del regime egiziano potrebbero risultare determinanti. Straniero, ricercatore e giornalista: questa la “miscela” che probabilmente ha causato al giovane italiano una morte orribile.

Gli annunci della Commissione Europea, che prospettano una “limatura” (Tg2) sugli indici di crescita previsti per l’Italia nel 2016, non hanno, come prevedibile, registrato alcuno stupore (titoli per i TG Rai, Tg5 e Tg La7), trattandosi di un lieve peggioramento (la crescita che passa dal 1,5 all’1,4) all’interno di un contesto di complessivo arretramento. Spazio alle parole rassicuranti di Padoan sui Tg Rai, mentre Mentana è l’unico ad interrogarsi sugli effetti del rinvio del decreto banche, spostato alla settimana prossima. Segnaliamo la scarsa attenzione che ha accompagnato le odierne dichiarazioni del Presidente Bce Mario Draghi: “Forze che cospirano contro la risalita dell’inflazione”. Vista l’autorevolezza del personaggio, ci saremmo aspettati qualche tentativo di spiegare e/o di indagare sull’autorevole denuncia. Ma forse ha prevalso la logica della polvere sotto il tappeto, piuttosto che la trasparente ammissione di non sapere cosa dire.

L’affittopoli capitolina continua a registrare titoli e servizi su tutte le testate, con i Tg Rai e Tg5 che vi affiancano le odierne proteste dei movimenti per la casa nella Capitale. Tra i molti approfondimenti, stasera è Tg La7 quello che cerca di non fare di ogni erba un fascio parlando di “caccia alle streghe”. È troppo facile, infatti, cavarsela con la “caccia all’inquilino”, come immancabilmente hanno fatto le troupe di tutte le testate.

“Azione di disturbo”, per le testate Rai e La7, la protesta di 40 senatori (la maggior parte di Lega ed Fi) che sul ddl Cirinna hanno fatto ricorso alla Consulta segnalando un’incostituzionalità procedurale; “ennesima spaccatura”, invece, per le testate Mediaset, che supportano apertamente i parlamentari contrari alle unioni civili.

Attenzione diffusa su quasi tutti i TG per le vicende di “giustizia paradossale”, come le chiama Tg5 nella sua copertina. Il caso cloù è quello del professore 43enne di filosofia, licenziato per non aver autocertificato di esser stato multato 11 anni fa per aver orinato in luogo pubblico.

Ed ora una serie di segnalazioni: bello il servizio del Tg3 sullo spirito delle donne di Colonia con cui si apprestano ad occupare le piazze per il carnevale in una risposta vibrante agli atti scellerati di cui molte sono state vittime durante la notte di capodanno. Interessante il servizio del Tg2 sul presidio psicosanitario del Fate Bene Fratelli dove si curano sia bulli che vittime di bullismo. Ed ancora dal Tg2 un approfondimento assai centrato sulla Polonia, paese con alti tassi di sviluppo (oltre il 3%) ma in preda ad un forte ventata di nazionalismo ed antieuropeismo, con effetti drammatici per le libertà personali e civili e nell’area dell’immigrazione. Tg1 ci ricorda che la solidarietà verso i migranti, seppure poco “di moda” esiste ed è concreta: si veda l’efficacia della campagna di raccolta fondi tra i grandi donatori che in queste ore in Gran Bretagna si dono impegnati per ben 11 miliardi in favore dei profughi siriani. Tg5 ci offre anche stasera un ampio servizio sull’epidemia del Virus Zika.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica