Giulio Regeni – Italiano, ricercatore e giornalista

I Tg di giovedì 4 febbraio – Apertura inevitabile per tutte le testate sulla drammatica fine di Giulio Regeni, il 28enne dottorando collaboratore de Il Manifesto scomparso da alcune settimane in Egitto e ritrovano morto in un fosso alla periferia de Il Cairo. Grande commozione per l’intero mondo dell’informazione, con ampio spazio agli appelli del Presidente Mattarella e alle dichiarazioni del ministro Gentiloni (Tg Rai). Nei tanti servizi molte le illazioni, ma nessuna sicurezza su di una vicenda di cui ancora troppo poco si sa e molto si teme. La diplomazia impone accortezza e toni misurati, ma certo di fronte alla quasi certezza che il ragazzo sarebbe stato torturato, le responsabilità del regime egiziano potrebbero risultare determinanti. Straniero, ricercatore e giornalista: questa la “miscela” che probabilmente ha causato al giovane italiano una morte orribile.

Gli annunci della Commissione Europea, che prospettano una “limatura” (Tg2) sugli indici di crescita previsti per l’Italia nel 2016, non hanno, come prevedibile, registrato alcuno stupore (titoli per i TG Rai, Tg5 e Tg La7), trattandosi di un lieve peggioramento (la crescita che passa dal 1,5 all’1,4) all’interno di un contesto di complessivo arretramento. Spazio alle parole rassicuranti di Padoan sui Tg Rai, mentre Mentana è l’unico ad interrogarsi sugli effetti del rinvio del decreto banche, spostato alla settimana prossima. Segnaliamo la scarsa attenzione che ha accompagnato le odierne dichiarazioni del Presidente Bce Mario Draghi: “Forze che cospirano contro la risalita dell’inflazione”. Vista l’autorevolezza del personaggio, ci saremmo aspettati qualche tentativo di spiegare e/o di indagare sull’autorevole denuncia. Ma forse ha prevalso la logica della polvere sotto il tappeto, piuttosto che la trasparente ammissione di non sapere cosa dire.

L’affittopoli capitolina continua a registrare titoli e servizi su tutte le testate, con i Tg Rai e Tg5 che vi affiancano le odierne proteste dei movimenti per la casa nella Capitale. Tra i molti approfondimenti, stasera è Tg La7 quello che cerca di non fare di ogni erba un fascio parlando di “caccia alle streghe”. È troppo facile, infatti, cavarsela con la “caccia all’inquilino”, come immancabilmente hanno fatto le troupe di tutte le testate.

“Azione di disturbo”, per le testate Rai e La7, la protesta di 40 senatori (la maggior parte di Lega ed Fi) che sul ddl Cirinna hanno fatto ricorso alla Consulta segnalando un’incostituzionalità procedurale; “ennesima spaccatura”, invece, per le testate Mediaset, che supportano apertamente i parlamentari contrari alle unioni civili.

Attenzione diffusa su quasi tutti i TG per le vicende di “giustizia paradossale”, come le chiama Tg5 nella sua copertina. Il caso cloù è quello del professore 43enne di filosofia, licenziato per non aver autocertificato di esser stato multato 11 anni fa per aver orinato in luogo pubblico.

Ed ora una serie di segnalazioni: bello il servizio del Tg3 sullo spirito delle donne di Colonia con cui si apprestano ad occupare le piazze per il carnevale in una risposta vibrante agli atti scellerati di cui molte sono state vittime durante la notte di capodanno. Interessante il servizio del Tg2 sul presidio psicosanitario del Fate Bene Fratelli dove si curano sia bulli che vittime di bullismo. Ed ancora dal Tg2 un approfondimento assai centrato sulla Polonia, paese con alti tassi di sviluppo (oltre il 3%) ma in preda ad un forte ventata di nazionalismo ed antieuropeismo, con effetti drammatici per le libertà personali e civili e nell’area dell’immigrazione. Tg1 ci ricorda che la solidarietà verso i migranti, seppure poco “di moda” esiste ed è concreta: si veda l’efficacia della campagna di raccolta fondi tra i grandi donatori che in queste ore in Gran Bretagna si dono impegnati per ben 11 miliardi in favore dei profughi siriani. Tg5 ci offre anche stasera un ampio servizio sull’epidemia del Virus Zika.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang