Giulio Regeni – Italiano, ricercatore e giornalista

I Tg di giovedì 4 febbraio – Apertura inevitabile per tutte le testate sulla drammatica fine di Giulio Regeni, il 28enne dottorando collaboratore de Il Manifesto scomparso da alcune settimane in Egitto e ritrovano morto in un fosso alla periferia de Il Cairo. Grande commozione per l’intero mondo dell’informazione, con ampio spazio agli appelli del Presidente Mattarella e alle dichiarazioni del ministro Gentiloni (Tg Rai). Nei tanti servizi molte le illazioni, ma nessuna sicurezza su di una vicenda di cui ancora troppo poco si sa e molto si teme. La diplomazia impone accortezza e toni misurati, ma certo di fronte alla quasi certezza che il ragazzo sarebbe stato torturato, le responsabilità del regime egiziano potrebbero risultare determinanti. Straniero, ricercatore e giornalista: questa la “miscela” che probabilmente ha causato al giovane italiano una morte orribile.

Gli annunci della Commissione Europea, che prospettano una “limatura” (Tg2) sugli indici di crescita previsti per l’Italia nel 2016, non hanno, come prevedibile, registrato alcuno stupore (titoli per i TG Rai, Tg5 e Tg La7), trattandosi di un lieve peggioramento (la crescita che passa dal 1,5 all’1,4) all’interno di un contesto di complessivo arretramento. Spazio alle parole rassicuranti di Padoan sui Tg Rai, mentre Mentana è l’unico ad interrogarsi sugli effetti del rinvio del decreto banche, spostato alla settimana prossima. Segnaliamo la scarsa attenzione che ha accompagnato le odierne dichiarazioni del Presidente Bce Mario Draghi: “Forze che cospirano contro la risalita dell’inflazione”. Vista l’autorevolezza del personaggio, ci saremmo aspettati qualche tentativo di spiegare e/o di indagare sull’autorevole denuncia. Ma forse ha prevalso la logica della polvere sotto il tappeto, piuttosto che la trasparente ammissione di non sapere cosa dire.

L’affittopoli capitolina continua a registrare titoli e servizi su tutte le testate, con i Tg Rai e Tg5 che vi affiancano le odierne proteste dei movimenti per la casa nella Capitale. Tra i molti approfondimenti, stasera è Tg La7 quello che cerca di non fare di ogni erba un fascio parlando di “caccia alle streghe”. È troppo facile, infatti, cavarsela con la “caccia all’inquilino”, come immancabilmente hanno fatto le troupe di tutte le testate.

“Azione di disturbo”, per le testate Rai e La7, la protesta di 40 senatori (la maggior parte di Lega ed Fi) che sul ddl Cirinna hanno fatto ricorso alla Consulta segnalando un’incostituzionalità procedurale; “ennesima spaccatura”, invece, per le testate Mediaset, che supportano apertamente i parlamentari contrari alle unioni civili.

Attenzione diffusa su quasi tutti i TG per le vicende di “giustizia paradossale”, come le chiama Tg5 nella sua copertina. Il caso cloù è quello del professore 43enne di filosofia, licenziato per non aver autocertificato di esser stato multato 11 anni fa per aver orinato in luogo pubblico.

Ed ora una serie di segnalazioni: bello il servizio del Tg3 sullo spirito delle donne di Colonia con cui si apprestano ad occupare le piazze per il carnevale in una risposta vibrante agli atti scellerati di cui molte sono state vittime durante la notte di capodanno. Interessante il servizio del Tg2 sul presidio psicosanitario del Fate Bene Fratelli dove si curano sia bulli che vittime di bullismo. Ed ancora dal Tg2 un approfondimento assai centrato sulla Polonia, paese con alti tassi di sviluppo (oltre il 3%) ma in preda ad un forte ventata di nazionalismo ed antieuropeismo, con effetti drammatici per le libertà personali e civili e nell’area dell’immigrazione. Tg1 ci ricorda che la solidarietà verso i migranti, seppure poco “di moda” esiste ed è concreta: si veda l’efficacia della campagna di raccolta fondi tra i grandi donatori che in queste ore in Gran Bretagna si dono impegnati per ben 11 miliardi in favore dei profughi siriani. Tg5 ci offre anche stasera un ampio servizio sull’epidemia del Virus Zika.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento