Gli eroi si dimenticano presto


 

Tutti i vocabolari concordano nel definire “eroe” chi dà prova di straordinario coraggio e abnegazione.

In tempo di pandemia gli eroi sono, soprattutto, i medici e gli infermieri. Loro il coraggio lo hanno dovuto trovare, mentre in fatto di abnegazione possiamo definirla routine quotidiana.

Contro il virus prima hanno combattuto a mani nude; poi con il fucile a pallini; ora, facendosi iniettare per primi il vaccino preparato a tempo di record.

Tra i tanti pugni nello stomaco che ci infligge il Covid-19 abbiamo incassato anche l’insulto via social alla giovane infermiera dello Spallanzani di Roma, che ha offerto il braccio al primo ago che le iniettava l’antidoto contro la nuova peste.

È vero, un post su Facebook non cambia la vita, soprattutto di questi tempi.

Ma dobbiamo essere consapevoli che dietro la naturale valanga di solidarietà e biasimo, si nasconde ancora chi nega la scienza e augura che quel prodotto sia mortale e non salvifico.

Noi giornalisti abbiamo speso fiumi di parole contro il negazionismo, che neanche i Jalisse.

E vi prego di non scomodare la democrazia e la libertà di opinione, cose ben più serie.

Sta di fatto che non si vede il cambio di mentalità nel considerare unico il bene della salute.

Per medici e infermieri per ora pochi euro; nel Recovery Plan solo 9 miliardi per il capitolo specifico della Sanità; di MES, guai solo a parlarne.

Rimane lo sconforto e qualche vana speranza, con l’amara constatazione che gli eroi si dimenticano presto.

Buon 2021.

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro